Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min

 

E’ stato presentato ieri il Power Of Direct Report 2009 di DMA. L’autorevole report analizza il direct marketing advertising negli USA dall’ormai lontano 1995. Complessivamente l’advertising legato ad iniziative di direct marketing superano il 50% del totale dell’advertising negli USA.

La spese su Internet è stata distinta tra:
– mobile
– internet display
– search
– social networking
– altro

Direct Marketing Association

Approfondendendo la parte relativa all’email marketing, si conferma anche nel 2009 lo straordinario risultato dell’email, in termini di ROI, rispetto agli altri canali.

Sebbene in leggera flessione, infatti, un dollaro investito nel direct email rende mediamente oltre $43, staccando in modo considerevole ogni altro canale. Al secondo posto infatti troviamo il search, per cui per ogni dollaro investito si ha un ritorno di $22. Segue il direct mailing cartaceo: $1 investito ritorna $15 ($7 nel caso di invio di cataloghi).

L’email rimane però un canale di nicchia: raccoglie infatti investimenti per circa $600 milioni, pochi rispetto agli $11,2 miliardi raccolti dal search.

La notizia non può che farmi piacere naturalmente, e spingerci a lavorare insieme ai nostri clienti per realizzare campagne di qualità, che siano rilevanti per i destinatari e ovviamente gestite non solo nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, ma anche in modo etico, trasparente e rispettoso (v. Manifesto Email Marketing 2.0). La possibilità di gestire più canali con una stessa console – che sarà ancora più enfatizzata nel nuovo MailUp 7 – non potrà che agevolare questi obiettivi.

Il report è disponibile a pagamento qui:
http://www.the-dma.org/cgi/dispannouncements?article=1335

Ho la senzazione che il mercato italiano sia ancora molto frammentato e immaturo, tanto che anche solo fare un’analisi paragonabile a quella americana potrebbe essere molto complicato.

Anche dal punto di vista legislativo la situazione è instabile, basti pensare alla recente proposta di legge (precisamente un emendamento del sen. Malan alla conversione in legge conversione in legge del DL 135/2009) che prevede l’introduzione della modalità opt-out, invece dell’attuale opt-in, e l’istituzione di un registro nazionale dove chi non vuole essere disturbato deve iscriversi.

Al pari quindi delle “suppression list” negli UK e in Francia, tra l’altro già oggetto di abusi tanto che ora si raccomanda vengano criptate MD5.

Riguarderà solo il telemarketing, che tra l’altro vede scadere il 31/12/2009 il decreto mille-proroghe, o anche l’email?

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

5 efficaci tecniche di copywriting per migliorare il CTR delle email

Secondo Templafy, una persona riceve in media 121 email al giorno. Si tratta di 121 messaggi diversi, 121 promozioni diverse, 121 call-to-action diverse. Con tutte queste ...

Continua a leggere

Tutorial: come creare un’email con griglia di immagini per desktop e mobile

Vuoi progettare un'email semplice e piacevole che possa essere visualizzata senza problemi sui dispositivi mobili anche con diverse foto? Sei nel posto giusto. Il post ...

Continua a leggere

Quanto valgono le tue campagne? Tutto sul ROI dell’Email Marketing

Cos’è, come calcolare e con quali azioni ottimizzare la metrica del canale email che risponde alla più urgente delle domande: “quanto rendono le mie campagne ...

Continua a leggere

Come si fa una newsletter?

Passo passo, ti accompagniamo nella creazione di un template di newsletter responsive, dal design professionale e allineato alla brand identity. Creare una newsletter oggi è questione ...

Continua a leggere

15 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Abbiamo individuato 15 gemme funzionali nascoste nella piattaforma: piccole quanto decisive per portare le tue attività di Email Marketing a un livello avanzato. Creazione, invio, ...

Continua a leggere

L’estate manda a picco i tassi di apertura? 5 idee per evitarlo

Arriva la bella stagione e molti business vedono rallentare le performance delle proprie email estive. Esistono rimedi efficaci per scongiurare questi cali: li scopriamo insieme. 1. ...

Continua a leggere