10 min

Google ieri ha lanciato per tutti i suoi utenti, una nuova funzionalità con lo scopo di limitare lo SPAM all’interno delle caselle di Posta Elettronica. Negli ultimi anni l’apertura di Internet è diventato un fattore chiave per garantire una comunicazione senza confini, ma lo stesso fattore ha creato un terreno fertile per gli spammer, come dimostra il continuo flusso di false comunicazioni da banche, governi o principi Nigeriani.

Al fine di cercare di arginare questo problema, Google Apps da la possibilità di aggiungere una firma digitale all’header dei propri messaggi di posta elettronica, unica in base al dominio dal quale è stata mandata, il tutto conforme allo standard DKIM. In questo modo coloro che ricevono la mail sono in grado di analizzare la firma digitale e verificare se il messaggio arriva veramente dal dominio indicato e che questo non sia stato modificato durante il tragitto.

Per capire meglio i vantaggi di questa certificazione, c’è la necessità di capirne il funzionamento. Nel DNS del dominio del mittente, identificabile all’interno del dominio presente nell’indirizzo del mittente, occorre pubblicare un codice che corrisponde ad una chiave pubblica univoca. Per sua natura questa chiave pubblica è collegata univocamente ad una chiave privata, che rimane invece registrata nel server SMTP (server di posta in uscita) del mittente. Il server ad ogni invio genera un codice alfanumerico, che viene inserito all’interno dell’header del’email, una volta spedito, il server che riceve il messaggio esegue il processo per verificarne l’autenticità, scaricando dal DNS la chiave pubblica e confrontando i risultati della computazione, derivandone quindi l’autenticità di chi ha inviato e l’integrità di quanto inviato.
Una volta che il server di destinazione ha verificato il messaggio, potrà utilizzare questa informazione per identificare che tipo ed il grado di reputazione che possiede, avvalendosi su proprie informazioni storiche o contenute in terzi servizi.

Come accennato precedentemente, questo sistema è un ottimo per bloccare lo SPAM, gli spammer possono creare facilmente un “FROM Address” in modo che il messaggio appaia inviato da un utente appartenente da un altro dominio, ma è improbabile che abbiano accesso amministrativo al DNS del dominio, rendendosi facilmente identificabili e compromettendo la reputazione del dominio altrui, considerando questi aspetti, il protocollo è più sicuro rispetto al SPF.

Per quanto riguarda l’invio delle Newsletter e DEM, il procedimento è simile, infatti MailUp dal 2007 è autenticato DKIM, garantendo la delivery della campagne dei suoi clienti, utilizzando il proprio ranking per certificare la genuinità delle comunicazioni dei propri clienti. Non avere un sistema di autenticazione non significa ovviamente vedere i propri messaggi bloccati automaticamente, ma può significare rinunciare ad una corsia privilegiata, che ad esempio comporti la consegna del messaggio senza l’attraversamento di sempre più complessi e selettivi filtri antispam.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere

5 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Dalla gestione automatizzata di eventi e appuntamenti fino alle pagine post-iscrizione orientate alla vendita. Ecco 5 risorse della piattaforma che forse non conoscevi. Nel nostro blog ...

Continua a leggere

Disiscrizione dei destinatari: le 6 fondamentali best practice

Un database in salute passa per un’oculata gestione del processo di disiscrizione. Ecco allora le azioni imprescindibili per volgere a proprio favore la cancellazione di ...

Continua a leggere