10 min.

Si è da poco chiuso il Black Friday e, in attesa di conoscere l’impatto del fenomeno a stelle e strisce sul nostro paese, abbiamo deciso di ripercorrere i numeri dell’e-commerce in Italia, approfittandone per definire le 7 azioni fondamentali per qualsiasi store online.

Il report di Casaleggio Associati ci restituisce la fotografia di un settore in costante ascesa: nel Belpaese sono 16 mila le aziende che in questo 2016 stanno facendo commercio elettronico, e si prevede che arriveranno a 50 mila nel 2025. Un terzo di esse è localizzato in due regioni: la Lombardia, con 3 mila unità, e il Lazio, a quota 1.840.

In questo blog post abbiamo definito le sette azioni di e-commerce management fondamentali per dare il la a uno store online. Un’occasione per esserti utile con alcuni consigli pratici e offrirti uno sconto del 10% sul Corso in eCommerce Management di Ninja Academy, un percorso di apprendimento tra le strategie di marketing e vendita online che possano massimizzare la domanda proveniente dal mercato. Senza dimenticarti della nostra guida Email Marketing & E-commerce, in cui ti accompagniamo tra le quattro tecniche per sfruttare il potere delle email e aumentare le vendite online.

Scarica la guida "Email Marketing & E-Commerce"

Rendi riconoscibile il tuo brand

Di fondamentale importanza è che il tuo marchio coincida con quello del dominio del sito web, e che richiami la tua offerta e le categorie di prodotto che la compongono. A trarne vantaggio saranno i clienti – a cui risulterai immediatamente riconoscibile – e il tuo e-commerce, il cui posizionamento sui motori di ricerca migliorerà sensibilmente. Lanciare un sito e lasciarlo senza riferimenti nel mare aperto del web non ha senso: oggi ne nascono centinaia al giorno e senza un buon posizionamento il tuo e-commerce risulterà invisibile. Per questo, muovendo i primi passi, ti consigliamo di farti aiutare da un esperto SEO e dedicarti a implementare l’indicizzazione sui motori di ricerca.

Il nome del tuo e-commerce non può essere solo accattivante o evocativo, ma deve richiamare immediatamente alla mente il genere di prodotto che hai messo in vetrina.

Cura design e user experience, in ottica mobile

Il cosiddetto mobile commerce oggi rappresenta un terzo delle vendite. E per il 2019 è previsto che raggiunga il 43,7% dell’intero mercato. Questo impone una user experience che renda la navigazione da smartphone e tablet il più confortevole possibile: parole chiave saranno allora “semplicità” e “pulizia” dell’interfaccia, oltre a “continuità” tra i diversi momenti del processo di acquisto.

Il design è fondamentale, per coltivare la brand identity e comunicare un senso di sicurezza e affidabilità. Dalle pagine di prodotto alla schermata di pagamento: ogni momento (e micromomento) va coltivato, nel design come nella user experience.

Sviluppa il database e impara a gestirlo

Dietro a un e-commerce brulica un enorme mole di dati, che è necessario saper organizzare, archiviare e monitorare. Il database di uno shop online è un organismo in continuo divenire, da alimentare costantemente con tutte le tecniche di database building a disposizione. Estrarre e fornire le informazioni più rilevanti rappresenta un’attività fondamentale per un e-commerce manager, nella convinzione che ciò che non si può misurare non può essere nemmeno migliorato.

Integra email marketing e social media

Un vero esperto e-commerce deve saper sfruttare e coordinare tra loro i canali di digital marketing, in un’ottica cross-canale e omni-canale: se le campagne email consentono di comunicare in maniera diretta e personalizzata, i social network permettono di condividere offerte e novità in una rete estesa e ultraconnessa. Legate a doppio filo all’email e SMS marketing sono le attività di fidelizzazione: dal momento che i costi di acquisizione dei clienti sono elevati, non coltivare il rapporto con un utente che ha già effettuato il primo acquisto rappresenta un errore fatale: offerte, buoni sconto, novità – grazie a newsletter e campagne SMS – sono gli incentivi con cui coinvolgere e coltivare la relazione nel tempo.

