Ricevi aggiornamenti
su Messenger

Dal 1961 Amnesty International lavora per la difesa dei diritti umani. Conta sette milioni di sostenitori, soci e attivisti in più di 150 paesi e territori, di cui oltre 65.000 solo in Italia. Insieme, MailUp e Amnesty International utilizzano le email per costruire relazioni durature con i donatori e non solo.

Per le onlus e gli enti attivi nel no profit, fare comunicazione è un’attività che va molto al di là della semplice promozione del proprio brand. Più che in altri settori, mantenere il contatto diretto con i propri sostenitori costituisce il carburante necessario per poter procedere con le attività e i progetti di ogni giorno.

L’obiettivo sono le donazioni, ma non solo: è altrettanto importante saper coinvolgere i sostenitori su base quotidiana per sensibilizzarli, fidelizzarli e portarli in ultima analisi a diventare brand ambassador dell’ente.

Leggi ora il case study di Amnesty International

Amnesty International MailUp

Insieme a MailUp, Amnesty International ha creato un piano di attività email volto ad aumentare la loyalty degli utenti firmatari, a creare engagement attraverso il racconto di storie positive e a utilizzare la nuova occasione di contatto per spingere alla firma di altri appelli e alla donazione.

Attraverso la voce di Valerio Palumbo, Head of Digital di Amnesty International sezione italiana, scopriamo quali sono i vantaggi di MailUp nello strutturare campagne email efficaci:

“Flessibile, veloce e intuitiva: sono le caratteristiche premianti della piattaforma MailUp. Grazie al sistema di filtri del database, agli strumenti di tracking e a quelli di analisi e confronto, MailUp ci consente di filtrare cluster di contatti e, in questo modo, costruire una relazione ‘calda’ con i nostri sostenitori più vicini”.

Le parole chiave della strategia di Amnesty International sono call-to-action chiare, storytelling emotivamente coinvolgente e segmentazione intelligente della base contatti. Quando una storia si risolve positivamente, infatti, Amnesty International aggiorna i sostenitori che hanno firmato l’appello, creando un filo diretto di comunicazione e favorendo l’immagine di trasparenza ed efficacia dell’organizzazione nel portare risultati concreti.

Un esempio pratico riguarda la risoluzione positiva della storia di “Fred e Yves”, in carcere perché cercavano di coinvolgere altri giovani in manifestazioni per la pace nel loro Paese. Dopo l’invio della email di raccolta firme, Amnesty International ha ricontattato i firmatari dell’appello per raccontare la liberazione dei due giovani. 

I risultati di questa e altre email di “buona riuscita”? Tassi di apertura più alti del 30% rispetto alle email non targettizzate e CTOR più alto del 25% rispetto alle medie di settore. I dati completi e le best practice  sono disponibili nel case study dedicato, da leggere qui. Buona lettura!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Dolcetto o scherzetto? 9 idee per le newsletter di Halloween

Halloween si avvicina e la casella inbox è già piena di newsletter a tema. Qui trovi 9 idee per dare un irresistibile tocco dark alle ...

Continua a leggere

Riattiva i contatti dormienti del tuo e-commerce: la strategia in 5 step

Ti spieghiamo come recuperare clienti – dunque conversioni e vendite – del tuo store online. Alla scoperta delle strategie di Email Marketing dedicate alla riattivazione ...

Continua a leggere

Nessuno apre le tue email? Inizia a lavorare sul subject

L'Email Marketing resiste con successo da oltre due decenni. In effetti, sembra che l'Email Marketing sia più forte che mai, raggiungendo un ROI medio del ...

Continua a leggere

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere