Nei precedenti post abbiamo analizzato le best practice relative al mondo dell’email marketing (dalla costruzione delle liste alla gestione delle disiscrizioni) e trattato anche dell’ottimizzazione dei messaggi email sugli smartphone. In questo articolo affrontiamo invece il tema dell’invio degli SMS, canale di comunicazione che coinvolge anche i cellulari di precedente generazione. Questo strumento può rivelarsi altamente performante e, se integrato con particolari tecniche di Email Marketing, è in grado di creare nuovi punti di contatto che consentono di ampliare il raggio d’azione del proprio mix comunicativo.

Gli utenti hanno con gli SMS un rapporto totalmente differente rispetto ad altri strumenti, basti pensare che il tasso di apertura dei messaggi è del 97%, di cui l’87% avviene entro i 15 minuti dalla ricezione (dato di ClickZ ).

Questa sostanziale garanzia di recapito dei contenuti è un aspetto determinante, soprattutto in casi in cui si renda necessaria un’informazione rapida e precisa, come nei servizi di assistenza agli utenti forniti da agenzie viaggi o compagnie aeree per notificare ritardi, cambi relativi agli itinerari o alle prenotazioni. La caratteristica del mezzo permette inoltre di creare nuove opportunità di up selling, di acquisti last minute, consentendo di migliorare il proprio servizio al cliente, anche con comunicazioni post vendita puntuali.

L’efficacia del mezzo non deve però spingerci ad abusarne. Contattare l’utente con troppa assiduità via SMS potrebbe rivelarsi infatti deleterio, considerando quanto sia sensibile a questo stimolo particolare. E’ preferibile quindi utilizzarli per comunicazioni rilevanti ma non assidue, in modo da non abusare della pazienza dei clienti.

Nonostante gli SMS siano uno straordinario strumento di raccordo tra l’online e l’offline, ancora poche aziende ne hanno realmente colto l’efficacia, dimenticandosi di inserirlo tra le proprie attività di marketing e comunicazione.

Ogni canale di comunicazione ha una propria peculiarità e caratteristiche differenti rispetto alle altre. Integrare tra loro SMS, email, social network e canali più tradizionali, significa raggiungere nuovi obiettivi che potrebbero tradursi in maggiori profitti per l’azienda. Per fare un esempio concreto vi ricordiamo che è possibile, attraverso l’opzione Marketing+, utilizzare i dati di profilazione che derivano dall’invio dei messaggi email per definire, in modo rapido e tempestivo, segmenti a cui inviare comunicazioni via SMS.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come funziona il marketing via SMS?

Un’ampia panoramica per spiegarti l’abc di questo fondamentale canale: quali obiettivi di marketing e relazione puoi raggiungere, quali step seguire per implementare il canale ex ...

Continua a leggere

5 fatali errori di SMS Marketing

Dall’approccio last minute a quello one size fits all, fino alle errate tempistiche di invio. Vediamo gli usi limitativi e controproducenti del canale SMS per ...

Continua a leggere

La storia degli SMS: genesi ed evoluzione in 160 caratteri

Dalle ricerche degli anni 80 fino al marketing conversazionale dei nostri giorni. Storia, curiosità e caratteristiche dello short message service. La Silicon Valley era lontana, e ...

Continua a leggere

L’SMS giusto al destinatario giusto: guida alla segmentazione

Geografico, demografico, comportamentale, ciascuno articolato al suo interno in sottocriteri. Vediamo i parametri con cui suddividere i destinatari, per campagne SMS davvero rilevanti. Se l’email ...

Continua a leggere

Quando inviare SMS: le regole (quasi) universali

Quando inviare SMS per massimizzarne l'efficacia? Le fasce orarie, i giorni della settimana e i momenti del week end in cui lanciarli, valorizzando contenuti e ...

Continua a leggere

Come scrivere SMS che funzionano

Abbiamo analizzato gli aspetti fondamentali nel processo di redazione di un messaggio di testo, per capire quali elementi di scrittura determinano il successo o il ...

Continua a leggere