Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
10 min
  • 13

Settembre è mese di bilanci e ripartenze. Tracciando una linea netta tra i primi nove mesi dell’anno e gli ultimi quattro, settembre riporta i brand alle proprie scrivanie per fare il punto della situazione e ridefinire le strategie, in una lunga discesa che conduce alle settimane infuocate a ridosso di Natale.

Mente fresca, energie ritrovate e sguardo lucido su quanto fatto prima della partenza per le ferie: sono queste le armi a disposizione per dare una rinfrescata alle tue strategie di email marketing, dalla definizione del piano editoriale al rinnovamento grafico delle campagne (in questo post trovi alcuni spunti interessanti), fino alla riorganizzazione del budget.

Se ancora non hai fatto nulla di tutto ciò, niente paura. Ecco un’agile to do list per riordinare le idee e pianificare il resto dell’anno.

1. Analizza i risultati e sperimenta

Come sono andate le iscrizioni? Quali sono le campagne che hanno ottenuto le migliori performance? Prima di affrontare gli ultimi quattro mesi dell’anno, analizza i report degli invii per valutare l’efficacia delle tue attività di email e SMS marketing.

Individua il modello di email che ha ottenuto risultati migliori e adattalo alle campagne per la nuova stagione; su quello stesso modello, sperimenta nuove possibilità, nel design, nel copy e nella call to action. Infine metti a punto degli A/B test e scopri quale versione ottiene maggiori tassi di clic.

2. Ripulisci le liste

Dopo ogni grande pausa dalle attività di email marketing, è bene ritagliarsi del tempo per pulire le liste dei destinatari. Un modo per dare alle nuove attività i migliori presupposti in termini di deliverability.

Dal momento che un gran numero di contatti inattivi può causare problemi di recapito, ti consigliamo di inviare un’email di re-engagement a tutti quei contatti che non hanno mai aperto i tuoi messaggi negli ultimi nove mesi. Se anche quest’ultima occasione di contatto cadrà nel vuoto, è giunta l’ora di rimuovere quei destinatari dal tuo database.

Agli indirizzi doppi e non validi, invece, pensa MailUpprocessando in automatico i nuovi iscritti per individuare errori sintattici o di battitura, gestendo bounce e disiscritti. Per liste di contatti sempre pulite e attendibili.

3. Definisci il piano editoriale

Prima di partire per le vacanze avrai redatto (o anche solo abbozzato) il calendario editoriale per settembre. Questo è il momento giusto per rivedere cosa hai pianificato con la mente riposata, per migliorarlo e integrarlo.

In un secondo momento puoi concentrarti sui restanti tre mesi, prestando particolare attenzione a quelle scadenze e festività da sfruttare per lanciare campagne mirate: il ponte dell’Immacolata per le aziende del settore turistico, ad esempio.

Una buona pianificazione effettuata in anticipo agevola tutte le attività e consente di evitare i tipici errori dell’intervento last minute.  

4. Aggiorna la veste grafica delle campagne

Con occhio distaccato e mente lucida, rivedi la tua galleria di template valutandone con obiettività pregi e difetti di ciascuno; poi intervieni in tutti gli elementi dell’email, riformulando il bottone di call to action – sia nel colore che nell’invito all’azione, più incisiva, chiara e concisa possibile –, sperimentando un nuovo font per l’header e il corpo del messaggio, sovvertendo la disposizione delle immagini.

Non serve essere web designer per rinnovare l’identità delle tue campagne. Servono strumenti giusti, applicazione e conoscenza delle fondamentali best practice di email design.

Scarica il white paper di email design

5. Ripartisci il budget tra email e SMS

La definizione e gestione del budget è uno dei momenti chiave del periodo post-vacanze: se ancora non l’hai fatto, perché non investire una parte di tesoretto negli SMS? Solo qualche dato: il 90% di chi possiede uno smartphone apre gli SMS entro tre minuti dalla consegna e il tasso di click-through di una campagna SMS è di circa il 30%, con un 18% di tasso di conversione medio. Gli SMS sono lo strumento più agile per comunicare con i tuoi clienti: se integrati con un’efficace campagna email, i tuoi prodotti e servizi troveranno nuovo slancio.

Se invece vuoi portare le tue attività di email e SMS marketing a un livello avanzato, c’è MailUp Enterprise, la versione della piattaforma che – grazie a soluzioni su misura e al Customer success service – consente di  massimizzare le prestazioni in termini di tassi di consegna e raggiungere la migliore qualità d’invio. Se da tempo volevi dare una marcia in più al tuo email marketing, quale momento migliore di questo?

6. Segmenta i destinatari e lancia offerte ad hoc

Il tuo database è un ambiente composito che raccoglie nello stesso bacino clienti potenziali e fedeli al brand, quelli con una spesa media contenuta e quelli con disponibilità maggiori.

