Per trasformare dei semplici contatti commerciali in clienti, ti bastano piccoli accorgimenti e l’utilizzo sapiente di una potente leva di marketing: le email automatiche. Grazie all’invio automatizzato dei messaggi, infatti, puoi migliorare il flusso di gestione dei contatti commerciali (+60% nel 2014 secondo Customer Experience Matrix) e ottimizzare i tuoi ricavi.

Nell’infografica (tratta dal nostro ebook gratuito “Vuoi incrementare i ricavi senza (altra) fatica?”) trovi riassunti in 5 punti tante idee, consigli e suggerimenti su come, quando e perché utilizzare i messaggi automatici. Vediamoli insieme…


Infografica Ebook Email Automatiche

 

#1  Esistono email che “lavorano per te”
Gestire contatti commerciali è, ancora oggi, una delle sfide più importanti per le aziende. Molte risorse (sia economiche che umane) vengono spese quotidianamente per la generazione dei lead ma non sempre questi vengono gestiti correttamente e si trasformano in clienti.

Un’occasione per organizzare al meglio il flusso di lavoro viene fornita dall’utilizzo delle email automatiche. Con una piattaforma di invio professionale come MailUp, per esempio, puoi impostare determinati automatismi, autoresponder e lasciare che le email… lavorino per te! In questo modo:

  • Trasformi i prospect in clienti. Come? Ricontatti senza sforzo chi ha richiesto, per esempio, una prova gratuita del tuo prodotto o del tuo servizio ma non ha mai confermato o completato la procedura.
  • Riattivi gli utenti. Talvolta gli utenti si registrano alla tua newsletter ma non confermano l’iscrizione: ricontattali con un messaggio automatico o con campagne di più messaggi inviati a determinate cadenze temporali.
  • Segui i tuoi clienti nel processo di vendita. Dialoga con i tuoi clienti per prepararli all’acquisto e all’up-selling realizzando una comunicazione a due vie, diretta e interattiva.

 

#2 Così incrementi i ricavi, senza ulteriori sforzi
Attivando semplici azioni di recupero dei carrelli abbandonati e seguendo i clienti nel post vendita, puoi incrementare i tuoi ricavi senza troppi sforzi ma ricorda: non sottovalutare mai l’importantissima fase di set-up.

  • Recupera i carrelli abbandonati. I tuoi clienti/prospect spesso “saltano” da un dispositivo all’altro e attendono di completare la transazione da desktop o da tablet. Se invii email automatiche puoi recuperare i carrelli abbandonati invitando i tuoi visitatori a completare la transazione lasciata a metà.
  • Proponi prodotti correlati. Hai mai pensato di indicare prodotti correlati facilmente abbinabili a quelli già acquistati o in fase di acquisto? Anche a distanza di alcuni giorni non esitare a proporre articoli accessori, importanti per un migliore utilizzo del prodotto precedentemente acquistato.
  • Follow-up immediato. Spesso basta un semplice “grazie” (magari a seguito di un acquisto o di una registrazione alla tua newsletter) per partire parti già con il piede giusto. E perché non cogliere l’occasione di aggiungere anche informazioni importanti per l’utente? Rinfrescagli la memoria sui servizi a disposizione (possibilità di resa, assistenza) o dai suggerimenti per utilizzare al meglio il prodotto appena comprato (video lezioni, istruzioni d’uso): non potrai che conquistarlo.

 

#3 Migliora i tassi di recapito
La tua reputazione di mittente è legata indissolubilmente ad algoritmi di coinvolgimento dei destinatari. Proprio per questo può diventare negativa se il database è ricco di utenti poco attivi o, peggio ancora, di indirizzi abbandonati (i cosiddetti zombie). Al contrario, liste con utenti che cliccano, leggono, condividono e rispondono, contribuiscono a migliorare la tua reputazione. Con le email automatiche puoi utilizzare filtri che ti permettono di eliminare gli utenti inattivi da tempo, fare leva sui destinatari più attivi e richiedere informazioni ai tuoi iscritti, profilando ancora meglio in futuro.

 

#4 Email e SMS
Il canale email e quello SMS possono (e devono) trovare dei punti di contatto  all’interno di una strategia integrata vincente. Gli automatismi a più vie, infatti, ti permettono di raggiungere i tuoi destinatari con modalità, toni e approcci differenti, massimizzando l’effetto del contatto.

Perché non programmare l’invio di email e SMS a seguito di determinati comportamenti dei tuoi destinatari come:

  • Iscrizioni a eventi
  • Informazioni transazionali
  • Promozioni in scadenza

 

#5 Email automatiche e privacy

Un’email automatica, contenente informazioni di up-selling o cross-selling, viene considerata a tutti gli effetti un messaggio commerciale e, per questo, risponde alle normative legate all’invio di messaggi promozionali. Ogni invio di materiale pubblicitario, e la profilazione dell’utente che ne deriva, è considerato a tutti gli effetti una prestazione passiva a carico dell’utente. Per questo, prima di intraprendere azioni automatiche, assicurati di aver ricevuto il consenso esplicito e preventivo da parte del consumatore per non incorrere in sanzioni a seguito di richieste di risarcimento danni, patrimoniali e morali, derivante dall’illecito trattamento dei dati.
Per entrare più nel dettaglio, scarica qui l’ebook gratuito “Vuoi incrementare i ricavi senza (altra) fatica?”.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Report Email Marketing: come strutturarlo e quali KPI guardare

Facciamo il punto sull’attività di tracciamento e misurazione dei risultati delle campagne: dai fondamentali KPI alle funzioni di reportistica, fino a 7 consigli per strutturare ...

Continua a leggere

La Marketing Automation per conquistare il mercato: intervista a Donato Cremonesi

Abbiamo fatto due chiacchiere con il CEO e fondatore di Factory Communication, per farci raccontare - con un caso pratico - come si conquista la ...

Continua a leggere

Email Design: 7 trend da cavalcare in autunno

Dalla “nostalgia” dei gradienti al fascino discreto del monocromo, fino al realismo delle immagini 3D. Abbiamo selezionato le tendenze grafiche più in voga tra i ...

Continua a leggere

Flusso automatico di recupero carrello: lo stai facendo nel modo sbagliato

A volte, le migliori intenzioni non bastano. La lezione di una strategia di recupero carrello multicanale di un brand reale, caratterizzata da tanta buona volontà, ...

Continua a leggere

Di cosa hai bisogno per iniziare una campagna di Email Marketing?

Negli Stati Uniti il 70% delle aziende fa Email Marketing, perché è un canale redditizio, versatile e semplice da avviare: ecco allora i pochi step ...

Continua a leggere

Back to work: come programmare la nuova stagione di Email Marketing

Abbiamo tracciato le attività prioritarie che i brand devono condurre al rientro dalle ferie, per innalzare l’asticella delle proprie strategie di Email Marketing. Tempo di rientri, ...

Continua a leggere