10 min

Lo avevamo già accennato qualche tempo fa e le nostre sensazioni sono state confermate proprio in questi giorni: come Yahoo!, anche AOL ha aggiornato la propria policy DMARC impostandola a reject . Lo scopo è il medesimo: proteggere il brand e ridurre al minimo ogni possibilità di utilizzo sconsiderato di email non autorizzate inviate dai loro domini aziendali.

Lo scenario è piuttosto complesso: Yahoo! e AOL spediscono e, al contempo, ricevono miliardi di email ogni giorno nel mondo, tanti quanti sono i loro utenti @yahoo e @AOL. I due ISP:

  • in fase di ricezione controllano la politica DMARC del mittente per verificare se il messaggio possa essere (o meno) accettato
  • in fase di invio hanno aggiornato la policy DMARC per impedire l’uso non autorizzato dei loro domini.

A seguito di questa ultima novità, AOL intende comunicare a tutti gli ISP che hanno adottato il protocollo DMARC (compresi loro stessi) di rifiutare le email inviate dagli indirizzi @aol.com, a meno che i messaggi siano stati inviati attraverso un server di posta elettronica AOL autorizzato. Di conseguenza non sarà più possibile inviare messaggi di massa da (e per) AOL.

Niente più messaggi in massa da (e per) AOL

 

PERCHÉ SEMPRE PIÙ ISP UTILIZZANO DMARC
Tra gli altri ISP, anche Gmail, Outlook.com e Yahoo! hanno adottato il protocollo DMARC, con l’obiettivo di ridurre al minimo (sino a impedire in via definitiva) la circolazione di messaggi non autorizzati, contrastando fenomeni quali phishing e spoofing.

A rendere il tutto più complicato è il fatto che tutti questi grandi fornitori di servizi Internet, AOL e Yahoo!, sono anche fornitori di account di posta elettronica e, di conseguenza, a loro volta mittenti di email. Sono infatti miliardi le email che vengono inviate dagli account @aol e @yahoo.

PRIMA E DOPO
Fino a oggi non erano mai state imposte particolari regole – se non quelle relative alle migliori pratiche di email marketing – che vietassero l’invio di messaggi di massa da un account di posta elettronica AOL. Oggi invece, con l’adozione della nuova policy reject di DMARC, Yahoo! e AOL stanno cambiando le regole del gioco. Quanto accennato nel nostro precedente post (Utilizzi Yahoo! come mittente? Attento che DMARC non blocchi le tue email) rimane valido, con l’aggiunta di 3 regole d’oro:

  • meglio non utilizzare indirizzi @AOL come mittenti delle tue campagne di email marketing
  • per le tue email personali sincerati di utilizzare l’SMTP AOL (ecco come)
  • meglio leggere tutte le raccomandazioni del caso sul blog di AOL

 

L’EMAIL MARKETING SEMPRE PIÙ SICURO
Tutti questi cambiamenti hanno un senso e servono a difenderci. Non si tratta solo di phishing e di spoofing: gli spammer, infatti, spesso utilizzano gli indirizzi email gratuiti proprio perché, per loro stessa natura, sono più facili da creare e più complessi da tracciare.

MailUp non permette di utilizzare indirizzi di posta elettronica gratuiti (fa parte del nostro processo di approvazione del cliente) e queste nuove mosse di Yahoo! e AOL confermano la validità della strada intrapresa. Ogni novità in grado di migliorare la sicurezza e l’affidabilità del servizio di posta elettronica quale strumento di comunicazione è per noi importante e, ne siamo certi, presto molti altri ISP seguiranno AOL e Yahoo! nell’attuazione di questa rigorosa politica DMARC.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere