Prendi due canali potenti, l’email e Facebook, sfrutta i loro punti di contatto e rafforza l’efficacia dell’uno e dell’altro. Il gioco è fatto!

Andiamo per step, e partiamo dall’email.

Secondo i dati pubblicati da Salesforce sullo stato del marketing nel 2015, l’email continua a rappresentare un canale privilegiato:

  • il 73% dei marketer ritiene l’email il cuore del proprio business;
  • il 60% dei marketer, nel 2015, ritiene che l’email sia un facilitatore decisivo per la promozione di servizi e prodotti. Nel 2014 il dato si attestava al 42%.

Salesforce

Dall’altra parte, invece, Facebook:

  • il social media advertising è la prima delle 5 fonti adv in forte crescita;

Salesforce

 

  • il 68% dei marketer lo ritiene un canale molto efficace;
  • secondo una delle ultime ricerche Nielsen, riguardante le fiducia globale nella pubblicità, il 46% degli intervistati afferma di fidarsi delle pubblicità sui social network (soprattutto i millennial).

Fatta questa premessa, entriamo nel vivo e vediamo come sfruttare i punti di contatto tra questi due canali.

Email e Facebook: l’integrazione in 6 punti

Per migliorare le performance delle tue campagne email grazie a Facebook puoi sfruttare sia le caratteristiche organiche sia quelle a pagamento della piattaforma.

Partiamo dalle prime.

1. Includi icone social nelle tue email

Si tratta di un’azione dalla duplice valenza, perché consente di:

  • aumentare la community della tua pagina Facebook. Potenzialmente tutti i destinatari che non sono fan della tua pagina, possono diventarlo aprendo l’email.

Social icon

 

  • condividere la tua email su Facebook, così da espanderne la portata.

Social icon

2. Inserisci un modulo di iscrizione sulla tua pagina Facebook

Un trucchetto per aumentare il numero di iscritti alla tua newsletter è quello di aggiungere un modulo di iscrizione all’interno della tua pagina, grazie a MailUp Facebook App.

Facebook Tab

Noi di MailUp abbiamo colto quest’opportunità, offrendo ai nostri clienti la possibilità di collegare il proprio modulo d’iscrizione all’interno di Facebook, semplificando processi di creazione della tab che normalmente richiedono conoscenze tecniche e di codice.

MailUp Facebook App è, invece, di facile e immediato utilizzo: grazie al sistema drag & drop puoi creare moduli di iscrizione in poche e semplici azioni di trascinamento e rilascio, senza alcun bisogno di conoscenze tecniche.

3. Un richiamo all’azione nella cover della tua pagina Facebook

Circa un anno fa Facebook ha pensato bene di introdurre un nuovo bottoncino che gli amministratori della pagina possono aggiungere sopra le tab, per facilitare il raggiungimento di obiettivi di business.

È possibile scegliere tra un elenco variegato di call-to-action, tra cui Contattaci e Iscriviti. 

CTA cover

Cliccando sul pulsante si ha la possibilità di modificare l’invito all’azione e l’URL di destinazione, oltre a visualizzare l’anteprima su differenti dispositivi.

CTA cover

Gli insight mostrano i clic ricevuti nel corso dell’ultima settimana.

Ora che abbiamo visto le 3 principali caratteristiche organiche, passiamo alla parte a pagamento.

4. Raggiungi su Facebook i contatti della tua lista

Sei sicuro che tutti i tuoi clienti sappiano dell’esistenza della tua pagina Facebook? Probabilmente no, e un modo per scoprirlo potrebbe essere quello di attivare una campagna di Fan Acquisition targettizzando il tuo database di contatti. In media un utente accede a Facebook 14 volte al giorno, da qualsiasi dispositivo, in qualunque momento e da qualsiasi luogo. Per i brand sono tutte occasioni preziose per rimanere in contatto con gli attuali clienti, favorendo la fidelizzazione; e aumentando la brand awareness con i clienti potenziali, spingendo alla loro conversione nel lungo periodo.

Quello che devi fare è molto semplice.

Accedi al tuo pannello pubblicitario e vai su Strumenti > Pubblico > Crea pubblico > Pubblico personalizzato.

Ti troverai di fronte a questa schermata. Clicca su Elenco di clienti e carica il tuo file.

Custom Audience

Non temere per la privacy dei tuoi dati, perché è assolutamente protetta. I dati che inserisci, infatti, sono hashed.

Ora puoi attivare la tua campagna e, in fase di targettizzazione, selezionare il Custom Audience appena creato.

