Dal 1961 Amnesty International lavora per la difesa dei diritti umani. Conta sette milioni di sostenitori, soci e attivisti in più di 150 paesi e territori, di cui oltre 65.000 solo in Italia. Insieme, MailUp e Amnesty International utilizzano le email per costruire relazioni durature con i donatori e non solo.

Per le onlus e gli enti attivi nel no profit, fare comunicazione è un’attività che va molto al di là della semplice promozione del proprio brand. Più che in altri settori, mantenere il contatto diretto con i propri sostenitori costituisce il carburante necessario per poter procedere con le attività e i progetti di ogni giorno.

L’obiettivo sono le donazioni, ma non solo: è altrettanto importante saper coinvolgere i sostenitori su base quotidiana per sensibilizzarli, fidelizzarli e portarli in ultima analisi a diventare brand ambassador dell’ente.

Leggi ora il case study di Amnesty International

Amnesty International MailUp

Insieme a MailUp, Amnesty International ha creato un piano di attività email volto ad aumentare la loyalty degli utenti firmatari, a creare engagement attraverso il racconto di storie positive e a utilizzare la nuova occasione di contatto per spingere alla firma di altri appelli e alla donazione.

Attraverso la voce di Valerio Palumbo, Head of Digital di Amnesty International sezione italiana, scopriamo quali sono i vantaggi di MailUp nello strutturare campagne email efficaci:

“Flessibile, veloce e intuitiva: sono le caratteristiche premianti della piattaforma MailUp. Grazie al sistema di filtri del database, agli strumenti di tracking e a quelli di analisi e confronto, MailUp ci consente di filtrare cluster di contatti e, in questo modo, costruire una relazione ‘calda’ con i nostri sostenitori più vicini”.

Le parole chiave della strategia di Amnesty International sono call-to-action chiare, storytelling emotivamente coinvolgente e segmentazione intelligente della base contatti. Quando una storia si risolve positivamente, infatti, Amnesty International aggiorna i sostenitori che hanno firmato l’appello, creando un filo diretto di comunicazione e favorendo l’immagine di trasparenza ed efficacia dell’organizzazione nel portare risultati concreti.

Un esempio pratico riguarda la risoluzione positiva della storia di “Fred e Yves”, in carcere perché cercavano di coinvolgere altri giovani in manifestazioni per la pace nel loro Paese. Dopo l’invio della email di raccolta firme, Amnesty International ha ricontattato i firmatari dell’appello per raccontare la liberazione dei due giovani. 

I risultati di questa e altre email di “buona riuscita”? Tassi di apertura più alti del 30% rispetto alle email non targettizzate e CTOR più alto del 25% rispetto alle medie di settore. I dati completi e le best practice  sono disponibili nel case study dedicato, da leggere qui. Buona lettura!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Come fare Email Marketing nel 2019: i must per una strategia avanzata

Il canale email conoscerà un’ulteriore espansione nei prossimi anni. Restando al di qua di scenari avveniristici, vediamo le attività imprescindibili per fare Email Marketing nell’anno ...

Continua a leggere

Segmentazione + Personalizzazione + Automation: tutto quello che puoi fare con i Filtri

Dopo averteli presentati, vediamo le attività che possono essere condotte con i nuovi filtri di MailUp, per portare la tua strategia di Email Marketing a ...

Continua a leggere

Personalizzare le email: i 2 tool fondamentali

Immagina di inviare email che si compongono automaticamente con i contenuti più in linea per ciascun destinatario. Puoi farlo: scopriamo due funzioni di personalizzazione con ...

Continua a leggere

Come ha fatto Walmart Argentina ad arricchire l’esperienza d’acquisto?

Abbiamo chiesto alla multinazionale di raccontarci come, grazie all’integrazione tra MailUp e VTEX, ha raggiunto un livello di comunicazione ultra-personalizzata per ciascuna fase del rapporto ...

Continua a leggere

Deliverability: la storia di MailUp

Email design, automation, segmentazione? Il primo fattore per assicurare la riuscita di una campagna di Email Marketing è forse il più sottovalutato. Parliamo della deliverability ...

Continua a leggere

Scrivere il preheader dell’email: 9 errori da non commettere

L’oggetto di una campagna non può dirsi veramente ottimizzato senza un buon preheader. Impariamo dagli errori: ecco le 9 azioni da evitare per scongiurare un ...

Continua a leggere