Grazie ai migliori esempi di grandi editori americani – dal New York Times al Daily Beast –, Guida all’Email Advertising ti accompagna tra i metodi, gli strumenti e le best practice per aggiungere inserzioni pubblicitarie nelle email. 

Con il declino della carta stampata, è il web a porsi come principale bacino per la raccolta pubblicitaria. Tra i canali in cui scorre il digital advertising c’è l’email, un supporto dal potenziale elevatissimo, a patto che si presti la massima attenzione al dosaggio delle sue diverse parti, in un equilibrio che doni alle inserzioni pubblicitarie il giusto risalto e, al tempo stesso, le armonizzi ai contenuti dell’email.

Per analizzare l’email advertising ci siamo appoggiati a un settore che sempre più trova nell’email un canale privilegiato per comunicare con i propri interlocutori: l’editoria, in particolare quella made in Usa, per sua natura più attenta e sensibile al rapporto con i lettori digitali. Con queste premesse è nata la Guida all’Email Advertising, un nuovo ebook che ti offre strumenti e suggerimenti pratici per ottimizzare le inserzioni pubblicitarie nelle tue campagne e convertire l’email advertising in un asset strategico

Per molte realtà è già così: rappresentando la naturale evoluzione del rapporto tra media, pubblicità e digital marketing, l’email advertising costituisce per alcuni editori una fonte di ricavi capace di superare il 20% delle entrate totali.

immagine-2

Dai banner al native, fino allo sponsorizzato

Dopo aver analizzato le tipologie e i formati pubblicitari – banner, native advertising, contenuti sponsorizzati – l’ebook procede esplorando le campagne di alcune delle più importanti testate americane, suddivise per taglio editoriale: dai generalisti New York Times, Time Magazine e Daily Beast, ai protagonisti dell’editoria tech (TechCrunch e CNET), passando per le realtà emergenti del newsletter-only, che fanno dell’email il principale canale per instaurare un dialogo personalizzato con ciascun destinatario, modellato a seconda dei suoi interessi.

Infine, a chiusura del percorso, un compendio con le best practice per definire il design delle email che ospiteranno le tue inserzioni pubblicitarie.

1

Se i banner hanno una storia lunga come quella di internet, l’email rappresenta quel supporto capace di sfruttare il rapporto uno a uno con il destinatario per incrementare il grado di rilevanza delle inserzioni pubblicitarie. Non serve essere web designer, bastano gli strumenti giusti e alcuni buoni maestri: trovi tutto questo, ordinato per generi e temi, nel nostro nuovo ebook. Buona lettura!

Scarica l'ebook "Guida all'email advertising"

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Quando inviare le email: i migliori (e peggiori) momenti della settimana

In bilico tra relatività e dati percentuali, facciamo chiarezza su quali siano i giorni e le fasce orarie con maggior potenziale e come trovare i ...

Continua a leggere

Le click map: cosa sono e come aiutano a migliorare l’engagement

Il grande vantaggio delle click map è saper offrire un quadro immediato sul coinvolgimento dei destinatari. Ti spieghiamo come funzionano e come permettono di migliorare ...

Continua a leggere

La segmentazione delle email: tutto quello che devi sapere in un ebook

Un contenuto dedicato per esplorare mindset, strumenti e attività utili a inviare email rilevanti per ciascun destinatario. La segmentazione non è fatta di azioni isolate, estemporanee, ...

Continua a leggere

I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari

Un lead magnet è un incentivo offerto all’utente in cambio del suo indirizzo email. Ma per crearne uno efficace ci sono alcune regole che non ...

Continua a leggere

5 cose che non sapevi di poter fare con MailUp

Dalla gestione automatizzata di eventi e appuntamenti fino alle pagine post-iscrizione orientate alla vendita. Ecco 5 risorse della piattaforma che forse non conoscevi. Nel nostro blog ...

Continua a leggere

Disiscrizione dei destinatari: le 6 fondamentali best practice

Un database in salute passa per un’oculata gestione del processo di disiscrizione. Ecco allora le azioni imprescindibili per volgere a proprio favore la cancellazione di ...

Continua a leggere