Ricevi aggiornamenti
su Messenger

Grazie ai migliori esempi di grandi editori americani – dal New York Times al Daily Beast –, Guida all’Email Advertising ti accompagna tra i metodi, gli strumenti e le best practice per aggiungere inserzioni pubblicitarie nelle email. 

Con il declino della carta stampata, è il web a porsi come principale bacino per la raccolta pubblicitaria. Tra i canali in cui scorre il digital advertising c’è l’email, un supporto dal potenziale elevatissimo, a patto che si presti la massima attenzione al dosaggio delle sue diverse parti, in un equilibrio che doni alle inserzioni pubblicitarie il giusto risalto e, al tempo stesso, le armonizzi ai contenuti dell’email.

Per analizzare l’email advertising ci siamo appoggiati a un settore che sempre più trova nell’email un canale privilegiato per comunicare con i propri interlocutori: l’editoria, in particolare quella made in Usa, per sua natura più attenta e sensibile al rapporto con i lettori digitali. Con queste premesse è nata la Guida all’Email Advertising, un nuovo ebook che ti offre strumenti e suggerimenti pratici per ottimizzare le inserzioni pubblicitarie nelle tue campagne e convertire l’email advertising in un asset strategico

Per molte realtà è già così: rappresentando la naturale evoluzione del rapporto tra media, pubblicità e digital marketing, l’email advertising costituisce per alcuni editori una fonte di ricavi capace di superare il 20% delle entrate totali.

immagine-2

Dai banner al native, fino allo sponsorizzato

Dopo aver analizzato le tipologie e i formati pubblicitari – banner, native advertising, contenuti sponsorizzati – l’ebook procede esplorando le campagne di alcune delle più importanti testate americane, suddivise per taglio editoriale: dai generalisti New York Times, Time Magazine e Daily Beast, ai protagonisti dell’editoria tech (TechCrunch e CNET), passando per le realtà emergenti del newsletter-only, che fanno dell’email il principale canale per instaurare un dialogo personalizzato con ciascun destinatario, modellato a seconda dei suoi interessi.

Infine, a chiusura del percorso, un compendio con le best practice per definire il design delle email che ospiteranno le tue inserzioni pubblicitarie.

1

Se i banner hanno una storia lunga come quella di internet, l’email rappresenta quel supporto capace di sfruttare il rapporto uno a uno con il destinatario per incrementare il grado di rilevanza delle inserzioni pubblicitarie. Non serve essere web designer, bastano gli strumenti giusti e alcuni buoni maestri: trovi tutto questo, ordinato per generi e temi, nel nostro nuovo ebook. Buona lettura!

Scarica l'ebook "Guida all'email advertising"

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Dolcetto o scherzetto? 9 idee per le newsletter di Halloween

Halloween si avvicina e la casella inbox è già piena di newsletter a tema. Qui trovi 9 idee per dare un irresistibile tocco dark alle ...

Continua a leggere

Riattiva i contatti dormienti del tuo e-commerce: la strategia in 5 step

Ti spieghiamo come recuperare clienti – dunque conversioni e vendite – del tuo store online. Alla scoperta delle strategie di Email Marketing dedicate alla riattivazione ...

Continua a leggere

Nessuno apre le tue email? Inizia a lavorare sul subject

L'Email Marketing resiste con successo da oltre due decenni. In effetti, sembra che l'Email Marketing sia più forte che mai, raggiungendo un ROI medio del ...

Continua a leggere

Cosa rende un’email davvero geniale? 7 fattori

Oggetto, focus, follow-up e altro ancora. Ecco 7 indirizzi operativi per creare email geniali, efficaci e incentrate sul cliente. Ogni volta che qualcosa di nuovo arriva ...

Continua a leggere

Come Iperal ha incrementato del 30% i clic nelle email

Abbiamo chiesto alla realtà della Grande distribuzione di raccontarci come ha raggiunto performance di Email Marketing nettamente superiori alla media di settore. Nel nostro blog spesso ...

Continua a leggere

Ci sono 5 ottimi motivi per inserire video nelle tue newsletter

Il formato video rappresenterà oltre l'80% del traffico web totale entro il 2019: se come motivazione non bastasse, ecco 5 ragioni per integrare il potenziale ...

Continua a leggere