Segmentare il database significa distinguere tra le diverse indoli e attitudini dei contatti, riconoscere l’identità di consumatori per indirizzare offerte rilevanti, che incontrino interessi e disponibilità di ciascuno. MailUp hai tante funzioni per la segmentazione avanzata dei contatti: dai filtri (anagrafici, geografici, per attività e dispositivo) fino ai moduli di autoprofilazione.

7. Riorganizza i workflow

Dopo aver segmentato il database, (ri)definisci il flusso degli invii automatici per recapitare il messaggio giusto al destinatario giusto, senza alcuno sforzo, che si tratti di tratti di un nuovo iscritto alla tua newsletter o al blog. Con MailUp bastano poche e semplici operazioni drag & drop per mettere a punto workflow che lavorano per te e gestire l’intera catena del customer journey, dal primo contatto alle attività di fidelizzazione.

E-commerce: tre punti per far ripartire il tuo store online

8. Premia chi ha acquistato in estate

Il miglior modo per coltivare la relazione e fidelizzare un cliente è gratificarlo. Ringrazia e ricompensa quei contatti che hanno effettuato un acquisto inviando loro un’email di follow up: non una generica email automatica, ma un messaggio personalizzato, vivace e autentico nel tono di voce, che preveda uno speciale coupon per un ulteriore acquisto.

Per sancire la chiusura di una stagione e ripercorrere i primi nove mesi dell’anno, puoi creare e inviare una top ten dei prodotti più acquistati e quotati. Le variazioni sul tema sono tante, trova il taglio giusto per coinvolgere i tuoi clienti.

Scarica la guida di email marketing per l'e-commerce

9. I saldi dei saldi: comunicali con email profilate

È passata una stagione e l’estate è quasi alle spalle, ma è difficile che i gusti e gli interessi dei tuoi clienti siano cambiati radicalmente nel giro di un paio di mesi. Per questo ti consigliamo di sfruttare i campi dinamici per inviare campagne personalizzate e riproporre, in automatico, quei prodotti che ciascun contatto aveva consultato e inserito nel carrello. Un rilancio dell’offerta da accompagnare con un ulteriore sconto.

Puoi lanciare in automatico offerte e sconti ad hoc: per ciascun livello di spesa, un coupon personalizzato. Puoi scegliere se accompagnare il cliente a un acquisto dello stesso valore dei precedenti oppure indirizzarlo verso prodotti dallo scontrino più elevato.

10. Crea teaser per i nuovi lanci stagionali

Se hai previsto novità e progetti da lanciare nei mesi a venire, le email teaser sono un potente strumento per generare hype attorno al brand e ai prodotti. A seconda delle dimensioni del progetto, metti a punto differenti email che accompagnino al lancio ufficiale, svelando passo passo nuovi dettagli sulla novità in arrivo.

Una landing page può essere un altro strumento utile alla tua causa: una pagina entro cui ospitare maggiori informazioni o anche consentire il pre-order. Con MailUp bastano poche operazioni drag & drop per creare una landing page ottimizzata per mobile.

Riparti con MailUp

Settembre è un mese chiave, che consente di guardare con il giusto distacco quanto fatto durante l’anno, per valutare le strategie a mente lucida e, perché no, ricalibrarne nuclei e contorni.

Per farlo servono gli strumenti giusti, come MailUp, la soluzione per l’invio di email e SMS leader in Italia: prova la nostra piattaforma per l’email marketing gratis per 30 giorni, e raccontaci com’è andata!

Prova MailUp gratis per 30 giorni

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Email di buon compleanno: perché inviarla e come costruirla

Una delle tipologie di email automatiche più frequenti, più semplici e più efficaci è l'email di buon compleanno. In questo blog post scopriamo come strutturarla, ...

Continua a leggere

Come creare una CTA bulletproof per le email

Il bottone di call-to-action è la chiave per portare il lettore a compiere l'azione desiderata nell'email. In questo tutorial pratico impariamo a progettare una CTA ...

Continua a leggere

SMTP: che cos’è e come può aiutare la tua strategia di Email Marketing

Da semplice protocollo a server integrabile in qualsiasi sistema esterno, per inviare email transazionali personalizzate e con elevati tassi di recapito. Scopri l’evoluzione dell’SMTP in ...

Continua a leggere

Controllo Deliverability: miglioriamo la consapevolezza e l’impiego dell’autenticazione delle email

Sei davvero chi dici di essere? Non posso verificarlo. Quindi sposto la tua email nella cartella spam. Ecco cosa succede a molte campagne email. Questo è uno dei ...

Continua a leggere

Email transazionali per il Non Profit: uno strumento utile a costi ridotti

Nel mondo Non Profit, come in tanti altri settori, spesso le email transazionali vengono trascurate, prestando poca attenzione al copy e alla grafica. Questo ne vanifica il ...

Continua a leggere

Come scrivere un’email di conferma iscrizione che lasci il segno

Quando considerata esclusivamente 'di servizio', l'email di conferma iscrizione viene spesso relegata a un messaggio scarno, impersonale, troppo debole. È invece importante utilizzare anche questo momento ...

Continua a leggere