10 min

Qualcuno, forse, non se ne è ancora accorto ma siamo invasi da un piacevole e divertentissimo esercito di smartphone.

Ogni giorno milioni di utenti accedono a Internet da mobile: aprono l’email, chiacchierano da WhatsApp e GoogleTalk, leggono le notizie su un quotidiano online, mettono un like allo status di un amico o twittano il ritardo di un treno, taggando – fra l’una e l’altra azione – una foto su instagram. Vi riconoscete? Forse siete anche voi tra i nostalgici che, ogni tanto, inviano anche un SMS.

Ignorare questa realtà o sminuirne la portata non serve, e di certo non aiuta le nostre campagne di comunicazione. I risultati dell’indagine condotta sui dati aggregati dei clienti MailUp parlano chiaro: da maggio 2012 a oggi le aperture da dispositivi mobile sono aumentate del 31,4%, passando dal 19,9% al 26,2%.

Che cosa significa? Più di un utente su quattro apre comunicazioni email da smartphone, ovvero più di un utente su quattro rischia di non leggere quanto desideriamo trasmettergli – un’offerta, una promozione, un form da compilare per arricchire il nostro database – se i contenuti non sono ottimizzati per mobile.

 

Ottimizzare conviene. L’esperienza MailUp
A volte si sottovaluta che la conversione del destinatario non dipende solo dall’interesse verso il prodotto o il servizio offerto, ma anche dalla facilità di leggere le informazioni e interagire con l’azienda che le propone.

Generare un lead è un processo strutturato e composito e la possibilità di concludere ogni fase in modo semplice e veloce è una condizione indispensabile per il successo dell’attività.
Partendo da queste considerazioni, da inizio gennaio 2013 abbiamo ottimizzato per le pagine di atterraggio create per campagne di comunicazione interne. I risultati sono emblematici: le percentuali di conversione da mobile è passato dal 0.27% al 1,83%, raggiungendo un incremento di quasi il 600%.

Tasso di conversione

 

Gli interventi sulle pagine di atterraggio
Le pagine sono state ottimizzate per i principali sistemi operativi , analizzando via via i risultati degli interventi. Per alcune attività di comunicazione strategica sono stati creati dei layout di design responsive, capaci cioè di adattarsi alle misure delle schermo di visualizzazione. Questa capacità di “vestire su misura” implica un riposizionamento automatico degli elementi nella pagina: per esempio, il form che su schermo da pc è visualizzato sul lato destro è riposizionato in fondo alla pagina, visibile dopo un’operazione di scroll.

Anche in presenza di design responsive è indispensabile però valutare le implicazioni di ogni layout. Frecce, highlight grafici, bottoni, link importanti o call-to-action che sottendono un’azione come comporre un’email o digitare un numero di telefono richiedono attenzione e uno studio preliminare per non pregiudicare la possibilità di conversione.

MailUp per il mondo mobile
Il 30 maggio partecipa al webinar gratuito dedicato al mondo mobile.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

20 suggerimenti per migliorare il galateo delle email

Abbiamo raccolto 20 "buone maniere" che ti aiuteranno a tenerti alla larga da un certo lassismo nel galateo digitale e a migliorare la tua comunicazione. Molte ...

Continua a leggere

Quali sono i vantaggi di una campagna di Email Marketing?

Nero su bianco, con il massimo dell’oggettività possibile, abbiamo individuato i vantaggi offerti alle aziende da una strategia di Email Marketing. Se stai leggendo questo post, ...

Continua a leggere

Database Building: i 5 comandamenti per i form di iscrizione

Per convertire gli utenti in nuovi destinatari non basta il semplice “rimaniamo in contatto”. Ecco 5 principi guida per la creazione del tuo form: dalla ...

Continua a leggere

Come massimizzare la deliverability delle email in vista di Natale e dei picchi stagionali

Non manca molto alle convulse settimane di dicembre. Vediamo alcuni accorgimenti per ottimizzare il recapito e non disperdere nemmeno un potenziale acquisto. Non è ancora tempo ...

Continua a leggere

Email & HTML: il nuovo ebook con i 10 errori da non commettere

Nell’ultima uscita della nostra collana abbiamo tracciato gli errori da matita rossa nella creazione dell’email: da quelli strettamente connessi al codice HTML a quelli sul ...

Continua a leggere

Direct Email Marketing: cos’è e alcuni esempi

Facciamo chiarezza su questa tipologia di email dal taglio spiccatamente commerciale, capendo come lanciarla grazie a un set di esempi da cui trarre ispirazione. L’email è ...

Continua a leggere