Ricevi aggiornamenti
su Messenger

Tutto quello che c’è da sapere sul mondo dell’email marketing lo trovi nel nostro Osservatorio 2013: un vero e proprio spaccato dello scenario italiano tra tassi di apertura e click sulle email lette, divisi per tipologia di messaggio, settori di appartenenza e business dell’azienda. Confronta qui tutti i tuoi risultati!

Osservatorio

UNO SGUARDO GENERALE AL NOSTRO PAESE

I dati rilevati mostrano uno scenario in crescita e maggiore attenzione ad un utilizzo professionale dell’email marketing, profilato e programmato, insieme ad un’aumentata consapevolezza – dall’importanza dell’infrastruttura di invio certificata, alla creazione di template responsive per mobile (basti pensare che circa il 30% delle email viene oggi letta su smartphone a tablet).

In termini di tassi di apertura (OR) e di percentuali di clic (CTR) le migliori performance rimangono quelle registrate dalle email transazionali (poiché contengono informazioni puntuali e personalizzate dedicate al singolo destinatario), mentre tra DEM e newsletter, è quest’ultima a ottenere le percentuali di OR e CTR più alte (le DEM risultano più efficaci se inviate a segmenti ben profilati).

osservatorio - email

 

ANALISI PER SETTORE MERCEOLOGICO

I riscontri delle attività di email marketing si differenziano in base al settore di appartenenza e alla tipolo­gia di business dell’azienda; per l’Osservatorio abbiamo selezionato 28 settori di attività commerciali raggruppando, al loro interno, sotto-categorie affini. I dati sono stati estrapolati da 12 miliardi di email recapitate dall’1 gennaio al 31 dicembre 2012.

Tra i trend registrati evidenziamo le migliori performance in termini di OR tra i settori Assicurazioni/Finanza/Banche, Commercio all’ingrosso e Ristorazione; mentre in termini di CTR risultati significativi sono stati raggiunti nei settori Automotive, Associazioni/Organizzazioni politiche e sempre nella Ristorazione.

 

REATTIVITA’ NEI CONFRONTI DELL’EMAIL NEL MONDO

Conoscere la reattività degli utenti è fondamentale per chi si occupa di email marketing e dell’analisi dei dati statistici di una campagna. In ogni nazione, gli utenti reagiscono in maniera differente alla ricezione dei messaggi.

01-reattività

 

QUALITA’ DELLE LISTE

La qualità del proprio database e della profilazione delle liste è un aspetto molto rilevante per l’anda­mento complessivo delle performance d’invio e della conseguente reattività degli utenti.

02-liste

Tra i settori con maggiore percentuale di utenti attivi troviamo Hobby e Tempo Libero e Automotive, ma attenzione anche agli inattivi, ovvero i destinatari che non aprono o non cliccano da tempo i contenuti recapitati: ignorarli potrebbe danneggiare la propria reputazione e incrementare il rischio del filtraggio da parte dei sistemi antispam.

 

EMAIL MARKETING E SOCIAL MEDIA

La condivisione di un’email sui social network è un sistema efficace, a costo zero, per incentivare la diffusione virale dei contenuti e ottenere maggiori visualizzazioni della propria campagna: Facebook, Twitter, Linkedin sono solo alcuni dei social network che possono aiutare ad incrementare le condivisioni dei messaggi email.

03-condivisione social

Il grafico mostra le percentuali di condivisione divise per ambito: maggiori condivisioni si registrano in ambito B2C (64%) e nell’ambito misto B2C+B2B (32%), ma il dato relativo al 4% del B2B non deve trarre in inganno, in quanto la condivisione aiuta ad amplificare in maniera sostanziale la brand awareness.

 

GESTIONE DEI DIVERSI CLIENT POSTA E TEMPI DI APERTURA

I provider di posta elettronica sono innumerevoli e, spesso, allo stesso utente fanno capo più indirizzi di posta elettronica, ciascuno con diversa destinazione (mail personale per famiglia e amici, mail di lavoro, mail per le iscrizioni ai social network ecc). Per chi si occupa di email marketing è interessante (e molto importante) capire in quale percentuale i diversi do­mini compongono il proprio database di utenti.

04-client di posta

 

Ecco una fotografia attuale e realistica, contenuta nell’Osservatorio 2013, sulla distribuzio­ne dei vari provider di email: è da notare come i cinque principali domini coprano quasi il 90% della totalità degli indirizzi.

Inoltre è determinante conoscere i tempi in cui un destinatario legge le email dopo che il messaggio è stato recapitato (specie per gli ecommerce o per le DEM che contengono offerte limitate). I dati raccolti nel 2012, in questo senso, rispecchiano quelli già registrati nel 2011, con un 15% di aperture che avviene entro la prima ora (complice la diffusione degli smartphone) e un 27% di destinatari che controlla i messaggi entro 2 ore dall’invio – fino ad arrivare al 46% entro le prime 6 ore.

Se non lo hai ancora fatto, scarica gratuitamente l’Osservatorio Statistiche 2013 e confronta i tuoi risultati.

Buona lettura!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Dolcetto o scherzetto? 9 idee per le newsletter di Halloween

Halloween si avvicina e la casella inbox è già piena di newsletter a tema. Qui trovi 9 idee per dare un irresistibile tocco dark alle ...

Continua a leggere

Riattiva i contatti dormienti del tuo e-commerce: la strategia in 5 step

Ti spieghiamo come recuperare clienti – dunque conversioni e vendite – del tuo store online. Alla scoperta delle strategie di Email Marketing dedicate alla riattivazione ...

Continua a leggere

Nessuno apre le tue email? Inizia a lavorare sul subject

L'Email Marketing resiste con successo da oltre due decenni. In effetti, sembra che l'Email Marketing sia più forte che mai, raggiungendo un ROI medio del ...

Continua a leggere

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere