Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min

Con il nuovo sistema operativo Apple iOS6, il cui arrivo si vocifera sia previsto per la fine dell’anno, gli utenti di iPhone e iPad troveranno nuovi aggiornamenti anche relativamente al client email nativo “Mail.app”. L’aspetto più interessante a riguardo sarà la posta in arrivo VIP, una casella di posta dedicata e separata dalla inbox abituale, che conterrà solo i messaggi di posta elettronica provenienti da mittenti (persone o aziende) prescelti dall’utente, di fatto una una corsia perferenziale per le comunicazioni più importanti.

posta VIP di iOS6Le email ricevute dai mittenti VIP verranno visualizzate anche all’interno della inbox generale, dove saranno contraddistinte da una stella e verranno inoltre segnalate con rilevanza nel centro notifiche, anche nel caso in cui lo schermo del dispositivo sia stato bloccato.

Client email Apple

Questa nuova funzionalità  introdotta da casa Cupertino che  si affianca a quelle introdotte di recente anche da Hotmail e da Gmail, è un altro passo verso quella che viene chiamata la “casella di posta intelligente”.  Una casella di posta in grado di preordinare i messaggi di posta elettronica di un utente,  per  privilegiare le comunicazioni più rilevanti, aiutando a identificare subito i messaggi da gestire con priorità, senza perderne nessuno e risparmiando il tempo solitamente dedicato alla cernita e alla classificazione dei messaggi.

La tecnologia viene in aiuto agli utenti nella gestione della posta elettronica, facendoci nuovamente riflettere sull’importanza di comunicare contenuti rilevanti, incisivi e coinvolgenti.  Dobbiamo infatti non perdere mai di vista il fatto che indipendentemente da quale sia il canale utilizzato per comunicare, bisogna, ora più che mai, essere in grado di instaurare un dialogo in grado di coinvolgere, per stabilire così una relazione in grado di aprire un canale preferenziale con il proprio pubblico.

Funzionalità come la cartella di posta VIP di Apple saranno quindi sia un aiuto per gli utenti, sia un possibile plus per le aziende che sapranno parlare adeguatemene con il loro pubblico, in termini di qualità, modalità e frequenza. Si torna ancora a sottolineare, perciò, con maggiore incisività, l’importanza di un email marketing allo stato dell’arte che non perda di vista il fatto che il nostro database sarà anche composto da nomi, numeri e indirizzi, ma noi dobbiamo comunicare e creare un rapporto con le persone che sono dietro a ciascuno di essi.

Diventa inoltre ancora più importante inserire in ogni messaggio, ad esempio nel pre-header (intestazione), l’invito ad aggiungere il mittente nella propria rubrica.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Dolcetto o scherzetto? 9 idee per le newsletter di Halloween

Halloween si avvicina e la casella inbox è già piena di newsletter a tema. Qui trovi 9 idee per dare un irresistibile tocco dark alle ...

Continua a leggere

Riattiva i contatti dormienti del tuo e-commerce: la strategia in 5 step

Ti spieghiamo come recuperare clienti – dunque conversioni e vendite – del tuo store online. Alla scoperta delle strategie di Email Marketing dedicate alla riattivazione ...

Continua a leggere

Nessuno apre le tue email? Inizia a lavorare sul subject

L'Email Marketing resiste con successo da oltre due decenni. In effetti, sembra che l'Email Marketing sia più forte che mai, raggiungendo un ROI medio del ...

Continua a leggere

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere