10 min

E’ stata pubblicata oggi una ricerca di ENISA (European Network and Information Security Agency) che ha intervistato 92 provider europei, che gestiscono complessivamente oltre 70 milioni di caselle email. L’argomento era lo spam, come è percepito e quali sono le scelte dei provider per combatterlo. Un report quindi interessante non solo per gli ISP, ma anche per chi spedisce grossi volumi di email e cerca di evitare falsi positivi.

Secondo la ricerca, lo spam, prima che per gli aspetti di banda e costi dell’infrastruttura, incide prima di tutto sulla qualità del servizio percepita dai clienti. La capacita di filtrare correttamente lo spam evitando falsi positivi è spesso una importante leva competitiva per i provider, per questo gli investimenti importanti. Non solo in infrastuttura e manutenzione: in media il 10% delle chiamate al servizio di help desk riguardano proprio lo spam.
Nonostante questo, il 20% dei provider non ha ancora attivato un abuse desk per gestire le segnalazioni di spam.

Per individuare lo spam in uscita dai provider, queste sono le tecniche più usate, in media:

– tenere traccia di lamentele e segnalazioni 72%
– monitorare i picchi di traffico 55%
– traffico anomalo in relazione all’autenticazione 50%
– servizi esterni per la reputazione 45%
spam trap 38%

Da notare che le spam trap sono usate dal 70% dei grandi provider.

Per individuare e bloccare lo spam in ingresso, le tecniche usate sono basate su:

antispam-technology

Dalla ricerca emerge che i provider più grandi stanno incrementando anno dopo anno l’uso dei sistemi di reputazione e di autenticazione. In particolare il DKIM è salito in 2 anni dal 5% al 17%, mentre il Sender ID Framework è passato dal 5% al 9%. L’SPF si attesta al 38%. Il reverse-Mx è usato da circa il 25% dei provider:  mi sarei aspettato una percentuale ben più alta.

Cosa succede una volta che è rilevata un’origine di spam? Il 68% degli ISP contatta il provider che invia spam, arrivando a bloccare (33%) a livello SMTP o di IP nel caso il problema non venga risolto.

Come viene costruita la reputazione di un IP? I più grossi provider usano un database mantenuto internamente, il 55% usa database disponibili gratuitamente mentre circa il 20% utilizza database a pagamento.

Sulle blacklist, sebbene siano uno degli strumenti più usati, vi sono parecchie perplessità. Circa il 75% dei provider, che diventa il 100% guardando i più grandi, ha visto infatti propri IP registrati o mantenuti in queste blacklist per “errore”.  Uscirne è difficile per oltre il 60% dei provider più grandi.

Il meccanismo dei Feedback Loop è gestito da circa il 30% dei provider, percentuale che sale al 50% per i più grandi. Oltre il 60% utilizza il formato ARF per processare le segnalazioni di spam.

Un terzo dei provider ritiene che la normativa vigente è contradditoria, perchè richiede la consegna dei messaggi email e la protezione della privacy, che però spesso necessita dell’analisi del contenuto dei messaggi, con impatto quindi sulla privacy.

Dall’applicazione dei vari metodi, ben rappresentati nello schema sotto, risulta alla fine che solo il 4,4% delle email viene effettivamente consegnata ai destinatari.

 antispam

 

 

 

 

 

La guerra contro lo spam quindi continua e la strada segnata pare sia comunque quella legata ai sistemi di autenticazione legata a sistemi di reputazione. MailUp supporta le principali tecnologie (SPF, SenderID, DKIM) ed è inoltre in grado di processare automaticamente anche i feedback loop in formato ARF, grazie all’accordo con oltre 10 differenti provider.

La ricerca integrale è disponibile qui:
http://www.enisa.europa.eu/act/res/other-areas/anti-spam-measures/studies/spam-survey

I dati combaciano abbastanza con una diversa ricerca, svolta a fine 2008 dall’MAAWG:
http://www.maawg.org/about/MAAWG_2008-Q3Q4_Metrics_Report.pdf

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Halloween awards: le migliori 6 campagne da cui trarre ispirazione

Abbiamo selezionato le email che brillano per efficacia e creatività declinata alla festa del 31 ottobre: una medaglia per ogni elemento della campagna, dall’oggetto all’immagine, ...

Continua a leggere

Quanto costa una campagna di Email Marketing?

Tra costi-tecnologia e costi-uomo, cerchiamo di capire quanto costa una campagna di Email Marketing e, se è vero quanto si dice, che è il canale ...

Continua a leggere

Email Marketing Automation: che cos’è e tutte le funzioni per farlo

Scopriamo in cosa consiste la Marketing Automation applicata al canale email, i vantaggi che porta alle aziende e le funzioni che consentono di convertire le ...

Continua a leggere

Email Marketing Manager: chi è e cosa fa

Scopriamo le skill e alcuni dati interessanti su questo profilo strategico per le aziende, tracciando insieme un’ideale job description, tra requisiti necessari e competenze per ...

Continua a leggere

Retention Email Marketing: 7 tecniche per abbattere il churn rate

La retention non è una strategia da impugnare solo all’accensione della spia “churn rate”, ma un’attività da condurre con continuità: ecco 7 campagne email con ...

Continua a leggere

L’ambiente sempre più al centro: +32% le campagne a tema “green“

Nel nostro ultimo studio abbiamo analizzato la ricorrenza delle tematiche ambientali nei messaggi inviati tra 2018 e 2019. Cosa è emerso? Un’attenzione in costante crescita ...

Continua a leggere