Aumentare il coinvolgimento dei destinatari delle tue campagne email, illustrare meglio i vantaggi dell’offerta e dell’uso del tuo prodotto, per un concreto ritorno di investimento: grazie a video e GIF animate, decisivi alleati della tua comunicazione.

Nel multiforme paesaggio dell’email marketing si sviluppano quotidianamente nuove tecniche, anche attraverso prestiti e contaminazioni. Ecco che nelle campagne di email marketing fanno la loro comparsa strumenti peculiari del web marketing: i contenuti interattivi, come video e GIF animate.

Un trend che MailUp ha deciso di approfondire con un ebook (scaricalo qui gratutitamente) dei nostri marketing guru – “Video o GIF animate? Guida per usare contenuti interattivi nelle email e con un webinar, anch’esso gratuito, in programma giovedì 30 ottobre, dalle 16:30 (iscriviti ora).

A darci prova, percentuali alla mano, delle potenzialità di video e GIF animate è un articolo del Content Marketing Institute, tra le più autorevoli voci del settore: secondo le ricerche dell’istituto, il 76% di chi inserisce video nelle email ottiene click-through rate molto più alti, oltre a registrare una maggiore propensione all’acquisto da parte dei prospect, quantificata in una percentuale del 72%.

 

7 buoni motivi per 7 vantaggi

Sono 7 i buoni motivi per corredare le tue email con contenuti interattivi:

  1. migliori il ROI (+280% rispetto alle email tradizionali)
  2. le tue email si notano e si ricordano di più
  3. fai conoscere il tuo nome
  4. offri una dimensione più umana della tua azienda e del tuo prodotto
  5. moltipichi le opportunità di cross-selling
  6. crei buzz sui social media
  7. con un solo prodotto coinvolgi, informi e illustri soluzioni a clienti, collaboratori e fornitori.

Buoni motivi che si traducono in campagne di email marketing con un notevole ritorno sugli investimenti: secondo un’indagine americana, infatti, l’uso di contenuti interattivi all’interno delle email genera in media un aumento del 280% in più rispetto alle email tradizionali.

 

Video, email e social: un’integrazione vincente

Il trend delle email con contenuti interattivi è ora possibile grazie all’HTML5, che permette di inserire (o “embeddare”) video direttamente nei messaggi email; per quanto riguarda le GIF animate, è diventato molto più facile crearle grazie a semplici editor per immagini come, per esempio, Adobe Photoshop.

L’uso di contenuti interattivi nelle campagne email si è dimostrato un ottimo strumento per aumentare l’engagement dei destinatari e il fatturato legato all’invio di DEM. Questo aumento corrisponde a +55% secondo un A/B test fatto da un negoziante online.

È importante ricordare che il successo di una campagna email dipende anche dalla qualità del video. Una buona idea può renderlo un successo virale sui social media, come accaduto con la campagna icebucketchallenge.
Se sei un mittente B2B, puoi usare i video per far conoscere ai tuoi destinatari un prodotto o servizio – come il nuovo editor BeeFree di MailUp – favorendo allo stesso tempo la condivisione social e il passaparola o WOM.

I contenuti interattivi sono, dunque, un’importantissima risorsa. La nostra infografica ti viene incontro per una panoramica sulle pratiche e i vantaggi di una email corredata di video e GIF animate:

 

infografica_ebook16

 

Il video è per l’email marketing un potenziale alleato, che in passato si è però scontrato contro impossibilità tecniche. Ostacoli superati oggi grazie alla possibilità di “embeddare” (dall’inglese to embed) un video, cioè inserirlo nel codice HTML: è così che il tag <video> ci permette di includere il video nell’HTML del messaggio inviato ai nostri destinatari e, di conseguenza, permette a loro di visualizzarlo direttamente nel messaggio, senza usare altri plugin o servizi come YouTube.

 

Contenuti interattivi: il MailUp ebook con gli insegnamenti dei nostri guru

Nel nostro ebook (scaricalo qui gratuitamente) trovi una guida pratica per embeddare video nelle tue email: pochi e semplici passi che ti guideranno nel processo, dalla scelta del corretto formato video al suo caricamento nell’area accessibile, passando per la scrittura del codice HTML5 del video.
Una volta ottimizzata la tua email, MailUp risponderà alla tua più urgente domanda: “Quanti destinatari vedranno il video nella inbox?”. Basta un clic per  consultare i report statistici di MailUp.

Grande anche il potenziale delle GIF animate, per creare una storia, attirare l’attenzione del tuo destinatario e portarlo a compiere l’azione che desideri. Anche in questo caso ti invitiamo a scaricare il nostro ebook, dove puoi trovare statistiche, analisi e consigli sui servizi migliori per creare GIF animate.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto

Ti guidiamo, passo passo, alla creazione di form, pagine e email con cui gestire l’iscrizione di nuovi destinatari al tuo database, dandogli il benvenuto e ...

Continua a leggere

Vuoi profilare bene? Impara a raccogliere i dati

Da dove partire per profilare le email? Dalla raccolta di informazioni utili sui destinatari. Vediamo allora le possibilità a disposizione delle aziende: profilazione unica, progressiva, ...

Continua a leggere

Zero bounce, 100% recapito. Utopia? No, realtà

Hard bounce. Filtri antispam. Delivery rate. Deliverability. Alzi la mano chi, occupandosi di Email Marketing, non si è mai trovato a fronteggiare queste tematiche in ...

Continua a leggere

Visualizzazione delle email tra i client di posta: sfide e soluzioni

Come brand che sfrutta l'Email Marketing, devi assicurarti che le email vengano visualizzate dai destinatari esattamente come lo hai immaginato. La maggior parte delle email ...

Continua a leggere

6 consigli per dare il boost alle strategie del 2019

Dalla sperimentazione di nuovi canali alle triggering headline, fino alle email interattive. I nostri suggerimenti per iniziare l’anno con il piede giusto, rinfrescando la propria strategia ...

Continua a leggere

5 modi per far crescere la tua mailing list

Non basta chiedere alle persone di iscriversi. Inoltre la tua mailing list perde fisiologicamente il 25-30% dei contatti ogni anno. Serve offrire valore, informazione, utilità ...

Continua a leggere