Vi siete già accorti della piccola rivoluzione in corso? Sempre più nelle nostre affollate caselle di posta arrivano email che si fanno notare più delle altre: sono quelle che hanno un simbolo unicode nell’oggetto, una stellina, un piccolo aeroplano, il gesto di un mano e così via.

Questi sono alcuni esempi:

★ Chatta per primo con le nuove iscritte
Attend ✹ IGNITION: The Most Powerful Woman In The News Industry Will Be There
✈ Da 2 euro a/r prenota il tuo volo e risparmia!

Nuovi e ancora poco usati, i simboli nell’oggetto aumentano senza dubbio la visibilità del messaggio. Ma è d’obbligo una riflessione: l’uso dei simboli non deve essere fine a stesso ma essere sempre collegato a un contenuto o una ricorrenza, come per esempio San Valentino. L’abuso potrebbe infatti diminuirne l’efficacia e sortire l’effetto contrario. Attenzione anche ai simboli con dettagli troppo sottili perché in alcuni client potrebbero non essere leggibili.

Se volete sperimentare l’uso dei simboli nell’oggetto delle email, ecco un elenco di  icone che potete facilmente copiare e incollare nei messaggi creati con MailUp.

 

Se la compatibilità dei simboli è scontata per i principali sistemi di posta (Hotmail, Yahoo!, Gmail, Outlook, Thunderbird, Apple Mail e Blackberry e così via), in alcuni casi i client potrebbero non supportarne l’uso, ignorandoli, modificandoli leggermente o sostituendoli con un punto interrogativo.

Dunque simboli sì o simboli no? Il suggerimento è di verificarne l’effettiva efficacia con gli A/B test.

Scarica l'ebook sugli A/B test.

Per una mappa dei simboli unicode ti consigliamo questo utilissimo documento, da cui puoi copiare copiare e incollare a piacimento.

E tu hai già sperimentato i simboli unicode nelle tue campagne email? Raccontaci com’è andata, o condividi con noi le tue perplessità.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

5 tattiche per ridurre il churn rate delle SaaS

Dal fondamentale apporto del processo di onboarding fino alle ricerche sul comportamento degli utenti. Ecco 5 modi per ridurre il tasso di abbandono della tua ...

Continua a leggere

La lunghezza dell’email: alcune best practice per le campagne grafiche e quelle testuali

Dall’estensione in verticale al peso complessivo, fino al numero di parole. Facciamo chiarezza su quali sono i parametri di lunghezza che favoriscono tassi di recapito, ...

Continua a leggere

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere