Attraverso la piattaforma Tumblr, acquisita di recente, Yahoo! ha condiviso alcuni post molto interessanti per chi si occupa di email marketingLa novità è che presto saranno utilizzabili i vecchi user name Yahoo! e, con questi, gli indirizzi email che nuovi utenti potranno scegliere. In pratica, se un utente è inattivo da più di 12 mesi, qualcun altro potrà adottare il suo user name.

Immagina:

  • scegli uno user name Yahoo!  riciclato
  • inizi a usare un nuovo email account Yahoo!
  • e ricevi nella tua casella, newsletter di ogni tipo alle quali non ti sei mai iscritto (perché lo aveva fatto il precedente proprietario dello user name!)

Che fare, dunque?

  • Nella migliore delle ipotesi, con molta pazienza ti disiscrivi da ogni newsletter
  • Nella peggiore delle ipotesi, schiacci semplicemente il bottone SPAM

Questo secondo scenario è quanto di peggio potrebbe accaderti – in veste di mittente.

Soluzione: gestire gli inattivi 

Che fare, dunque? La risposta è molto semplice, anche se non piace a molti email marketer: ridurre la lista di destinatari eliminando definitivamente gli inattivi.
Con MailUp, la funzione Gestione degli Inattivi ti permette di disiscrivere automaticamente i destinatari che non compiono alcuna azione sui tuoi messaggi da molto tempo. Sei tu a decidere se usare la funzione all’interno di una campagna di ri-coinvolgimento.

Ecco un’immagine della funzione: puoi creare un automatismo per contattare via email gli inattivi da almeno 6 mesi, disiscrivendoli dopo altri 60 giorni di inattività.

Gestione Inattivi_3

Inattivi e campagne di ri-coinvolgimento.

Scopri di più sulla gestione degli inattivi con MailUp

Imposta una campagna di coinvolgimento con MailUp.

Il coinvolgimento dei tuoi destinatari è importantissimo. Non lasciare che alcuni vecchi indirizzi di Yahoo! danneggino la tua reputazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come ottenere più iscritti alla tua newsletter in 4 passi

Per ottenere più iscritti alla tua newsletter in poco tempo, segui la strategia spiegata passo passo in questo articolo. In questo post voglio mostrarti una strategia ...

Continua a leggere

Cos’è la customer data quality: perché l’efficacia di una strategia passa dall’affidabilità dei dati

Inviare non basta. A fare la differenza è la qualità del dato e l’uso che se ne fa. Ti spieghiamo in cosa consiste la customer ...

Continua a leggere

Infografica Email Marketing 2020: tutti i dati e i trend da conoscere

Dall’Osservatorio Statistico 2020 abbiamo ricavato i numeri, le perfomance e gli andamenti fondamentali, facilmente consultabili in un’infografica da scaricare e condividere. Se ti fossi perso l’edizione ...

Continua a leggere

Cresce il phishing nelle settimane dell’emergenza: best practice e autenticazioni per difendersi

Perché aumentano i tentativi di abuso? Perché i destinatari sono più vulnerabili. Vediamo gli accorgimenti che le aziende possono prendere e i vantaggi dei sistemi ...

Continua a leggere

12 esempi di email transazionali per aumentare vendite e retention

Per incrementare valore e fidelizzazione dei clienti, inizia ottimizzando le aree che già prevedono un certo grado di engagement. Le email transazionali, ad esempio. Secondo Epsilon, ...

Continua a leggere

Marketing Automation: 5 luoghi comuni su cui è meglio riflettere

Fa risparmiare tempo; risolve i problemi dei team marketing; si applica solo al canale email; e così via. Facciamo chiarezza su cinque grandi banalizzazioni attorno ...

Continua a leggere