Attraverso la piattaforma Tumblr, acquisita di recente, Yahoo! ha condiviso alcuni post molto interessanti per chi si occupa di email marketingLa novità è che presto saranno utilizzabili i vecchi user name Yahoo! e, con questi, gli indirizzi email che nuovi utenti potranno scegliere. In pratica, se un utente è inattivo da più di 12 mesi, qualcun altro potrà adottare il suo user name.

Immagina:

  • scegli uno user name Yahoo!  riciclato
  • inizi a usare un nuovo email account Yahoo!
  • e ricevi nella tua casella, newsletter di ogni tipo alle quali non ti sei mai iscritto (perché lo aveva fatto il precedente proprietario dello user name!)

Che fare, dunque?

  • Nella migliore delle ipotesi, con molta pazienza ti disiscrivi da ogni newsletter
  • Nella peggiore delle ipotesi, schiacci semplicemente il bottone SPAM

Questo secondo scenario è quanto di peggio potrebbe accaderti – in veste di mittente.

Soluzione: gestire gli inattivi 

Che fare, dunque? La risposta è molto semplice, anche se non piace a molti email marketer: ridurre la lista di destinatari eliminando definitivamente gli inattivi.
Con MailUp, la funzione Gestione degli Inattivi ti permette di disiscrivere automaticamente i destinatari che non compiono alcuna azione sui tuoi messaggi da molto tempo. Sei tu a decidere se usare la funzione all’interno di una campagna di ri-coinvolgimento.

Ecco un’immagine della funzione: puoi creare un automatismo per contattare via email gli inattivi da almeno 6 mesi, disiscrivendoli dopo altri 60 giorni di inattività.

Gestione Inattivi_3

Inattivi e campagne di ri-coinvolgimento.

Scopri di più sulla gestione degli inattivi con MailUp

Imposta una campagna di coinvolgimento con MailUp.

Il coinvolgimento dei tuoi destinatari è importantissimo. Non lasciare che alcuni vecchi indirizzi di Yahoo! danneggino la tua reputazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

La lunghezza dell’email: alcune best practice per le campagne grafiche e quelle testuali

Dall’estensione in verticale al peso complessivo, fino al numero di parole. Facciamo chiarezza su quali sono i parametri di lunghezza che favoriscono tassi di recapito, ...

Continua a leggere

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere

5 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Dalla gestione automatizzata di eventi e appuntamenti fino alle pagine post-iscrizione orientate alla vendita. Ecco 5 risorse della piattaforma che forse non conoscevi. Nel nostro blog ...

Continua a leggere