Forse molti non sanno che una delle funzionalità gratuite di Google Docs permette di creare velocemente survey, sondaggi e questionari.

Il funzionamento è estremamente semplice e intuitivo, la grafica è personalizzabile e non vi è traccia di pubblicità: è quindi utilizzabile anche in ambito business senza particolari controindicazioni.

Una volta creato, il modulo diventa una pagina pubblica, aperta a tutti senza autenticazione. Ecco un esempio di un nostro modulo post-webinar, inviato a tutti i partecipanti al termine del seminario online:

Il modulo post-webinar di MailUp.

Una funzione, quella di Google, che puoi trovare anche sulla piattaforma MailUp: nella sezione Autoprofilazione trovi un comodo editor drag & drop per creare moduli di sondaggio in semplici operazioni di trascinamento e rilascio.

Google e MailUp: due editor a confronto

I vantaggi di Google Moduli sono:

  • Editing immediato, con libreria di moduli già pronti
  • Report grafici con incroci
  • Widget per incorporare il questionario in blog e siti
  • Campi illimitati da inserire nel modulo
  • Pubblicazione del modulo, accessibile da chiunque.

Google Docs consente anche l’invio del modulo (attraverso la rubrica di Gmail), ma il messaggio non è personalizzabile e risulta in definitiva troppo essenziale.

L'editor di Google Docs.

L’editor di MailUp – che trovi nella sezione Autoprofilazione della piattaforma – offre anche altri vantaggi:

  • Il risultato in MailUp è legato univocamente all’indirizzo email di chi l’ha compilato
  • Le risposte vanno direttamente a popolare il tuo database su MailUp, quindi puoi usare le risposte per arricchire l’anagrafica e profilare, senza fare altre operazioni di import/export
  • Puoi sfruttare le funzioni di marketing automation (di email o sms) per innescare invii automatici in relazione alle risposte (o alle non risposte)
  • A seconda della risposta, la piattaforma fa confluire il destinatario in un determinato gruppo o lista
  • Puoi autenticare la compilazione (con un link univoco inviato al destinatario)
  • Puoi inviare solleciti a chi ancora non ha risposto
  • Puoi gestire la disiscrizione dell’utente dalla lista
  • Puoi definire date di apertura e chiusura del sondaggio.

Dunque, se il tuo obiettivo è avere sondaggi e questionari aperti a tutti, dove non c’è il rischio di compilazioni multiple volte a distorcere il risultato, probabilmente Google Docs è la strada migliore; se invece vuoi creare un questionario per arricchire il database di nuove informazioni con cui profilare meglio i successivi invii, allora l’editor MailUp è senz’altro lo strumento adeguato.

L'editor per creare moduli di autoprofilazione

L’unione fa la forza

Per combinare le funzioni di Google Docs e di MailUp è sufficiente:

  1. Creare il form su Google Docs
  2. Incollare il link di partecipazione all’interno della campagna che hai creato con MailUp
  3. Inviare l’invito a partecipare
  4. Consulta i report statistici sulla piattaforma: puoi conoscere chi ha cliccato sul link per accedere al modulo; poi esporta da Google Docs il file excel con tutte le risposte.

Hai già combinato le funzioni di MailUp con quelle di Google Docs? Raccontaci com’è andata! E se ancora non hai provato MailUp, richiedi una prova gratuita della piattaforma per 30 giorni.

MailUp trial

Questo blog post è stato aggiornato in data 14/11/2016

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Nozioni base per sviluppare email HTML responsive

Come in una costruzione, occorrono solide fondamenta: oggi vediamo le operazioni per gettare le basi delle tue campagne, garantendo la corretta visualizzazione sui vari client ...

Continua a leggere

Il ciclo di vita nell’Email Marketing: come estenderlo migliorando l’engagement

Nessun rapporto è per sempre, soprattutto tra aziende e clienti. Nell’Email Marketing il fattore chiave del ciclo di vita è l’engagement: scopriamo le sue metriche, ...

Continua a leggere

Nel futuro dell’Email Marketing: in Gmail arrivano le email “navigabili”

Grazie all’AMP, i brand ora possono lanciare campagne interattive dove il destinatario può sfogliare cataloghi di prodotti, prenotare viaggi e molto altro, senza lasciare l’email. ...

Continua a leggere

5 segreti per email ad alta conversione

Dall'oggetto alle tempistiche, dalla psicologia al pubblico, e altro ancora. Ecco 5 suggerimenti per lanciare campagne di grande rendimento, rispettando le aspettative e inviando esattamente ...

Continua a leggere

Coerenza e consistenza del brand: cosa sono e come applicarle alle tue email

Per il 41% dei consumatori sono fattori più importanti dell'autenticità e della trasparenza. Vediamo come dare alla tua strategia di Email Marketing una solida brand ...

Continua a leggere

Osservatorio Statistico 2019: numeri, grafici e benchmark di un anno di Email Marketing

Lavorando su un bacino di 13 miliardi di email inviate da oltre 11.000 clienti, l’Osservatorio offre report approfonditi dedicati ai risultati di newsletter, DEM, settori ...

Continua a leggere