10 min

Vi siete già iscritti al Social Business Forum 2013? Dal 2008 l’evento organizzato da OpenKnowledge riunisce i maggiori esperti sui temi della social enterprise, del digital marketing e dell’innovazione partecipata. L’obiettivo? Condividere i nuovi orizzonti e le nuove possibilità offerte dal Social Business.

L’edizione 2013: Open your business!
Anche in questa edizione 2013 sarà possibile scoprire le opportunità strategiche attraverso conferenze, presentazioni di casi di successo e tavole rotonde dedicate, scegliendo tra la formula Free Conference (gratuita) e Premium Conference (a pagamento).
In programma, decine di interventi delle maggiori organizzazioni mondiali, oltre a spazi dedicati alle soluzioni tecnologiche più innovative.

La sesta edizione dell’evento approfondirà il tema della Digital Transformation, dimostrando come una delle chiavi di successo per le aziende 2.0 siano il coinvolgimento dei propri clienti, attuato anche attraverso la profilazione del proprio database, e l’analisi dei dati, operazione indispensabile per impostare attività strategiche e tattiche basate sulla brand reputation e sul posizionamento dei prodotti.

Parola d’ordine: profilare (e poi analizzare)
I nuovi modelli organizzativi del Social Business, all’interno e all’esterno di ogni organizzazione, dimostrano l’importanza della personalizzazione di ogni azione, intesa come campagna di comunicazione orientata alla vendita o alla brand awareness.
Nell’email marketing l’uso di filtri sui profili e sull’attività dei destinatari può incidere positivamente sul livello di coinvolgimento. Nell’esempio riportato, i dati di apertura della terza DEM inviata per promuovere l’edizione 2013 del Social Business Forum segnala come, grazie a un invio profilo agli inattivi, ci sia stato un aumento delle aperture.

 

Grafico OpenKnowledge
Ecco alcune percentuali per riflettere su come un invio mirato possa generare maggior coinvolgimento:
• con l’invio filtrato è stato ottenuto un +16,6% di aperture
• il totale di aperture della DEM 2013 è 16,30 % (db generale) + 16,6 % (invio filtrato) = 32.90%
• rispetto al 2012 c’è stato un aumento assoluto del 11,9%
• in proporzione c’è stato un aumento del 57% delle aperture

I filtri MailUp
La console MailUp ti offre l’opportunità di programmare invii attivando filtri sui destinatari o sulla loro attività. L’opzione è attiva per chi acquista il pacchetto Marketing+, utile anche per inviare messaggi email o SMS in automatico al verificarsi di determinate condizioni (per esempio, il compleanno), per creare questionari o pagine di autoprofilazione con 40 campi personalizzabili.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Comprare mailing list: tutte le conseguenze di questa tattica

Se hai iniziato da poco a fare Email Marketing o è da un po’ che ci provi ma ancora non hai ingranato, potresti star valutando ...

Continua a leggere

Migliora la deliverability con l’autenticazione email

Come abbiamo già visto, la deliverability è strettamente legata al concetto di reputazione. Oggi parliamo di autenticazione delle email, che possiamo considerare il lato più ...

Continua a leggere

E-commerce: l’ebook che ti aiuta a vendere online con email e SMS

Scopri come vendere online con email e SMS partendo dalla convergenza dei dati sul tuo e-commerce e utilizzando le informazioni sui clienti per creare flussi ...

Continua a leggere

L’evoluzione della personalizzazione nelle email: il caso Iperal

Perché si parla così tanto di omnicanalità e customer centric method? Continuiamo a leggere articoli focalizzati su omnichannel, single customer view e personalization con evidenze ...

Continua a leggere

Il ruolo del mittente in una strategia di Email Marketing

Il 48,16% di tutte le email inviate nel mondo è contrassegnato come posta spazzatura dai filtri antispam dei provider. Evita che i tuoi messaggi subiscano ...

Continua a leggere

Come la reputazione del dominio del mittente influisce sulla deliverability

Un’email commerciale su cinque non raggiunge la posta in arrivo del destinatario (Return Path). Una tra le principali cause è la reputazione del mittente. Vediamo ...

Continua a leggere