10 min

C’è un detto che recita “Chi fa, sbaglia”. Ed è proprio così: chi lavora sbaglia. Anche noi non siamo da meno e ammetterlo non ci pesa. Per questo vogliamo raccontarti la nostra esperienza, che ci ha dato grande soddisfazione e ci ha regalato risultati e riscontri a dir poco inaspettati.

Tutto comincia a ottobre di quest’anno quando, come da tre anni a questa parte, decidiamo di divulgare i dati del nostro Osservatorio Statistiche 2013. Attraverso delle azioni DEM mirate al nostro database, proponiamo l’osservatorio a quanti già ci conoscono e sono iscritti alla newsletter MailUp.

Tutto sembra andare a gonfie vele quando, d’un tratto, realizziamo che l’Osservatorio, il file originale dal quale avevamo generato tutto l’interesse e il traffico, aveva delle imprecisioni!

Cosa fare a questo punto, davanti all’importante numero di 646 persone che ci hanno lasciato i loro dati per scaricare un documento non perfetto?

Sicuramente ammettere di aver sbagliato! E così abbiamo fatto:

  • Con sincerità – a partire dall’oggetto della nostra email: “C’è stato qualche refuso”
  • Indirizzandoci al destinatario con un tono personale – chiamandolo per nome
  • Con un linguaggio diretto e senza giri di parole – le imprecisioni c’erano, inutile nasconderlo
  • Ringraziando per la comprensione – ci dispiaceva dover chiedere nuovamente uno sforzo ai nostri iscritti, anche solo per un click
  • Assumendoci la nostra responsabilità – con tanto di nome e cognome in firma

DEM di scuse

 

Se è vero che una negatività, di per sé, non è cosa di cui vantarsi, è altrettanto vero che l’onestà paga, sempre. La nostra mail, inviata a 646 persone come noi, scritta con un tono franco, un linguaggio diretto e un nome e cognome in firma, ha raggiunto quasi il 90% di aperture, riuscendo a trasformare una negatività in vera e propria positività.

Statistiche aperture

 

Oltre al tasso di apertura nettamente superiore alla media (circa il doppio), il dato sorprendente è relativo alle reazioni spontanee di alcuni degli iscritti, i quali hanno avuto l’interesse e il piacere di contattarci direttamente, confermando quanto il nostro gesto sia stato apprezzato.

 

Positività

 

Insomma, la nostra esperienza diretta ci dice che sbagliare è possibile (anche se non auspicabile!) e che gli errori si possono ammettere senza il rischio di passare per incompetenti. Nonostante quello del web sia un ambiente dove è facile nascondersi, onestà e trasparenza funzionano, anche online, e ti rendono umano tra gli esseri umani – persone, non target!

E tu, hai avuto esperienze di “errata corrige” da raccontarci? Condividi qui la tua storia di successo!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Nozioni base per sviluppare email HTML responsive

Come in una costruzione, occorrono solide fondamenta: oggi vediamo le operazioni per gettare le basi delle tue campagne, garantendo la corretta visualizzazione sui vari client ...

Continua a leggere

Il ciclo di vita nell’Email Marketing: come estenderlo migliorando l’engagement

Nessun rapporto è per sempre, soprattutto tra aziende e clienti. Nell’Email Marketing il fattore chiave del ciclo di vita è l’engagement: scopriamo le sue metriche, ...

Continua a leggere

Nel futuro dell’Email Marketing: in Gmail arrivano le email “navigabili”

Grazie all’AMP, i brand ora possono lanciare campagne interattive dove il destinatario può sfogliare cataloghi di prodotti, prenotare viaggi e molto altro, senza lasciare l’email. ...

Continua a leggere

5 segreti per email ad alta conversione

Dall'oggetto alle tempistiche, dalla psicologia al pubblico, e altro ancora. Ecco 5 suggerimenti per lanciare campagne di grande rendimento, rispettando le aspettative e inviando esattamente ...

Continua a leggere

Coerenza e consistenza del brand: cosa sono e come applicarle alle tue email

Per il 41% dei consumatori sono fattori più importanti dell'autenticità e della trasparenza. Vediamo come dare alla tua strategia di Email Marketing una solida brand ...

Continua a leggere

Osservatorio Statistico 2019: numeri, grafici e benchmark di un anno di Email Marketing

Lavorando su un bacino di 13 miliardi di email inviate da oltre 11.000 clienti, l’Osservatorio offre report approfonditi dedicati ai risultati di newsletter, DEM, settori ...

Continua a leggere