10 min

Nel 2012 la campagna elettorale per l’elezione del Presidente degli Stati Uniti è stato un caso studiatissimo dagli esperti di email marketing. In particolare, la campagna del neo eletto Barack Obama è stata definita molto efficace, considerate le numerose email a potenziali sponsor andate a segno. Basta dare un’occhiata ai numeri per valutarne il successo: molti dei 690 milioni di dollari raccolti arrivano proprio da queste email.

Cosa ha fatto davvero la differenza?
La risposta data al periodico Businessweek da Amelia Showalter, Responsabile Digital Analytics della campagna Obama 2012, non lascia dubbi: “Abbiamo fatto test A/B molto accurati non solo sull’oggetto delle email e sulla cifra di denaro che potevamo chiedere ai nostri sostenitori, ma anche sul messaggio stesso e addirittura sulla formattazione”.

Il test A/B è una tattica molto usata in email marketing per testare due varianti dello stesso contenuto e decretare così l’opzione vincente sulla base dei risultati. In un’email, è possibile testare due diversi oggetti, due link, due immagini o layout o qualsiasi altra variabile ritenuta decisiva per aumentare il livello di coinvolgimento del destinatario.

Molto spesso il criterio per scegliere l’oggetto dell’email vincente è il numero di aperture. Nel caso della campagna di Obama, i risultati sono stati sorprendenti: ha vinto il semplice oggetto “Hey”.

Un altro dato fa riflettere. Durante la campagna di Obama, il team dedicato alle attività di email marketing comprendeva 20 copywriter, talvolta impegnati nella verifica di 18 varianti dello stesso oggetto. Tutti con un obiettivo ben chiaro: verificare, verificare, verificare!

Perché il test A/B è consigliato da chi si occupa di email marketing? Scegliere la variante migliore senza alcun test è quasi impossibile, come ci ricordano le parole dello staff di Obama: “ […] I risultati dei nostri tentativi di indovinare la variante migliore erano così scoraggianti che in noi si è rafforzata sempre più l’idea di continuare a testare”.

Con un software di mailing come quello offerto da MailUp, il test A/B è facile e veloce e permette di mettere alla prova più elementi di un messaggio.

Test A B

 

Che altro aggiungere? Buon test A/B!

Scopri come effettuare un test A/B con la console MailUp

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere