10 min

Nel 2012 la campagna elettorale per l’elezione del Presidente degli Stati Uniti è stato un caso studiatissimo dagli esperti di email marketing. In particolare, la campagna del neo eletto Barack Obama è stata definita molto efficace, considerate le numerose email a potenziali sponsor andate a segno. Basta dare un’occhiata ai numeri per valutarne il successo: molti dei 690 milioni di dollari raccolti arrivano proprio da queste email.

Cosa ha fatto davvero la differenza?
La risposta data al periodico Businessweek da Amelia Showalter, Responsabile Digital Analytics della campagna Obama 2012, non lascia dubbi: “Abbiamo fatto test A/B molto accurati non solo sull’oggetto delle email e sulla cifra di denaro che potevamo chiedere ai nostri sostenitori, ma anche sul messaggio stesso e addirittura sulla formattazione”.

Il test A/B è una tattica molto usata in email marketing per testare due varianti dello stesso contenuto e decretare così l’opzione vincente sulla base dei risultati. In un’email, è possibile testare due diversi oggetti, due link, due immagini o layout o qualsiasi altra variabile ritenuta decisiva per aumentare il livello di coinvolgimento del destinatario.

Molto spesso il criterio per scegliere l’oggetto dell’email vincente è il numero di aperture. Nel caso della campagna di Obama, i risultati sono stati sorprendenti: ha vinto il semplice oggetto “Hey”.

Un altro dato fa riflettere. Durante la campagna di Obama, il team dedicato alle attività di email marketing comprendeva 20 copywriter, talvolta impegnati nella verifica di 18 varianti dello stesso oggetto. Tutti con un obiettivo ben chiaro: verificare, verificare, verificare!

Perché il test A/B è consigliato da chi si occupa di email marketing? Scegliere la variante migliore senza alcun test è quasi impossibile, come ci ricordano le parole dello staff di Obama: “ […] I risultati dei nostri tentativi di indovinare la variante migliore erano così scoraggianti che in noi si è rafforzata sempre più l’idea di continuare a testare”.

Con un software di mailing come quello offerto da MailUp, il test A/B è facile e veloce e permette di mettere alla prova più elementi di un messaggio.

Test A B

 

Che altro aggiungere? Buon test A/B!

Scopri come effettuare un test A/B con la console MailUp

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

La lunghezza dell’email: alcune best practice per le campagne grafiche e quelle testuali

Dall’estensione in verticale al peso complessivo, fino al numero di parole. Facciamo chiarezza su quali sono i parametri di lunghezza che favoriscono tassi di recapito, ...

Continua a leggere

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere

5 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Dalla gestione automatizzata di eventi e appuntamenti fino alle pagine post-iscrizione orientate alla vendita. Ecco 5 risorse della piattaforma che forse non conoscevi. Nel nostro blog ...

Continua a leggere