Ricevi aggiornamenti
su Messenger

In un nuovo white paper, tutto il know-how di MailUp al servizio delle organizzazioni no profit: consigli e best practice per coinvolgere, fidelizzare e coltivare la relazione con donatori potenziali, occasionali e regolari.

L’email, per il suo elevato grado di personalizzazione, rappresenta per le organizzazioni no profit un fondamentale canale per comunicare con i propri iscritti, che siano donatori regolari, occasionali o solo potenziali. Non a caso il volume di invii degli enti è in costante crescita, in Italia come all’estero: tra newsletter, appelli di raccolta fondi e email di ringraziamento, in media ciascuna organizzazione ha inviato 49 email nel 2015 (The 2016 M+R Benchmarks Study).

Scarica il white paper Email e SMS per il settore Onlus & No profit

Il movente di questa crescita è noto: l’email è il canale con il ROI più elevato. Ogni 1.000 messaggi inviati nel 2015, il ritorno in donazioni è stato di 44 dollari (The 2016 M+R Benchmarks Study). Come le email, anche gli SMS si rivelano fondamentali per coltivare la relazione con i sostenitori e raccogliere donazioni: secondo le stime di Vita, nel 2014 gli SMS sono stati responsabili della raccolta di 31,2 milioni di euro.

Due canali decisivi per raggiungere quattro grandi obiettivi:

  • Brand Awareness
  • Coinvolgimento ed engagement
  • Acquisizione di nuovi donatori
  • Mantenimento della relazione con i donatori regolari.

Nel nuovo white paper ti spieghiamo come sfruttare al meglio il potenziale di email e SMS marketing, per renderli strategici e coltivare la relazione con ciascun destinatario, in un rapporto uno a uno.

Dalle campagne di donazione agli SMS Inbound

Entreremo nel dettaglio delle fondamentali attività di email e SMS marketing: raccolta contatti, segmentazione, creazione, invio e analisi – ciascuna accompagnata da consigli, strumenti ed esempi pratici. Un percorso di apprendimento e aggiornamento a cui abbiamo affiancato alcune proposte di campagne, oltre a una sezione dedicata alle best practice per il copy e il design delle email.

Sapevi che il settore no profit ha i tassi di apertura e clic più elevati del mercato (39% di OR e 23% di CTOR)? E che il 29% del totale delle donazioni passa per il canale SMS?

Case study: MSF e Amnesty International

Una volta appresi i presupposti teorici, è il momento di passare alla pratica. Quali sono le strategie reali messe in atto dagli enti no profit? Lo abbiamo chiesto ad Amnesty International e Medici Senza Frontiere, due giganti che operano sul fronte umanitario a livello globale. Dall’importanza della segmentazione alla necessità di follow-up mirati: tutte le best practice in due case study.

Scarica il white paper

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Dolcetto o scherzetto? 9 idee per le newsletter di Halloween

Halloween si avvicina e la casella inbox è già piena di newsletter a tema. Qui trovi 9 idee per dare un irresistibile tocco dark alle ...

Continua a leggere

Riattiva i contatti dormienti del tuo e-commerce: la strategia in 5 step

Ti spieghiamo come recuperare clienti – dunque conversioni e vendite – del tuo store online. Alla scoperta delle strategie di Email Marketing dedicate alla riattivazione ...

Continua a leggere

Nessuno apre le tue email? Inizia a lavorare sul subject

L'Email Marketing resiste con successo da oltre due decenni. In effetti, sembra che l'Email Marketing sia più forte che mai, raggiungendo un ROI medio del ...

Continua a leggere

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere