10 min

A metà gennaio Salesforce ha pubblicato il suo 2015 State of Marketing, il report che annualmente coinvolge più di 5.000 marketers di tutto il mondo, con un obiettivo: individuare le priorità delle aziende nei canali digitali e le loro sfide di business per il 2015.
Nella costante ascesa di social e mobile, l’email continua a rappresentare un canale di marketing privilegiato. A testimoniarlo i numeri riportati da Salesforce: “Il 73% dei marketer ritiene l’email il cuore del proprio business”.
Tra numeri, spunti di riflessione e suggerimenti, facciamo il punto dell’email marketing per il 2015.

Perché l’email è il cuore del tuo business?

“Il 60% dei marketer nel 2015 ritiene che l’email sia un facilitatore decisivo per la promozione di servizi e prodotti“; sempre secondo Salesforce, “nel 2014 il dato si attestava al 42%”.
Sia nel B2B che nel B2C, l’email può veicolare il traffico ai tuoi siti e negozi online. In particolare in quest’ultimo caso, per chi opera nell’ecommerce, l’email marketing rappresenta un canale di promozione privilegiato: maggior traffico significa che i tuoi prodotti e servizi sono consultati da sempre più persone, e maggiori sono le probabilità di conversione in acquisto.

Fonte: Salesforce: “2015 State of Marketing”

È l’anno delle email responsive?

Negli ultimi anni i marketer hanno lottato per la corretta visualizzazione su mobile delle loro email. Ma con grande sorpresa scopriamo che, ancora oggi, “il 23% [dei marketer] non conosce i dispositivi su cui le email sono lette” e “il 17% non ha ancora reso responsive le email”. Vuoi sapere se le tue email sono aperte da dispositivi mobile? Con MailUp hai report statistici dettagliati sulle aperture da smartphone e tablet. Per creare messaggi di posta elettronica responsive, prova il nostro editor online BeeFree: https://beefree.io/

Fonte: Salesforce: “2015 State of Marketing”.

Nel 2015 i marketer non possono più ignorare le nuove tendenze. È necessario muoversi su due fronti: il monitoraggio delle email su mobile e l’adozione di un design responsive.
Secondo lo studio di Salesforce, “quest’anno il 33% dei marketer ha affermato che le loro email sono visualizzate e lette su un dispositivo mobile almeno il 50% delle volte”; e il “48% afferma di utilizzare, spesso o sempre, il design responsive nelle campagne email” (il 46% per le proprie landing page).

Le campagne più diffuse e quelle più efficaci

Il rapporto Salesforce conclude che “quando si tratta di email, molti marketer si affidano ancora a vecchi modelli di newsletter, invece di sviluppare nuove campagne, più efficaci, convincenti e persuasive”.

Fonte: Salesforce: “2015 State of Marketing”

Le campagne email personalizzate sono più efficaci anche se più complesse da realizzare. Per esempio le campagne automatiche di benvenuto sono efficaci per il 72% ma usate solo dal 42% dei marketer.

Qualche consiglio

Il rapporto Salesforce fornisce alcune raccomandazioni molto utili per l’email (ma anche per mobile e social). Puoi scaricare qui il 2015 State of Marketing. Ecco, in sintesi, le raccomandazioni per il 2015:

  • Valuta il ruolo dell’email nel processo di acquisto.
  • Raggiungi e coinvolgi i tuoi iscritti. Crea comunicazioni responsive.
  • Dai nuova vita alle tue campagne email:
    • Sperimenta nuove comunicazioni.
    • Fai pulizia della tua mailing list con attività di re-engagement.

Infine, ricorda che la nostra piattaforma MailUp è integrata con Salesforce. Consulta la pagina dell’integrazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

5 tattiche per ridurre il churn rate delle SaaS

Dal fondamentale apporto del processo di onboarding fino alle ricerche sul comportamento degli utenti. Ecco 5 modi per ridurre il tasso di abbandono della tua ...

Continua a leggere

La lunghezza dell’email: alcune best practice per le campagne grafiche e quelle testuali

Dall’estensione in verticale al peso complessivo, fino al numero di parole. Facciamo chiarezza su quali sono i parametri di lunghezza che favoriscono tassi di recapito, ...

Continua a leggere

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere