Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
11 min.
  • 29

Sei davvero chi dici di essere?
Non posso verificarlo.
Quindi sposto la tua email nella cartella spam.

Ecco cosa succede a molte campagne email. Questo è uno dei metodi con cui i fornitori di servizi Internet come Google, Microsoft, AOL, Yahoo! e molti altri cercano di proteggere i propri utenti da messaggi indesiderati o potenzialmente dannosi, eseguendo un’analisi approfondita per identificare il mittente dei messaggi e agendo in base alle informazioni in loro possesso.

Tra tentativi di phishing, truffe e spam, questo metodo di azione è pienamente giustificato.

Tuttavia, i marketer che hanno creato queste campagne sono spesso inconsapevoli di ciò che accade realmente nella casella di posta dei loro clienti. Riescono a vedere solamente che i risultati sono al di sotto delle aspettative. Vengono a sapere di messaggi mai ricevuti. E molte domande che si pongono rimangono senza risposta. Che cosa è successo?

Deliverability checkup

L’autenticazione delle email: un mistero per la maggior parte dei marketer

“Che cosa è successo?” non è semplice da spiegare: l’autenticazione delle email è ancora un mistero per molti marketer. Email authentication? Record SPF? Firme DKIM? DMARC?

Come dar loro torto? Stiamo parlando di dettagli tecnici difficili da digerire per chi non si occupa quotidianamente di email.

Eppure, i risultati del loro lavoro in ambito marketing dipendono fortemente da queste configurazioni dallo strano nome. L’autenticazione delle email sta diventando sempre più importante. Si tratta infatti del principale processo messo in atto dai riceventi (ovvero i sistemi che ricevono la nostra posta elettronica, come Gmail) per identificare il mittente. Un’operazione fondamentale.

È talmente importante che molti fornitori di servizi Internet adesso nascondono le email per le quali non sono in grado di identificare il mittente, oppure “ritoccano” l’interfaccia utente per penalizzare i messaggi con autenticazione non impostata correttamente. In questo modo avvertono i destinatari che qualcosa non quadra e, di conseguenza, influenzano negativamente i tassi di apertura e di clic dei messaggi.

Citazione Alberto Miscia

Rendiamo visibile e spieghiamo lo stato di autenticazione email

MailUp, come qualsiasi fornitore di servizi di posta elettronica responsabile, ha sempre promosso le best practice per l’email marketing e incoraggiato i clienti ad adottare i meccanismi di autenticazione standard del settore. Ma abbiamo capito, in particolare per quanto riguarda l’autenticazione delle email, che promuovere e incoraggiare non è esattamente come fornire agli utenti gli strumenti giusti per comprendere e agire.

Pertanto, negli ultimi mesi ci siamo concentrati su un ulteriore sviluppo del nostro prodotto, allo scopo di:

  1. Fornire ai nostri clienti un metodo semplice per utilizzare il dominio del proprio brand (lo stesso visualizzato nel campo del mittente) per il processo di autenticazione, al posto dei nostri “domini di servizio” (che ovviamente sono già conformi agli standard).
  2. Evidenziare eventuali problemi di autenticazione.
  3. Presentarli visivamente.
  4. Spiegare le operazioni da eseguire per risolverli.
  5. Istruire automaticamente il nostro motore di invio all’utilizzo del dominio del brand dove necessario (firma DKIM, 5321.MailFrom, ecc.), se i problemi sono stati risolti.

L’obiettivo finale è quello di portare il maggior numero possibile di clienti MailUp al cosiddetto “allineamento” del mittente (“identifier alignment”). E’ uno stato in cui l’indirizzo email che il destinatario vede nel campo mittente della casella di posta è allineato con il dominio usato per autenticare le email, non sempre visibile all’utente (anche se i provider stanno cercando di mettere a disposizione dei loro utenti in maniera semplice queste informazioni “tecniche”). Gli esperti sanno che si tratta di un concetto fondamentale per il sistema DMARC e per l’ottimizzazione del tasso di recapito in generale.

Dovevamo solo gettare le basi e colmare il divario con i clienti avviando un dialogo sul nostro prodotto che fosse per loro più accessibile.

Il risultato è una nuova funzionalità che abbiamo chiamato Controllo Deliverability.

Controllo Deliverability

L’obiettivo di Controllo Deliverability: diagnosticare lo stato di autenticazione email

Ogni volta che un nuovo sender (ovvero l’indirizzo email nel campo mittente) viene inserito nel sistema, MailUp chiede prima di tutto all’utente di verificare l’effettiva proprietà di tale indirizzo.

Aggiunta nuovo mittente

Una volta che l’indirizzo è stato verificato, il sistema esegue una serie di controlli e mostra i risultati per tre fattori base dell’autenticazione dell’email: SPF, DKIM e DMARC. Per ciascuno di essi, MailUp mostra:

  • Lo stato attuale
  • Eventuali criticità da risolvere
  • Eventuali aspetti da migliorare
  • Come migliorarli

Se non vengono rilevati problemi, tutti i test sono di colore verde. Facendo clic sulla voce Informazioni sui test, viene fornita una spiegazione semplice sul significato di questi test. I test vengono ripetuti ogni giorno, e possono essere eseguiti anche su richiesta, in modo che i risultati siano sempre attuali.

Controllo deliverability: tutto ok

Quando vengono rilevati aspetti da migliorare, lo stato è di colore giallo e il link Come correggerlo dà accesso a una spiegazione non tecnica di ciò che bisogna fare. Ad esempio, nello screenshot in basso l’utente fa clic sul link in corrispondenza dell’avviso giallo DKIM.

Controllo Deliverability: avviso

Se il problema è critico, l’avviso è di colore rosso, e le istruzioni fornite danno indicazioni su cosa fare e come. Ad esempio, nello screenshot in basso, gli utenti vengono avvisati del fatto che utilizzare un’email @libero.it come mittente non è una buona idea.

Errore grave

Agli utenti viene inoltre spiegata la differenza tra utilizzare e non utilizzare l’autenticazione fornita di default da MailUp. Anche in questo caso, vengono informati in modo semplice di ciò che significa creare una relazione tra il loro indirizzo email visualizzato nel campo mittente e l’infrastruttura di invio MailUp. Viene chiarificato, inoltre, in che modo tale relazione venga instaurata a seconda che la funzione di controllo sia attiva o meno.

Conferma autenticazione

La reazione dei nostri clienti a Controllo Deliverability

Siamo soddisfatti dell’andamento del progetto. Sappiamo che Controllo Deliverability non è la soluzione tutti i problemi di autenticazione delle email, ma resta comunque un ottimo punto di partenza.

Tutti i nostri clienti hanno ora compreso il significato di autenticazione email e ne hanno pieno controllo? No. Abbiamo anzi notato, non inaspettatamente, che anche con strumenti di supporto a livello visivo e istruzioni scritte nel modo più semplice possibile, molti di loro hanno avuto comunque bisogno di assistenza, oppure continuavano a chiedersi perché dovevano fare quanto suggerito.

Per noi va bene così.

È stato l’input per avviare un dialogo sull’autenticazione email mai avuto prima. Ha portato a una maggiore consapevolezza, in passato praticamente assente. Ci ha dato l’opportunità di sottolineare ancora una volta l’importanza di aderire agli standard email e alle best practice.

Se questo è il prezzo da pagare, siamo felici di farlo.

Riteniamo che Controllo Deliverability e i servizi a esso relativi siano un passo in avanti nella giusta direzione. Continueremo a investire in questo settore, perché siamo convinti che porterà a migliori tassi di recapito complessivi per i nostri clienti, contribuendo in questo modo alla salute dell’ecosistema email.

Prova MailUp

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Email & Automation per il Retail: il white paper dedicato ai negozi

Ti presentiamo il nuovo contenuto verticale ritagliato sulle esigenze (presenti e future) degli store fisici: un percorso formativo tra strumenti e spunti strategici per portare ...

Continua a leggere

4 errori fatali nella gestione delle immagini (e come risolverli)

Le email sono come iceberg: spesso concentriamo tutte le energie nel creare gli elementi principali (come CTA, testi, oggetto, qualità delle immagini) e dimentichiamo di ...

Continua a leggere

Tutorial: come personalizzare le immagini delle email per ciascun utente

Personalizzare le comunicazioni, oggi, significa anche utilizzare contenuti dinamici. Basta dare un occhio alla propria casella inbox per rendersi conto di quanti messaggi riceviamo ogni ...

Continua a leggere

Gmail taglia i messaggi? 4 modi per evitarlo

Progettare una campagna via email perfetta è impegnativo: bisogna curare molti elementi, dal contenuto visivo al testo, fino all’oggetto e all’invito ad agire. Nel corso della meticolosa ...

Continua a leggere

HTML e CSS: guida introduttiva

Non serve essere programmatori per creare email che funzionino... ma qualche nozione aiuta. Oggi entriamo nell'universo di HTML e CSS, svelandone le caratteristiche base per ...

Continua a leggere

“Compra ora” o “Scopri di più”? Come fare A/B test sulla call-to-action

I bottoni sono da sempre usati dall’uomo per interagire con il mondo fisico. Nella vita di tutti i giorni schiacciamo bottoni per accendere il pc, ...

Continua a leggere
  • coccoinomane

    Grazie, articolo molto interessante!

    E’ ormai da un anno che sto implementando l’autenticazione SPF, DKIM e DMARC sui domini che gestiamo in agenzia; spero proprio che la fatica valga la pena 🙂

    Stante che vanno tutti implementati, voi che ordine di priorità dareste ai tre sistemi? Sulla base della mia esperienza SPF è il più importante, soprattutto per Gmail, che mostra un bel punto interrogativo in caso di FAIL. Poi viene DKIM, per sbarazzarsi del fastidioso “via” in Gmail, ed infine DMARC. C’ho preso? 🙂

    Grazie,
    Guido

  • Ciao, hai ben individuato le differenze tra i tre sistemi! Il DMARC rappresenta l’ultimo sigillo, dal momento che si basa sia su SPF che su DKIM, ma questo non significa che sia meno importante: ti permette infatti di impedire utilizzi non autorizzati, o illeciti, dei tuoi domini nelle comunicazioni email.
    Grazie a te, e buon lavoro

  • coccoinomane

    Perfetto, grazie Andrea!

  • Grazie!