Attività, zombie e reputazione. Per quanto apparentemente distanti, i tre concetti sono in realtà legati da un legame di causa-effetto che potrebbe incidere, in positivo o negativo, sulla capacità di comunicare in modo rilevante con clienti e prospect.

Nell’email marketing, gli zombie sono i destinatari inattivi, gli utenti cioè che non aprendo o cliccando i nostri contenuti da molto tempo sembrano, quando non distratti, non interessati ai nostri prodotti o ai nostri servizi.

Ignorarli non solo non favorisce la nostra comunicazione ma potrebbe addirittura danneggiarla. Sì, perché gli invii a indirizzi di inattivi possono generare soft-bounce o errori che influiscono negativamente sulla nostra reputazione di mittenti e di conseguenza sulla possibilità che le email inviate raggiungano anche gli altri utenti, quelli attivi.

Proprio come nei peggiori film d’horror, gli zombie sono uno spaventoso pericolo per il nostro database di contatti “vivi”. Che fare dunque?

Gestione Inattivi

La funzione Gestione Inattivi
La nuova funzione Gestione Inattivi, esclusiva di MailUp e gratuita per tutti i clienti, aiuta a “pulire” in automatico le nostre liste dai pericolosi zombie, evitando il pericolo che possano danneggiare la nostra reputazione.

Per loro, possiamo diminuire la frequenza di invio e provare a ristabilire un contatto con delle email personalizzate. In qualsiasi momento possiamo verificare la percentuale dei destinatari inattivi consultando i report statistici.

La sospensione e la disiscrizione  sono solo le ultime scelte che possiamo fare se gli utenti dimostrano di non essere interessati ai nostri contenuti con la loro inattività prolungata.

E i contatti?
E a chi teme di perdere contatti, ricordiamo che gestire gli inattivi significa rispettare i destinatari e i loro interessi, segnalati anche da una non-azione. In questo caso, poi, vale il detto “meglio perderli che trovarli” perché i risultati statistici delle campagne risultano peggiori se queste sono inviate a destinatari chiaramente disinteressati.

 

Per chi ha scelto Marketing+ è possibile usare i filtri per attività  per individuare per tempo la presenza di destinatari che ignorano le nostre comunicazioni. A loro, possiamo indirizzare campagne di re-engagement personalizzate. Queste attività tattiche possono includere l’invio di call-to-action specifiche, incentivi e contenuti esclusivi o coupon di sconto spendibili sul nostro ecommerce.

Scopri tutto sulla nuova funzione Gestione Inattivi

Vuoi saperne di più sulla reputazione?

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere