Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min

Grazie alle nuove impostazioni di Gmail ti sarà possibile visualizzare direttamente e in sicurezza tutte le immagini delle tue email, sia da Desktop che da mobile (iOS e Android). Scopri cosa comporta questo cambiamento attraverso le parole di  Nazzareno Gorni, CEO MailUp.

Da oggi Gmail caricherà le immagini direttamente dai server proxy di Google, senza doverle prelevare da host esterni, potenzialmente pericolosi. Così facendo controllerà alla fonte eventuali virus o malware, restituendo solo le immagini sicure, ed evitando all’utente di dover confermare il proprio consenso tramite l’apposito (e noioso) link “Visualizza immagini sottostanti”.

Fastidioso click "Visualizza immagini sottostanti"

 

Cosa cambia ora per i marketer?
“Per chi, come noi, lavora nel settore dell’email marketing” spiega Nazzareno Gorni, CEO MailUp, “questa può essere una buona notizia. Infatti, se è vero che Gmail, con l’introduzione delle TAB, aveva reso difficile il lavoro dei marketer, deprimendo il tasso di apertura delle email, oggi con questo rinnovato modello introduce nuove possibilità di sblocco della situazione”.

Inbox email

 

I tassi di apertura (Open Rates) generalmente vengono determinati attraverso il tracking delle immagini e, poiché con questa nuova impostazione le immagini sono innescate automaticamente, ne consegue la possibilità di un aumento dei reali Open Rate.
Inoltre adesso sei sicuro che i tuoi iscritti riceveranno l’email proprio come tu l’hai pensata per loro: immagini, colori, design, rispecchieranno la tua comunicazione, senza passare per il fastidioso tasto di conferma salvo per le email identificate come spam.

“Infine –  prosegue Nazzareno Gorni –  Google impedisce l’impostazione di cookie e il riconoscimento del device/IP del destinatario. Questo limita le possibilità di analisi e, soprattutto, di profilazione impedendo ad esempio l’invio con immagini dinamiche basate sulla geolocalizzazione. Un tipo di limitazione che si spiega da un lato come una maggiore difesa della privacy dei propri utenti, dall’altro con il fatto che Google si riserva così l’esclusiva di fare advertising geolocalizzato per tutti i propri utenti Gmail. Per fortuna comunque l’utilizzo del proxy per immagini non impedisce a MailUp di continuare a conteggiare correttamente ogni singola apertura.”

Continua a seguire il Blog di MailUp per ulteriori approfondimenti.

Be Relevant!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere

3 tattiche di Email Marketing per favorire gli acquisti d’impulso

L'Email Marketing è uno dei migliori canali per indirizzare il traffico verso i siti web. Non solo può essere sfruttato per condividere le ultime notizie ...

Continua a leggere

Tutorial: come creare un’email con la tecnica dei color blocks

Abbiamo un debole per le email colorate. Uno stile che ci piace particolarmente (e che vediamo utilizzato spesso) è quello che prevede l'utilizzo di blocchi ...

Continua a leggere

5 efficaci tecniche di copywriting per migliorare il CTR delle email

Secondo Templafy, una persona riceve in media 121 email al giorno. Si tratta di 121 messaggi diversi, 121 promozioni diverse, 121 call-to-action diverse. Con tutte queste ...

Continua a leggere