Mai sentito parlare di Email Automation? Si tratta di quei messaggi automatici inviati ai tuoi contatti a seguito di azioni particolari come l’iscrizione alla tua newsletter o il completamento di un acquisto. Che tu ci creda o no, il loro utilizzo fa davvero la differenza in una campagna di email marketing strutturata e mirata. Ecco come utilizzarli al meglio.

 

BASTA UN “BENVENUTO” PER SENTIRTI SUBITO A CASA

Attraverso comunicazioni come “Grazie per aver acquistato” o “Benvenuto nella community” l’email marketing ti aiuta a realizzare strategie più sofisticate di engagement e di post-vendita o post-iscrizione, approfittando di nuove occasione per comunicare in maniera proficua con i tuoi prospect (per convertirli in clienti) e con i clienti stessi (per trasformarli in acquirenti abituali).

Questi sono solo alcuni dei motivi per i quali l’email automation sta crescendo in maniera così rapida. Basta pensare a quanto le email automatiche siano scalabili e richiedano uno sforzo relativo, pur mostrando dei tassi di apertura del 70% più alti rispetto al resto delle email e tassi di clic di +150%.

 

CON MailUp 8.5 PUOI

Con la release di MailUp 8.5 oggi ti è possibile impostare le tue email automatiche con estrema precisione:

  • scegliendo giorni e ricorrenze che preferisci
  • impostando fasce di non disturbo
  • senza doverti preoccupare dei diversi fusi orari
  • con una frequenza d’attivazione che passa da 24 ore a 5 minuti

 

Messaggi automatici - la console

 

Ipotizziamo, ad esempio, che tu voglia inviare un’email automatica post-acquisto ad un cliente B2B e desideri che il tuo messaggio venga spedito nel corso della settimana lavorativa. Per esserne certo dovrai “mettere in pausa” la campagna durante il weekend, e in occasione delle principali feste, attivando il primo giorno lavorativo successivo disponibile.

Con MailUp 8.5 puoi:

  • fare in modo che le tue email non vengano inviate durante i fine settimana
  • escludere specifiche date dagli invii automatici (non solo le festività, pensa ad esempio a eventuali manutenzioni del sito già programmate)
  • impostare date specifiche e ricorrenti di non-invio (Natale, capodanno, ecc)

 

Messaggi automatici - specifiche

 

Migliora i tuoi risultati con l’utilizzo delle email automatiche.

Se sei già cliente, consulta il Manuale MailUp per scoprire come sfruttare al meglio la funzionalità di Email Automation; se ancora non usi MailUp mettici alla prova gratuitamente (e senza impegno) per 30 giorni.

 

Be Relevant!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

UX design: come progettare esperienze utente per l’Email Marketing

Trasformare la lettura di un'email in un'esperienza piacevole e memorabile è l'obiettivo di ogni marketer che vuole aumentare le proprie conversioni. Ecco alcune linee guida ...

Continua a leggere

15 modi originali di usare le GIF animate nelle email

Le GIF animate sono sempre più spesso scelte dai marketer per dar vita alle comunicazioni email. Ma come usarle in modo divertente, utile e diverso ...

Continua a leggere

Email Marketing e tipografia: alcuni consigli su formattazione e stile

Quanto è importante inviare campagne con un testo non solo leggibile per il destinatario, ma anche di impatto? È il momento di ripensare stile e ...

Continua a leggere

Come progettare una landing page che converte

Dalla call to action alla social proof, fino all’attività di testing. Vediamo le best practice per progettare una landing page dall’elevato potenziale di conversione. Ogni pagina ...

Continua a leggere

Email Marketing & E-commerce: il white paper dedicato all’impatto del Covid-19

Abbiamo unito i risultati di due ricerche, di MailUp e dell’Osservatorio eCommerce B2c della School of Management del Politecnico di Milano. Obiettivo: fotografare l’impatto del ...

Continua a leggere

6 suggerimenti per l’Email Marketing delle attività con punti vendita fisici

L'email marketing può essere fondamentale per attirare e fidelizzare i clienti. Infatti garantisce potenzialmente un ROI del 4.400%; basta questo per affermare che vale la ...

Continua a leggere