Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min

Il brand, oggi, si costruisce sul web. Più che gli inserti su riviste e quotidiani, le affissioni o i flyer, è la rete a porsi come punto di contatto con i clienti (acquisiti e potenziali), in un puzzle di canali che, se alimentati di contenuti pertinenti ed efficaci, permettono di coltivare la brand identity di qualsiasi realtà aziendale, a prescindere dal settore di riferimento.

Quando parliamo di digital strategy un aspetto fondamentale è il contenuto, da declinare con taglio differente a seconda del supporto: il registro e lo stile per le email non può essere identico a quello utilizzato per i vari social network.

Dare coerenza e pregnanza alla propria comunicazione richiede capacità, esercizio e conoscenza delle dinamiche che regolano i differenti canali. Per questo ne approfittiamo per offrirti, grazie alla nostra partnership con Ninja Academy, un esclusivo sconto del 10% sul Corso Online in Digital Strategy & Web Marketing: un percorso altamente formativo studiato per gestire con padronanza il web marketing nei suoi ambiti determinanti: digital strategy, digital marketing funnel, SEO & SEM, email marketing, social media.

Per una panoramica sul variegato mondo digitale, ecco alcuni semplici consigli che ti aiuteranno a partire con il piede giusto.

Email marketing

Non possiamo che partire dall’email marketing, il canale che offre il miglior ritorno di investimento, oggi come negli anni a venire. È Litmus a dircelo: nel 2020 il 70% dei consumatori si affiderà all’email per ricevere novità e offerte.

Tra numeri e stime, una cosa è certa: per sfruttare il potenziale dell’email per promuovere prodotti e servizi servono messaggi chiari, concisi, accattivanti e di grande impatto. Dai un’occhiata alle funzionalità di BEE, il nostro editor drag & drop per creare email dal design professionale e ottimizzato per mobile. Ma ancora prima, sai come alimentare il database di nuovi contatti? Te lo spieghiamo nel nostro ultimo how-to, tra consigli, best practice e strumenti avanzati.

Newsletter

Per attrarre nuovi interlocutori e incrementare le vendite è necessario curare il testo delle proprie newsletter. La struttura modulare permette di organizzare il contenuto in modo chiaro e ordinato, con testi brevi e concisi, che accompagnino il destinatario alla call to action, anch’essa chiara e ben focalizzata sui benefici.

Ancora oggi la maggior parte delle aziende adotta l’approccio contrario, intasando le caselle di posta elettronica con messaggi confusi e saturi di testo. Per dispiegare tutto il potenziale di una newsletter sono tre gli ingredienti imprescindibili: l’informazione, la creatività e l’educazione.

Blog

Parliamo di un’altra colonna portante del web marketing: portando traffico al tuo blog, aumenterai la visibilità del tuo brand, incrementando le possibilità di vendita.

Un blog di qualità deve saper raccontare una storia in diverse tappe, con contenuti originali e di interesse, a prescindere dal settore di riferimento. Se il lettore nutre attesa per la pubblicazione del prossimo post, significa che il blog sta centrando in pieno il bersaglio. Altre best practice? Deve includere le fonti, link ad altri post, parole chiave; comunicare con un tono di voce affabile, riconoscibile, appassionato.

Facebook

Chi, oggigiorno, non ha una pagina o un profilo Facebook? Ma essere presenti non basta, e nemmeno trascinare senza criterio contenuti in bacheca. Serve essere brevi, indurre alla conversazione e alla condivisione. I post devono essere coerenti e accattivanti: pubblicare contenuti disparati, sconnessi l’uno dall’altro, può essere controproducente. Se produci software, perché pubblicare un post sul Salone del mobile?

Un buon post Facebook include: domande, ask to action (clicca mi piace se sei d’accordo), immagini, link, video ed emoticons (da usare con cautela). Puoi ottenere risultati ancora più brillanti sfruttando l’interazione tra l’email e il social network più usato al mondo: scopri i sei modi per integrare l’email marketing a Facebook.

Twitter

Come comunicare con un tweet? Sii breve, amichevole, dimostrando personalità. Lancia i messaggi nella rete quando i tuoi follower sono online, così da dare risonanza a ogni cinguettio. Inoltre, ricorda sempre di integrare nei tweet elementi come link, hashtag, retweet e domande.

Instagram

In un mondo dominato dalle immagini, il social network che registra il maggior coinvolgimento del pubblico non può che essere Instagram. Un canale che può essere sfruttato da qualsiasi realtà aziendale ma che richiede attenzione e cura nella selezione dei contenuti da pubblicare. Ecco alcune best practice per sfruttare al meglio Instagram: concisione, hashtag rilevanti, definizione del contesto e tag della location.

Pinterest

Pinterest è di fatto lo strumento più adatto per le aziende, devi però imparare a conoscere il tuo pubblico. I messaggi su Pinterest, oltre ad essere amichevoli e descrittivi, devono includere: un titolo e una call to action forte.

LinkedIn

LinkedIn è il social network in giacca e cravatta; richiede professionalità e non ammette contenuti troppo futili, o peggio frivoli. I messaggi che invii su LinkedIn devono esseri seri, includere link e domande attinenti al tema del lavoro e dell’etica professionale. Tramite LinkedIn puoi curare la faccia più impegnata del tuo brand.

Website

Cosa manca all’appello? La grande madre della tua brand identity: il sito web, da curare in ogni dettaglio, per essere chiaro, orientato al visitatore, facile da navigare, gradevole nel design e – cosa imprescindibile nell’era degli smartphone – ottimizzato per mobile.

A lezione di digital strategy

MailUp, in collaborazione con Ninja Academy, ti offre la possibilità di apprendere le strategie e le competenze digitali imprescindibili per gestire il web marketing nei suoi ambiti principali. Iscriviti al Corso Online in Digital Strategy & Web Marketing, MailUp ti regala un esclusivo sconto del 10%. Insieme ai docenti di Ninja Academy imparerai a:

  • progettare strategie digitali a 360° gradi;
  • massimizzare l’impatto positivo del digitale;
  • ottimizzare i tassi di conversione;
  • migliorare la tua visibilità sui motori di ricerca;
  • progettare piani editoriali per i social media;
  • pianificare campagne social efficaci ed efficienti;
  • impostare attività di email marketing che convertono.

Ti diamo appuntamento al prossimo blog post, per accompagnarti tra i fondamenti di web design, Ux e UI, per imparare a progettare e-commerce, app e siti web.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Il tuo sito non converte? I microcopy possono essere la causa

I microcopy sono quei piccoli testi "di servizio" che spesso sono trascurati, ma che hanno un peso notevole nel garantire il successo della conversione. Scopriamo ...

Continua a leggere

Come creare una landing page in 4 passaggi

Il grande vantaggio di una landing page è il suo forte orientamento alla conversione. Troppo complesso crearne una ad hoc per ogni campagna? Falso, bastano ...

Continua a leggere

Nuova Video Academy! Il Growth Hacking in 6 puntate, con Raffaele Gaito

Il mondo dei pirati della crescita in un video-corso dedicato. Gaito ci guida tra le origini del Growth Hacking e nel suo presente, tra funnel, ...

Continua a leggere

7 tips per fare Facebook Marketing nel 2018

Nel 2018 Facebook rimane uno dei canali principali per fare marketing ma, come tutto nel mondo digital, si modifica regolarmente e ogni tanto completamente. All’inizio ...

Continua a leggere

Come trasformare visitatori in lead interessati: i segreti per la lead generation

Content Marketing, landing page, Email Marketing e annunci Facebook: scopriamo il ciclo di attività e canali per attirare l'attenzione dei visitatori e trasformarli in lead ...

Continua a leggere

Tutte le novità di Gmail (e gli impatti per chi fa Email Marketing)

Tra email che si autodistruggono, notifiche e alert ridisegnati, c’è una funzione che imporrà ai brand di essere sempre più rilevanti: i suggerimenti di disiscrizione. ...

Continua a leggere