10 min

Nell’e-commerce, ancor più di altri settori, l’email marketing ricopre un ruolo assolutamente indispensabile. Diversi studi evidenziano infatti come l’email marketing sia la risposta più efficace ad uno degli aspetti più cruciali per i negozi online: i carrelli abbandonati. Il 60-70% delle procedure d’acquisto sul web non vengono portate a termine dagli utenti, lasciando in sospeso il processo. Le cause di abbandono sono molteplici:

  • timori sulla sicurezza della transazione;
  • dubbi sull’affidabilità del servizio;
  • spese aggiuntive non preventivate;
  • lunghe registrazioni;
  • metodi di pagamento non disponibili;
  • località non coperte dal vettore di spedizione:
  • ripensamenti e verifica di offerte dei competitor.

Alcuni di questi problemi possono essere risolti attraverso diversi accorgimenti tra cui l’attivazione di campagne di remarketing anche abbinate ad attività di upselling.
La possibilità di recuperare transazioni abbandonate è un importante opportunità che, se sfruttata correttamente, può consentire alti tassi di conversione. Secondo Ecommerce Specialist infatti le campagne email relative ai carrelli abbandonati producono tassi di apertura del 50% e il 20% in più di acquisti rispetto alle normali campagne DEM. Diventa perciò indispensabile per ogni attività di e-commerce capire e scegliere la miglior strategia e il miglior sistema in grado di supportare quest’attività di remarketing, riacquistando così i propri clienti.

Qualunque sia l’approccio scelto, ci sono dei consigli sempre validi per ottimizzare quest’attività, quali ad esempio l’utilizzo di un sistema professionale per l’email marketing, in grado di creare invii automatici e programmati al verificarsi di determinate azioni e/o eventi, per rispondere così con tempestività e prontezza. A livello operativo è necessario individuare un timing personalizzato e testato sulle proprie attività con cui inviare le comunicazioni di remarketing. Partendo dalla consapevolezza che quanto prima si invia la mail, maggiore sarà la probabilità di catturare un cliente che altrimenti potrebbe iniziare a guardare altrove. Generalmente vengono scelte le seguenti tempistiche di ricontatto: dopo 1, 24 o/e 72 ore. Ma ci sono anche casi in cui i risultati migliori si ottengono inviando 7 giorni dopo l’abbandono del carrello.

Alcuni effetti negativi, però, potrebbero presentarsi riducendo eccessivamente i tempi di invio, nel dettaglio:

  • la sensazione dell’utente di essere osservato;
  • offrire uno sconto ad utenti che avrebbero comunque portato a termine la transazione a prezzo pieno pochi minuti dopo, perdendo così una percentuale di guadagno.

Inserire nella mail di contatto un link di rimando al sito d’acquisto mantenendo i dati precedentemente inseriti, evitando che l’utente rinunci perché demotivato dalla ricompilazione di lunghi form, aumentando così le possibilità di conversione.
I contenuti della email di ricontatto possono esser molteplici:

  • Incentivazione degli utenti all’acquisto con l’invio di una promozione di sconto e/o azzerando i costi di spedizione;
  • Invio reminder dell’acquisto in sospeso e qualora alcuni oggetti selezionati in promozione, siano in scadenza o stiano per uscire di stock ricordare di affrettarsi a concludere la transazione;
  • Invio e-mail in cui vengono indicati eventuali prodotti correllati all’acquisto in corso in modo da incentivare l’utente a concludere la transazione effettuando anche un’operazione di upselling sulla base degli interessi dimostrati;
  • Invio di un questionario di customer satisfaction successivo all’acquisto;
  • Invio di suggerimenti per utilizzare al meglio il prodotto acquistato.

Per poter sfruttare al meglio tutte le opportunità offerte da una corretta gestione dell’e-mail marketing, è necessario partire dalla struttura del proprio sistema, richiedendo fin dai primi passaggi l’indirizzo email e l’autorizzazione al trattamento dei dati per poter così ricontattare attraverso l’ invio automatico di email o SMS, gli utenti che non portano a termine la transazione e cercare di riconquistarli.

Per ulteriori approfondimenti si segnala la sezione Strategie per l’Email Marketing  e il documento di presentazione dell’ Integrazione con Magento sul sito MailUp.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

La gestione dei disiscritti: come creare il tuo flusso con Database Building

Abbiamo messo nero su bianco i 5 step per configurare il tipo di opt-out, le pagine di post-disiscrizione, il Centro preferenze e il footer delle ...

Continua a leggere

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere