10 min

Sembrerebbe che Facebook stia lavorando a Facebook Mail, un sistema di posta gratuito in grado di competere con i giganti (Hotmail, Yahoo!, AOL, Gmail) forte del suo bacino di oltre 400.000.000 di utenti. Gli indirizzi saranno @facebook.com e saranno gestibili come ogni classica webmail, con accessi POP e IMAP.
Il creatore di Gmail Paul Buchheit, meglio noto come fondatore di Friendfeed (acquisito da Facebook lo scorso anno) potrebbe essere coinvolto nel progetto – anche se ha smentito in qualche modo – così come diversi Postmaster che starebbero lasciando AOL.

Una casella come tante altre? Tra quello che trapela, l’elemento caratterizzante, oltre all’ovvia integrazione nell’ambiente social media, sarebbe il controllo estremo dello spam, tale da poter mettere anche in difficoltà i marketer legittimi. Alcuni dicono infatti che sarà il primo sistema di posta 100% spam free, completamente basato sulle whitelist: solo chi è già autorizzato può inviare, gli altri vengono rifiutati a priori. Sicuramente un proposito accattivante, che però potrebbe rimanere solo un ottimo claim commerciale.

“Gmail killer” come pare venga chiamato all’interno da alcuni dipententi di Facebook? Sicuramente è una risposta a Google, che aveva affiancato Buzz a Gmail solo poche settimane fa’, e un modo per aumentare le pageview e relativi introiti pubblicitari.

Il processo di avvicinamento di Facebook alle email è già iniziato: attraverso le API dal 20 Gennaio 2010 è già possibile ottenere l’accesso all’indirizzo email degli utenti (sotto la loro approvazione).

Con le recenti modifiche alla gestione della privacy (informazioni di contatto) è ora anche possibile specificare chi è autorizzato ad inviare “messaggi”:

facebook-webmail

Per ora il default è su TUTTI.

Nel frattempo si suggerisce di prenotare il proprio indirizzo di posta (che potrebbe essere equivalente al vanity name ottenibile qui ) se si disponde di almeno 25 fan.

Sinceramente risulta difficile immaginare una casella email che non si possa utilizzare per iscriversi ad una newsletter, o per acquistare qualcosa su un sito o ricevere notifiche, o per utilizzare uno dei tanti servizi informativi via email, senza dover diventare “amici” o comunque obbligare l’autenticazione tramite Facebook.

Mi aspetterei invece un nuovo sistema di webmail che capitalizzi al meglio le esperienze migliori nella lotta allo spam, a partire dall’autenticazione DKIM, List-Unsubscribe ecc. Dall’altra parte, se davvero si confermasse l’equivalenza tra l’URL vanity e l’indirizzo email, sarebbe davvero facile per uno spammer ricostruire un elenco di indirizzi email; probabilmente meno facile farlo senza incappare in qualche spamtrap.

La fonte originale della notizia è Techcrunch.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Halloween awards: le migliori 6 campagne da cui trarre ispirazione

Abbiamo selezionato le email che brillano per efficacia e creatività declinata alla festa del 31 ottobre: una medaglia per ogni elemento della campagna, dall’oggetto all’immagine, ...

Continua a leggere

Quanto costa una campagna di Email Marketing?

Tra costi-tecnologia e costi-uomo, cerchiamo di capire quanto costa una campagna di Email Marketing e, se è vero quanto si dice, che è il canale ...

Continua a leggere

Email Marketing Automation: che cos’è e tutte le funzioni per farlo

Scopriamo in cosa consiste la Marketing Automation applicata al canale email, i vantaggi che porta alle aziende e le funzioni che consentono di convertire le ...

Continua a leggere

Email Marketing Manager: chi è e cosa fa

Scopriamo le skill e alcuni dati interessanti su questo profilo strategico per le aziende, tracciando insieme un’ideale job description, tra requisiti necessari e competenze per ...

Continua a leggere

Retention Email Marketing: 7 tecniche per abbattere il churn rate

La retention non è una strategia da impugnare solo all’accensione della spia “churn rate”, ma un’attività da condurre con continuità: ecco 7 campagne email con ...

Continua a leggere

L’ambiente sempre più al centro: +32% le campagne a tema “green“

Nel nostro ultimo studio abbiamo analizzato la ricorrenza delle tematiche ambientali nei messaggi inviati tra 2018 e 2019. Cosa è emerso? Un’attenzione in costante crescita ...

Continua a leggere