10 min

C’è un detto che recita “Chi fa, sbaglia”. Ed è proprio così: chi lavora sbaglia. Anche noi non siamo da meno e ammetterlo non ci pesa. Per questo vogliamo raccontarti la nostra esperienza, che ci ha dato grande soddisfazione e ci ha regalato risultati e riscontri a dir poco inaspettati.

Tutto comincia a ottobre di quest’anno quando, come da tre anni a questa parte, decidiamo di divulgare i dati del nostro Osservatorio Statistiche 2013. Attraverso delle azioni DEM mirate al nostro database, proponiamo l’osservatorio a quanti già ci conoscono e sono iscritti alla newsletter MailUp.

Tutto sembra andare a gonfie vele quando, d’un tratto, realizziamo che l’Osservatorio, il file originale dal quale avevamo generato tutto l’interesse e il traffico, aveva delle imprecisioni!

Cosa fare a questo punto, davanti all’importante numero di 646 persone che ci hanno lasciato i loro dati per scaricare un documento non perfetto?

Sicuramente ammettere di aver sbagliato! E così abbiamo fatto:

  • Con sincerità – a partire dall’oggetto della nostra email: “C’è stato qualche refuso”
  • Indirizzandoci al destinatario con un tono personale – chiamandolo per nome
  • Con un linguaggio diretto e senza giri di parole – le imprecisioni c’erano, inutile nasconderlo
  • Ringraziando per la comprensione – ci dispiaceva dover chiedere nuovamente uno sforzo ai nostri iscritti, anche solo per un click
  • Assumendoci la nostra responsabilità – con tanto di nome e cognome in firma

DEM di scuse

 

Se è vero che una negatività, di per sé, non è cosa di cui vantarsi, è altrettanto vero che l’onestà paga, sempre. La nostra mail, inviata a 646 persone come noi, scritta con un tono franco, un linguaggio diretto e un nome e cognome in firma, ha raggiunto quasi il 90% di aperture, riuscendo a trasformare una negatività in vera e propria positività.

Statistiche aperture

 

Oltre al tasso di apertura nettamente superiore alla media (circa il doppio), il dato sorprendente è relativo alle reazioni spontanee di alcuni degli iscritti, i quali hanno avuto l’interesse e il piacere di contattarci direttamente, confermando quanto il nostro gesto sia stato apprezzato.

 

Positività

 

Insomma, la nostra esperienza diretta ci dice che sbagliare è possibile (anche se non auspicabile!) e che gli errori si possono ammettere senza il rischio di passare per incompetenti. Nonostante quello del web sia un ambiente dove è facile nascondersi, onestà e trasparenza funzionano, anche online, e ti rendono umano tra gli esseri umani – persone, non target!

E tu, hai avuto esperienze di “errata corrige” da raccontarci? Condividi qui la tua storia di successo!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come fare Email Marketing nel 2019: i must per una strategia avanzata

Il canale email conoscerà un’ulteriore espansione nei prossimi anni. Restando al di qua di scenari avveniristici, vediamo le attività imprescindibili per fare Email Marketing nell’anno ...

Continua a leggere

Segmentazione + Personalizzazione + Automation: tutto quello che puoi fare con i Filtri

Dopo averteli presentati, vediamo le attività che possono essere condotte con i nuovi filtri di MailUp, per portare la tua strategia di Email Marketing a ...

Continua a leggere

Personalizzare le email: i 2 tool fondamentali

Immagina di inviare email che si compongono automaticamente con i contenuti più in linea per ciascun destinatario. Puoi farlo: scopriamo due funzioni di personalizzazione con ...

Continua a leggere

Come ha fatto Walmart Argentina ad arricchire l’esperienza d’acquisto?

Abbiamo chiesto alla multinazionale di raccontarci come, grazie all’integrazione tra MailUp e VTEX, ha raggiunto un livello di comunicazione ultra-personalizzata per ciascuna fase del rapporto ...

Continua a leggere

Deliverability: la storia di MailUp

Email design, automation, segmentazione? Il primo fattore per assicurare la riuscita di una campagna di Email Marketing è forse il più sottovalutato. Parliamo della deliverability ...

Continua a leggere

Scrivere il preheader dell’email: 9 errori da non commettere

L’oggetto di una campagna non può dirsi veramente ottimizzato senza un buon preheader. Impariamo dagli errori: ecco le 9 azioni da evitare per scongiurare un ...

Continua a leggere