10 min

Dopo Gmail, Hotmail, Mail,  AOL e Yahoo! anche i giganti Outlook e Comcast hanno annunciato di supportare D.M.A.R.C. (Domain-based Message Authentication Reporting & Conformance), lo standard di autenticazione email che protegge sia i destinatari sia i mittenti dal rischio potenziale di spam e attacchi di phishing.

L’adozione dello standard da parte dei provider più usati e di alcune tra le più importanti realtà online come PayPal, LinkedIn, Facebook e Bank of America ha il sapore di una nuova alleanza che mira a innalzare il livello di affidabilità delle email, instaurando una relazione di fiducia tra mittente e destinatario.

Outlook Comcast

Ma come funziona DMARC e a chi è consigliato? Chi offre la possibilità di concludere transazioni monetarie online, come gli ecommerce, è particolarmente vulnerabile agli attacchi e per questo motivo dovrebbe adottare lo standard. Ma l’adozione è consigliata anche a chi affida la propria strategia marketing e la propria immagine alle comunicazioni email.

L’azienda può autenticare il proprio indirizzo mittente o FROM address (come, per esempio: notifiche@miasocietà.com) e impedire l’uso fraudolento dello stesso da parte degli spammer. Prima di raggiungere la casella inbox del destinatario, tutte le email saranno così verificate e recapitate solo se rispondenti a specifici requisiti di sicurezza. Inoltre DMARC offre informazioni sui messaggi bloccati, come header e url, che permettono di rilevare il dominio di provenienza e comprendere meglio la natura dell’attacco.

La notizia dell’adozione segna un punto a favore della sicurezza email e va ad aggiungersi gli standard di autenticazione già implementati SPF, SenderId e DKIM, nati per contrastare gli attacchi ai danni degli utenti.

MailUp offre supporto a chi desidera proteggere il proprio dominio con DMARC

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere

5 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Dalla gestione automatizzata di eventi e appuntamenti fino alle pagine post-iscrizione orientate alla vendita. Ecco 5 risorse della piattaforma che forse non conoscevi. Nel nostro blog ...

Continua a leggere

Disiscrizione dei destinatari: le 6 fondamentali best practice

Un database in salute passa per un’oculata gestione del processo di disiscrizione. Ecco allora le azioni imprescindibili per volgere a proprio favore la cancellazione di ...

Continua a leggere