10 min

Sempre più presenti nelle attività quotidiane degli utenti su Internet, i Social Network sono stati al centro dell’attenzione della quinta edizione del Social Business Forum. Un segnale ulteriore della loro crescente influenza arriva anche dagli interventi del General Manager di MailUp Nazzareno Gorni che, durante il workshop dell’e-Commerce Forum  e nel corso dell’evento Fare business con i Social Network, ha approfondito le opportunità offerte dall’integrazione dei canali social nelle campagne di comunicazione.

Lo scenario emerso è, per alcuni aspetti, rivoluzionario. Se in passato i dubbi sul futuro dell’email avevano in parte offuscato la forza dei social media, oggi arriva una notizia che non solo smentisce ma addirittura ribalta quell’ipotesi. Una novità lanciata da pochi giorni da Twitter e da Pinterest riconferma, infatti, che il futuro dell’email marketing e dei social network è sempre più stretto in un legame sinergico e di reciproca collaborazione.

Da tempo si parla di condivisione dei contenuti di una newsletter attraverso Facebook, Twitter, LinkedIn, Pinterest, solo per citarne alcuni, ma da ora assisteremo anche al passaggio inverso, non più solo dall’email al social ma anche dal social all’email.

Weekly Pinterest email
Twitter e il neonato Pinterest  sono pronti a trasferire i propri contenuti social all’interno di un’email periodica.
Con cadenza settimanale, i due social media raccoglieranno in un’email i migliori contenuti postati dalla cerchia di contatti di un utente. La sintesi inviata nella casella di posta ricapitolerà i tweet più rilevanti e le immagini più condivise dai contatti dell’utente.

Le newsletter settimanali dell’uccellino azzurro e di Pinterest hanno molto in comune. Entrambe sono caratterizzate da un design simile all’ambiente del social network nel quale gli utenti sono abituati a muoversi e sono riconoscibili direttamente nel messaggio email. Per quanto riguarda Twitter ad esempio è poi possibile aggiungere la propria opinione a un tweet, vedere le azioni di retweet e le risposte partendo direttamente dall’email.

weekly Pinterest newsletter
MailUp è in grado di supportare le aziende anche nella gestione delle campagne di comunicazione sui social network, consentendo di pianificare e condividere la pubblicazione di contenuti su differenti piattaforme social attraverso un ambiente unico e intuitivo, tracciandone i risultati in modo dettagliato.

Se non avete ancora provato il nuovo canale Social di MailUp, scoprite come fare.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

5 tattiche per ridurre il churn rate delle SaaS

Dal fondamentale apporto del processo di onboarding fino alle ricerche sul comportamento degli utenti. Ecco 5 modi per ridurre il tasso di abbandono della tua ...

Continua a leggere

La lunghezza dell’email: alcune best practice per le campagne grafiche e quelle testuali

Dall’estensione in verticale al peso complessivo, fino al numero di parole. Facciamo chiarezza su quali sono i parametri di lunghezza che favoriscono tassi di recapito, ...

Continua a leggere

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere