10 min

Lo spam non è solo un fastidioso disagio per le nostre caselle di posta, ma produce anche un impatto negativo sull’ambiente.

Una recente infografica pubblicata da WebpageFX illustra il processo ed evidenzia come lo spam sia in parte responsabile dell’inquinamento globale. Secondo i dati pubblicati nel documento, ogni email di spam produce emissioni di CO2  che, unite al volume di anidride carbonica prodotta a livello mondiale, incidono sulla situazione ambientale planetaria.

La relazione annuale di McAfee, società di software di sicurezza, indica in un totale di 33 miliardi di Kwh l’energia usata per trasmettere, elaborare e filtrare la posta indesiderata. La cifra equivale all’energia utilizzata in 2,4 milioni di case ed è comparabile, in termini di quantità di emissioni di gas serra, a ben 3,1 milioni di auto che consumano complessivamente 7 miliardi e mezzo di litri di benzina.

Lo spam quindi non si limita a “inquinare virtualmente” le nostre caselle di posta con messaggi indesiderati, ma ha anche un reale e negativo effetto sull’ambiente che ci circonda.

MailUp aderisce al progetto Impatto Zero® di Lifegate: oltre a compensare la produzione di CO2, sanziona con una penale qualunque attività di spam proibita. Inoltre, si impegna a monitorare costantemente l’attività dei propri clienti per assicurare il rispetto delle regole e l’assenza di abusi.

Con gli anni, la lotta allo spam ha fatto sì che si sviluppassero tecnologie di filtraggio utili a proteggere le caselle di posta degli utenti, riducendo il fastidio di indirizzi intasati da messaggi indesiderati e risparmiando perdite di tempo per operazioni di cancellazione.

In linea con la legge sulla privacy, queste tecnologie hanno costretto chi invia email con il preventivo consenso dei propri contatti a rispettare sempre più stretti criteri per raggiungere la cartella di posta in arrivo e non finire, invece, tra la posta indesiderata.

Adottare sistemi professionali per inviare newsletter e DeM, attraverso provider iscritti a whitelist internazionali, è utile per migliorare la propria deliverability e assicurarsi di raggiungere la inbox del cliente.

MailUp garantisce l’alto tasso di recapito e consente di verificare attraverso le funzioni Email Analysis e Spam Check come sarà letto il proprio messaggio dai filtri antispam. La verifica segnala eventuali parole o elementi penalizzanti, permettendo così di correggere l’email.

Naturalmente per chi fa email marketing allo stato dell’arte e con sistemi professionali, i filtri anti spam non sono certo un problema. Tuttavia resta da chiedersi se l’inquinante attività di spam porti davvero qualche risultato, considerato che nel 90% dei casi i messaggi indesiderati non sono nemmeno letti, ma direttamente cancellati.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Il GDPR al rush finale! 4 nuovi webinar e la MailUp Academy dedicata

Proseguono le tappe di avvicinamento al 25 maggio: con l’Avvocato Maglio, ogni due settimane, ci troveremo per approfondire gli obblighi più impellenti imposti dalla riforma. ...

Continua a leggere

GDPR: 22 domande & risposte con l’Avv. Maglio

Il 25 maggio 2018 diviene pienamente operativo il GDPR, ovvero il nuovo regolamento europeo che norma il trattamento dei dati personali. In 22 domande e ...

Continua a leggere

Influencer Marketing: come farlo in modo legale ed eticamente corretto

Nella Video Academy con Matteo Pogliani abbiamo approfondito tutti gli step necessari per strutturare una strategia efficace di Influencer Marketing. Oggi aggiungiamo l'ultimo tassello, dalla ...

Continua a leggere

GDPR & dati personali: il white paper per convertire nuove leggi in opportunità

Novità, principi e attività da intraprendere in vista del 25 maggio 2018, in cui diverrà operativa la riforma sulla protezione dei dati. Una guida teorico-pratica ...

Continua a leggere

Marketing e dati personali: che cosa occorre sapere

Il marketing ha sempre più bisogno di dati. Il progresso tecnologico permette di elaborare con velocità crescente grandi masse di dati e questo determina una ...

Continua a leggere

Cookies: regole per l’uso dopo il Regolamento Europeo in materia di dati personali

Premessa: l’impatto del nuovo regolamento europeo sulle norme in materia di cookies Come molti sanno la normativa in materia di dati personali è interessata da un’importante ...

Continua a leggere