Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min

Dopo Gmail, Hotmail, Mail,  AOL e Yahoo! anche i giganti Outlook e Comcast hanno annunciato di supportare D.M.A.R.C. (Domain-based Message Authentication Reporting & Conformance), lo standard di autenticazione email che protegge sia i destinatari sia i mittenti dal rischio potenziale di spam e attacchi di phishing.

L’adozione dello standard da parte dei provider più usati e di alcune tra le più importanti realtà online come PayPal, LinkedIn, Facebook e Bank of America ha il sapore di una nuova alleanza che mira a innalzare il livello di affidabilità delle email, instaurando una relazione di fiducia tra mittente e destinatario.

Outlook Comcast

Ma come funziona DMARC e a chi è consigliato? Chi offre la possibilità di concludere transazioni monetarie online, come gli ecommerce, è particolarmente vulnerabile agli attacchi e per questo motivo dovrebbe adottare lo standard. Ma l’adozione è consigliata anche a chi affida la propria strategia marketing e la propria immagine alle comunicazioni email.

L’azienda può autenticare il proprio indirizzo mittente o FROM address (come, per esempio: notifiche@miasocietà.com) e impedire l’uso fraudolento dello stesso da parte degli spammer. Prima di raggiungere la casella inbox del destinatario, tutte le email saranno così verificate e recapitate solo se rispondenti a specifici requisiti di sicurezza. Inoltre DMARC offre informazioni sui messaggi bloccati, come header e url, che permettono di rilevare il dominio di provenienza e comprendere meglio la natura dell’attacco.

La notizia dell’adozione segna un punto a favore della sicurezza email e va ad aggiungersi gli standard di autenticazione già implementati SPF, SenderId e DKIM, nati per contrastare gli attacchi ai danni degli utenti.

MailUp offre supporto a chi desidera proteggere il proprio dominio con DMARC

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere

3 tattiche di Email Marketing per favorire gli acquisti d’impulso

L'Email Marketing è uno dei migliori canali per indirizzare il traffico verso i siti web. Non solo può essere sfruttato per condividere le ultime notizie ...

Continua a leggere

Tutorial: come creare un’email con la tecnica dei color blocks

Abbiamo un debole per le email colorate. Uno stile che ci piace particolarmente (e che vediamo utilizzato spesso) è quello che prevede l'utilizzo di blocchi ...

Continua a leggere

5 efficaci tecniche di copywriting per migliorare il CTR delle email

Secondo Templafy, una persona riceve in media 121 email al giorno. Si tratta di 121 messaggi diversi, 121 promozioni diverse, 121 call-to-action diverse. Con tutte queste ...

Continua a leggere