10 min

Con il nuovo sistema operativo Apple iOS6, il cui arrivo si vocifera sia previsto per la fine dell’anno, gli utenti di iPhone e iPad troveranno nuovi aggiornamenti anche relativamente al client email nativo “Mail.app”. L’aspetto più interessante a riguardo sarà la posta in arrivo VIP, una casella di posta dedicata e separata dalla inbox abituale, che conterrà solo i messaggi di posta elettronica provenienti da mittenti (persone o aziende) prescelti dall’utente, di fatto una una corsia perferenziale per le comunicazioni più importanti.

posta VIP di iOS6Le email ricevute dai mittenti VIP verranno visualizzate anche all’interno della inbox generale, dove saranno contraddistinte da una stella e verranno inoltre segnalate con rilevanza nel centro notifiche, anche nel caso in cui lo schermo del dispositivo sia stato bloccato.

Client email Apple

Questa nuova funzionalità  introdotta da casa Cupertino che  si affianca a quelle introdotte di recente anche da Hotmail e da Gmail, è un altro passo verso quella che viene chiamata la “casella di posta intelligente”.  Una casella di posta in grado di preordinare i messaggi di posta elettronica di un utente,  per  privilegiare le comunicazioni più rilevanti, aiutando a identificare subito i messaggi da gestire con priorità, senza perderne nessuno e risparmiando il tempo solitamente dedicato alla cernita e alla classificazione dei messaggi.

La tecnologia viene in aiuto agli utenti nella gestione della posta elettronica, facendoci nuovamente riflettere sull’importanza di comunicare contenuti rilevanti, incisivi e coinvolgenti.  Dobbiamo infatti non perdere mai di vista il fatto che indipendentemente da quale sia il canale utilizzato per comunicare, bisogna, ora più che mai, essere in grado di instaurare un dialogo in grado di coinvolgere, per stabilire così una relazione in grado di aprire un canale preferenziale con il proprio pubblico.

Funzionalità come la cartella di posta VIP di Apple saranno quindi sia un aiuto per gli utenti, sia un possibile plus per le aziende che sapranno parlare adeguatemene con il loro pubblico, in termini di qualità, modalità e frequenza. Si torna ancora a sottolineare, perciò, con maggiore incisività, l’importanza di un email marketing allo stato dell’arte che non perda di vista il fatto che il nostro database sarà anche composto da nomi, numeri e indirizzi, ma noi dobbiamo comunicare e creare un rapporto con le persone che sono dietro a ciascuno di essi.

Diventa inoltre ancora più importante inserire in ogni messaggio, ad esempio nel pre-header (intestazione), l’invito ad aggiungere il mittente nella propria rubrica.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere