Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min
  • 16

Consiglieresti ad un amico di aprire un e-commerce con la stessa leggerezza con cui l’avresti fatto tre anni fa? Questa la domanda essenziale con cui si apre la nostra guida Email marketing & E-commerce, realizzata in partnership con il Web Marketing Festival.

Lo scenario attuale mostra come sia sempre più difficile e complesso far rendere un e-commerce al giorno d’oggi, a causa dei costi di acquisizione per cliente sempre più alti. I touch point con l’utente si moltiplicano per device e interfacce, e saper creare occasioni di contatto fruttuose con gli utenti diventa sempre più costoso e (al contempo) essenziale.

Tra i canali che meglio si prestano a questo fine c’è l’email marketing: se integrate correttamente alla piattaforma e-commerce, le email superano la funzione classica di invio newsletter per diventare moltiplicatori di occasioni. Con l’email marketing automatizzi le comunicazioni, profili gli utenti, proponi efficacemente campagne di cross-selling e up-selling, riesci a fare retargeting cross-device.

Tradurre questo manifesto in azioni pratiche richiede le tecnologie e le conoscenze strategiche giuste: quello che ti spieghiamo, passo passo, nella Guida scaricabile.

guida email marketing e-commerce mailup

Conosci i tuoi utenti

Nel mondo offline, il commerciante di successo è quello che conosce i suoi clienti per nome, ricorda le loro preferenze, li sa consigliare sul prodotto più adatto a loro. Li sa fidelizzare e sa instaurare un rapporto uno-a-uno, fatto di dialoghi come:

“Buonasera signora Carla, come stanno i bambini?”
“Ricordo male o oggi è il suo compleanno, signor Fabrizio? Piccolo omaggio della casa!”

Replicare online queste dinamiche vincenti non è solo possibile, ma è necessario per dare all’utente quel valore aggiunto che lo porterà a ripetere l’acquisto.

Questo è il primo rimedio all’alzarsi del costo di acquisizione lead: invece di spendere (tanto) nell’ottenere nuovi contatti via AdWords o Facebook, investi (meno) via email per il mantenimento dei buyer già acquisiti, spingendoli a nuovi acquisti e a scontrini sempre più alti.

Automatizza la comunicazione

Profilazione e automazione sono i due strumenti-chiave per mettere in atto una strategia efficace di rapporto uno-a-uno con i clienti. Come fa il commerciante offline, anche il web retailer deve saper acquisire e catalogare l’informazione che l’utente XX è donna, si chiama Carla e ha acquistato articoli per bambini, mentre l’utente YY è uomo, si chiama Fabrizio e compie gli anni il 15 aprile.

Questi semplici dati consentono di innescare le campagne email più efficaci per un e-commerce. Sesso, nome, provenienza geografica e altri campi anagrafici permettono di personalizzare le comunicazioni in base al profilo utente: la signora Carla riceverà DEM a tema bambino o donna, e magari uno sconto speciale per il prossimo acquisto di moda baby.

Grazie al dato “compleanno” registrato nell’anagrafica della piattaforma email, invece, sarà possibile far partire una campagna automatica per Fabrizio con un coupon speciale il giorno del compleanno.

Raggiungi la casella

Altro passo fondamentale: assicurarsi che i messaggi arrivino nella casella inbox e vengano visualizzati dall’utente. Uno dei rischi maggiori per un e-commerce, data la natura fortemente commerciale delle comunicazioni, è di essere catalogato come spam e di vanificare quindi ogni sforzo posto alla creazione di campagne email rilevanti ed efficaci.

Il rimedio: curare la propria reputazione come sender sotto tutti i punti di vista. Nella Guida troverai tutti i DO’s e DON’Ts per migliorare la deliverability.

Integra i database

L’integrazione tra database, inoltre, costituisce uno snodo importante nel trarre il massimo dalle informazioni che possiedi. La piattaforma email può essere utilmente integrata con l’e-commerce e con i sistemi di business intelligence (ma non solo), consentendo quindi la comunicazione dei dati e dello storico di acquisto da un sistema all’altro.

In questo modo potrai inviare email rilevanti alla signora Carla, proponendole articoli affini a quelli che ha già acquistato e alzando le probabilità che acquisti nuovamente.

Nella Guida Email marketing E-commerce trovi tutto questo e molto altro. Buona lettura!

guida email marketing e-commerce mailup

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come personalizzare le email: i campi dinamici

Con un semplice tag puoi instaurare una relazione uno a uno con i tuoi destinatari, a intero vantaggio di aperture e clic. Tutto sui campi ...

Continua a leggere

Come Terme di Saturnia sfrutta le email per incrementare le prenotazioni

Abbiamo chiesto alla celebre struttura italiana dedicata al benessere di raccontarci l’andamento di una delle sue ultime campagne di Email Marketing: obiettivi, strategia e risultati, ...

Continua a leggere

Costruire il database: impara con un ebook

La costruzione del database è alla base di tutte le attività di marketing. È il primo mattone dell’architettura di un’esperienza utente rilevante e personalizzata, che ...

Continua a leggere

Come BPM sfrutta le email per riattivare e fidelizzare i clienti

Per una banca come BPM, mantenere vivo il contatto con i propri utenti è un'attività che va al di là delle semplici operazioni bancarie e ...

Continua a leggere

E-commerce & Automation: incrementare le conversioni recuperando i carrelli

Su 100 potenziali clienti, 69 mettono da parte i prodotti e accantonano l’idea di acquistarli. Ecco come fare remarketing grazie alle email, tra automation e ...

Continua a leggere

Sicurezza e automation per il Banking & Finance, in un nuovo white paper

Ti presentiamo il nuovo contenuto verticale interamente dedicato alle strategie digitali di banche e società finanziarie: un percorso di apprendimento tra analisi di settore, best practice ...

Continua a leggere