5. Punta su un pubblico simile alla tua lista di contatti

Facebook non ti consente soltanto di rivolgere campagne alla tua lista di contatti, ma anche ad un pubblico simile ai tuoi clienti attuali.

Attraverso un sofisticato modello di targettizzazione denominato Lookalike Audience, Facebook intercetta, sulla base degli interessi e delle caratteristiche degli utenti, persone simili agli utenti che già conoscono e interagiscono con la tua azienda.

Questo fondamentale strumento permette di scegliere anche il livello di somiglianza, su una scala da 1% a 10%. Scegliendo l’1% la somiglianza sarà massima, così come la possibilità di intercettare persone molto interessate al tuo prodotto o servizio. Più ci si allontana dall’1%, più la portata delle tue campagne sarà maggiore, anche se a scapito della somiglianza. In questi casi consigliamo di testare diverse percentuali di somiglianza per poi lasciare attive solo le campagne che registrano performance migliori.

Lookalike Audience

Probabilmente ti stai chiedendo come sfruttare al massimo questa tipologia di targettizzazione. Semplice! Se hai l’obiettivo di far crescere la tua lista di contatti, ti basta sfruttare il formato Link Ad per guidare, con un semplice clic, la tua Lookalike Audience al form di iscrizione.

Link Ad

Nell’esempio riportato qui sopra l’utente, cliccando sull’immagine, atterra su una landing dedicata dove lasciare le sue informazioni.

Per il medesimo obiettivo puoi sfruttare anche il Carousel Ad, che permette di indirizzare al tuo pubblico fino a 5 landing differenti, personalizzando le immagini e le descrizioni dell’inserzione.

Carousel Ad

6. Incrementa la tua lista senza uscire da Facebook, con i Lead Ads

In un momento un cui le persone si aspettano di fare qualsiasi cosa con smartphone e tablet, Facebook ha lanciato un’importante novità che permette alle aziende di generare clienti potenziali offrendo una soluzione più semplice per la compilazione dei moduli dai dispositivi mobili. Ideali per raccogliere iscrizioni alle newsletter, i Lead Ads ti consentono di personalizzare completamente il tuo modulo scegliendo i campi dei contatti che intendi raccogliere.

Lead Ads

Quando un utente clicca sulla tua inserzione, si apre un modulo con le relative informazioni di contatto già inserite, in base alle informazioni condivise con Facebook, per esempio il nome e l’indirizzo email.

Un’altra novità delle inserzioni per l’acquisizione dei contatti introdotta dopo la fase di test è la possibilità per le aziende di personalizzare i moduli con domande aperte o domande a scelta multipla in modo da ricevere le informazioni a cui sono più interessate. Ogni modulo delle inserzioni per acquisizione contatti presenta campi standard e campi personalizzabili.

I Lead Ads si adattano a diverse tipologie di esigenze: per individuare persone che desiderano ricevere email sui prodotti e sulle offerte più recenti, o per ricevere la newsletter e così via.

Una volta incrementata, puoi sfruttare la tua lista di contatti per azioni di email marketing.

Hai già testato questi suggerimenti? Facci sapere quali, e condividi con noi il tuo punto di vista!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come ha fatto Walmart Argentina ad arricchire l’esperienza d’acquisto?

Abbiamo chiesto alla multinazionale di raccontarci come, grazie all’integrazione tra MailUp e VTEX, ha raggiunto un livello di comunicazione ultra-personalizzata per ciascuna fase del rapporto ...

Continua a leggere

Deliverability: la storia di MailUp

Email design, automation, segmentazione? Il primo fattore per assicurare la riuscita di una campagna di Email Marketing è forse il più sottovalutato. Parliamo della deliverability ...

Continua a leggere

Scrivere il preheader dell’email: 9 errori da non commettere

L’oggetto di una campagna non può dirsi veramente ottimizzato senza un buon preheader. Impariamo dagli errori: ecco le 9 azioni da evitare per scongiurare un ...

Continua a leggere

Le strategie per il No profit, tra Email, SMS e Messaging Apps

Nella versione aggiornata ed espansa del nostro white paper, le strategie più avanzate ed efficaci per coinvolgere i donatori, fidelizzarli e fare fundraising, grazie ai ...

Continua a leggere

Guida completa alla creazione di email di recupero carrello perfette

Quando una vendita non si concretizza, la situazione non è mai positiva, ma non intervenire per risolvere il problema è ancora peggio. Non aspettare che ...

Continua a leggere

Infografica Email Marketing 2019: tutti i dati e i trend

I numeri, le perfomance e gli andamenti individuati nell'Osservatorio Statistico 2019, in una comoda infografica da consultare e condividere subito. Se ti sei sempre chiesto se ...

Continua a leggere