Configura i pagamenti

Se hai optato per una soluzione di e-commerce già configurata, ci sono molte probabilità che anche il gateway di pagamento sia già pronto. Se così non fosse,  puoi prendere in considerazione PayPal o altre proposte sul mercato: ti garantiranno sicurezza anche in caso di reso e agevoleranno le tua gestione degli ordini.

Cura le attività di logistica

Primo discrimine: il tuo e-commerce propone beni digitali o beni materiali? Nel primo caso dovrai concentrarti nell’individuare una soluzione di hosting per il tuo sito web, in grado di sostenere traffico e download, anche nei momenti più convulsi; per i secondi devi scegliere con cura i servizi di spedizione e consegna. È probabile che i volumi iniziali di vendita non siano altissimi: in questo caso puoi optare per il fai-da-te, spedendo gli ordini una volta al giorno o – una via di mezzo – utilizzare dei carnet per contenere i costi. Questo perché gran parte dei servizi logistici offre soluzioni di ritiro convenienti solo oltre un certo numero di consegne.

Investi in advertising

Campagne su Google, sui social network o sui video virali del momento: i primi ricavi del tuo e-commerce ti consigliamo di reinvestirli in pubblicità, anche se – te ne accorgerai – il costo di conversione di un cliente sul web è elevato. Per irrobustire il tuo e-commerce hai a disposizione diverse strategie di marketing, come i programmi di affiliazione, il referral marketing, le strategie SEO o il link building. La via più rapida e immediata è programmare una campagna PPC sui social: ti permetterà di raggiungere un numero elevato di utenti, con un target ben definito, e soprattutto di monitorare i risultati e modificare la tua strategia in corsa.

Non lo scopriamo certo oggi, ma Google è fondamentale, perché consente di avvicinare clienti che sono alla ricerca di prodotti presenti nel tuo store: atterrando così sulla tua piattaforma, avranno anche una maggiore propensione all’acquisto.

A lezione di e-commerce management

Il mercato della vendita online ha rinnovato le sue esigenze: le priorità di aggiornamento riguardano il mobile, la multicanalità, l’usabilità, gli strumenti di advertising e di pagamento, l’acquisizione di nuovi clienti e l’influenza dei social media sui ricavi della vendita online. Per questo MailUp, grazie alla partnership con Ninja Marketing, ti offre uno sconto esclusivo del 10% sul Corso in eCommerce Management di Ninja Academy, un percorso formativo per imparare a:  

  • Scegliere la migliore piattaforma di vendita per la tua azienda
  • Equilibrare aspetti gestionali e funzioni aziendali del tuo e-commerce
  • Garantire una user experience coerente e multicanale
  • Acquisire nuovi clienti con le tecniche di digital marketing
  • Progettare una strategia mobile che incrementi le conversioni
  • Comprendere gli aspetti legislativi nel costruire relazioni con i clienti.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Psicologia del marketing: migliora il design delle tue email sfruttando i meccanismi della mente dei tuoi clienti

Le email sono ancora oggi, nel 2020, uno dei canali di marketing più efficaci ma quando si tratta di progettare un’email che converta, gran parte ...

Continua a leggere

Come progettare una landing page che converte

Dalla call to action alla social proof, fino all’attività di testing. Vediamo le best practice per progettare una landing page dall’elevato potenziale di conversione. Ogni pagina ...

Continua a leggere

Consigli per creare una UX design efficace per un’app di e-commerce

Lo User experience design o UX design per e-commerce o dispositivi mobili è la progettazione di esperienze utente positive quando si utilizzano dispositivi mobili, app ...

Continua a leggere

UX Design e SEO: una sinergia per incrementare il traffico sul sito

Vediamo 8 azioni chiave per progettare una user experience che porti benefici anche al posizionamento sui motori di ricerca. Un decennio fa i ranking SEO erano ...

Continua a leggere

I vantaggi del data mapping: il caso Gexpo

In questo post passiamo in rassegna il processo di data mapping e raccontiamo la collaborazione con Gexpo S.p.a. Era il 2018 quando un collega guardandomi disse: ...

Continua a leggere

Facebook Shops: che cos’è e come ci avvicina al social commerce

Sorta di vetrine virtuali pensate per piccole e medie imprese, i Facebook Shops consentiranno agli utenti di consultare, scegliere, ordinare prodotti e servizi direttamente sulla ...

Continua a leggere