Ce lo siamo domandati moltissime volte, essendo del settore. E dopo aver letto questo interessante articolo di Ajay Kelkar sul blog Smart Data Collective, abbiamo pensato di tradurre alcune parti e condividerle con quanti si sono posti la nostra stessa domanda. Buona lettura!

 

Email vincenti e Televisione

La TV ha impiegato 13 anni per raggiungere 50 milioni di famiglie; a Facebook, invece, è bastato appena un anno per toccare quota 50 milioni di iscritti (più di un miliardo di persone vi accedono oggi ogni giorno). Quanto c’è voluto a Twitter ad arrivare a quota 50 milioni? Nove mesi.

Entro il 2014 si prevede l’attivazione di  un numero di account di posta elettronica che si aggira attorno ai 3,8 miliardi (erano 2,9 nel 2010); tuttavia, i social network sono attualmente la forma tecnologica a più veloce tasso di crescita, sia tra consumatori che tra gli utenti aziendali. Le stime parlano di oltre 3,6 miliardi di account entro il 2014.

E l’email marketing? E’ tutt’altro che morta!

Sai per quale motivo è così vincente? Perché è più economica! Secondo uno studio del 2011 dalla Direct Marketing Association (DMA), l’email marketing produce un ritorno sull’investimento pari a 40,56 dollari per ogni dollaro speso, rispetto ai 22,24 dollari della ricerca, i 12,71 dollari dei social network e i 10,51 dollari investiti sul mobile. Inoltre, sempre secondo la DMA, nel 2016 il ROI dell’email di marketing raggiungerà i 35,02 dollari per ogni dollaro speso, rispetto ai 13,43 dollari derivanti da attività sui social network (Vineet Manghani, Cognizant).

Email Marketing ROI

 

Sfruttare pienamente il potenziale dei Social network richiede una mentalità di “integrazione” e costringe i marketer a pensare in maniera uno-a-uno e cross mediale. E’ necessaria per questo la creazione di una vera e propria “spina dorsale” della campagna, che sfrutti il ricco patrimonio di dati che i consumatori producono, in maniera spontanea, attraverso la loro “vita social”.

Negli ultimi anni i vari Facebook, Google e Amazon hanno saputo sfruttare tutta questa mole di dati per creare tale “spina dorsale” e ciò gli ha permesso di migliorare i loro processi decisionali basandoli sull’infrastruttura tecnologica e sui software di analisi sviluppati, così da poter comunicare con i consumatori in tempo reale. Ogni anno, le aziende raccolgono sempre più dati sui punti di contatto con i clienti. I progressi tecnologici permettono ora una memorizzazione e una facilità di analisi dei dati che solo fino a cinque anni fa non sarebbe stata possibile. Le aziende hanno bisogno di guardare ai social e alle email tradizionali come a parte di una strategia di marketing più integrata, sulla base dei dati che vengono raccolti.

Come queste considerazioni impattano la buona vecchia email?

Nel suo libro “Permission Marketing”, Seth Godin fa riferimento all’email marketing quale “mezzo pubblicitario più personale della storia“. Questo accadeva nel 1999. Forse, oggi, abbiamo bisogno di rileggere bene quel messaggio e di reinventare l’email marketing.

 

Consulta l’articolo originale qui.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere