Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
8 min.
  • 36

Siamo abituati a pensare a Pasqua come a una festività minore, dal punto di vista commerciale, rispetto a Natale o a San Valentino. Sicuramente in Italia non smuove gli stessi capitali, eppure il suo potenziale è alto e spesso sottovalutato.

Gli ultimi dati della National Retail Federation (NRF) parlano chiaro: negli USA, quest’anno, lo spending previsto per Pasqua supera i 18 miliardi di dollari, promettendo il picco più alto da quattordici anni a questa parte, ovvero da che il dato viene registrato. L’incremento rispetto allo scorso anno è di oltre 6 punti percentuali.

Storico spending per Pasqua - USA

All’interno di questo quadro, l’online è la destinazione prescelta per quasi il 27% degli acquisti: più di un quarto, ovvero una percentuale assolutamente significativa.

Spending online

E in Italia? Non possediamo dati così specifici, anche perché la Pasqua ha tradizionalmente un valore commercialmente più contenuto, se non per l’industria e la distribuzione alimentare. Il dato migliore che ci è dato trovare è di Federconsumatori: la spesa per la tavola pasquale – suddivisa tra carne di coniglio e ovetti di cioccolato – rimarrà quest’anno pressoché invariata rispetto al 2016. Verrebbe voglia di andare a caccia di informazioni più interessanti.

Possiamo usare i dati USA come proxy di ciò che accade da noi? Probabilmente no, per via di tradizioni e abitudini d’acquisto diverse. Però ci possiamo spingere a sostenere che, quando sfruttata come leva di marketing, Pasqua ha un potenziale ancora parzialmente sopito che, ci insegnano gli americani, ha molto da offrire. Andiamo dunque a scoprire come affrontare questo tema nelle campagne email.

Email di Pasqua: quali obiettivi porsi?

Non sono solo i brand dell’industria alimentare a poter beneficiare di campagne email ad hoc per questa festività. Ecco gli obiettivi che è possibile prefiggersi.

Aumentare le conversioni online

Gli e-commerce possono adattare la propria offerta alle necessità del momento. Proporre ad esempio ovetti personalizzati, come fa l’e-commerce Notonthehighstreet

Email di Pasqua

… offrire pacchetti speciali per un weekend fuori porta, come fa Vueling...

Email Pasqua ecommerce

… oppure dare spunti per un picnic all’aria aperta, come Dalani:

Email Pasqua Dalani

Aumentare le visite in-store

I retailer possono pubblicizzare una selezione di prodotti ad hoc per attirare i clienti in negozio, oppure promuovere un’apertura straordinaria. Evans Cycles, ad esempio, crea un’email perfetta per ricordare che i suoi punti vendita sono aperti anche il giorno di Pasqua:

Email Pasqua Evans Cycles

Creare engagement

Basta un quiz, un gioco o un indovinello interattivo (anche a tema uova che si dischiudono, perché no) per creare interazione con il lettore delle email. Vedremo tra poco degli esempi efficaci.

Invio singolo o drip campaign?

Non esiste una risposta univoca a questo quesito. Puoi decidere di concentrare il tutto e per tutto comunicativo in un solo messaggio, oppure di costruire un flusso che diluisca i contenuti nel tempo. La prima soluzione può essere vincente se il tono pasquale si discosta significativamente dal normale contenuto delle tue email, in modo da non “stranire” troppo l’utente con ripetute comunicazioni lontane da ciò che si aspetta.

L’opzione drip campaign, invece, può dare il suo meglio se maggiormente in linea con il consueto messaggio del brand. Nel caso di un e-commerce per la casa, ad esempio, è possibile pensare a una serie di email suddivise per tematica: tavola, regali, idee per i bimbi, etc. In questo caso è fondamentale studiare al meglio le tempistiche.

Scopri di più sugli strumenti per creare campagne automatiche >

4 consigli per le email di Pasqua

1. Fai leva sulla leggerezza (anche con le GIF)

Nei colori, nelle immagini utilizzate, nelle ispirazioni grafiche, nello spirito giocoso: Pasqua fa rima con primavera e con leggerezza. Declina questo concetto all’interno delle tue email e vedrai che basterà poco a renderle perfette per la stagione.

Le GIF animate sono un ottimo modo per aggiungere movimento alle email e donar loro una vita propria. Inoltre, crearle e inserirle nelle comunicazioni è sorprendentemente facile: guarda subito il tutorial. Ecco due esempi particolarmente raffinai ed efficaci dalle comunicazioni di Terrain:

Email Pasqua GIF

Leggi 4 idee per utilizzare le GIF animate nelle email >

2. Crea un’offerta a tema

Pasqua non è Natale, però non c’è motivo per non provare a spingere le vendite con una selezione speciale o un coupon ad hoc. Questo messaggio di Hotel Chocolat, ad esempio, include uno sconto valido solo per il giorno di Pasqua. Di questa email ci piacciono anche l’impostazione grafica, chiara ed elegante, e il richiamo al tema pasquale che si differenzia dal solito uovo rosa o verde.

Email Pasqua offerta

3. Dai spazio a un gioco, a un quiz o a un elemento interattivo

Ne abbiamo parlato all’inizio di questo articolo: un’idea diversa dal solito per rafforzare la relazione con il destinatario è creare un gioco. Questo ti consentirà di stimolare l’interazione e di rafforzare la loyalty dell’utente, in modo leggero e piacevole. Ecco alcuni esempi di contenuti interattivi da sviluppare.

Caccia al tesoro – nel mondo reale 

Cadbury, il celeberrimo produttore di cioccolato, ogni anno per Pasqua promuove una vera e propria caccia al tesoro sul territorio britannico. L’email serve da invito per l’iniziativa, sparsa sul territorio, e fornisce un esempio eccellente di come unire online e offline per iniziative di comunicazione che travalicano il singolo canale.

Cadbury

Caccia al tesoro – sul sito

L’alternativa “light” alle iniziative offline? Una “egg hunt” virtuale alle uova di Pasqua nascoste sul sito e-commerce e/o nei negozi, da stanare per ottenere degli sconti speciali. È la strategia messa in atto da Banana Republic, brand di moda, con questo messaggio raffinato ed efficace.

Egg hunt Banana Republic

Premio speciale, però, al reparto comunicazione di Topman, che completa la caccia al tesoro virtuale con una GIF animata a tema Pac-man: un richiamo nostalgico e ludico per la generazione dei trentenni, impossibile da non cliccare! Per noi, questo messaggio vince su tutti.

Email Pasqua gioco pacman

Ed ecco la GIF animata in movimento:

Pacman

Infografica

Fortnum & Mason tenta con successo la strada del quiz a infografica: divertente, veloce e graficamente ben curato, rende la fruizione dell’email bidirezionale e interattiva.

Email Pasqua Fortnum and Mason

Promossa anche la visualizzazione da mobile di questo messaggio: la struttura modulare fa sì che i blocchi si ridispongano automaticamente, su uno schermo più piccolo, per garantire una leggibilità e una fruibilità ottimali.

Scopri le best practice per creare email mobile-friendly >

4. La Pasqua non fa per te? Trova comunque il tuo tono primaverile

Ok, bene tutto, però per il tuo business la Pasqua è davvero troppo off-topic. Invece che ignorare completamente l’opportunità data da questa specifica festività, prova almeno ad ‘ammorbidire’ il tono e il contenuto delle tue email adattandoli alla stagione primaverile. Così fa, ad esempio, Italo nel messaggio qui sotto. I risultati potrebbero essere inaspettati!

Ora hai tutti gli elementi per decidere come affrontare il periodo festivo con email di Pasqua dal design piacevole e dall’efficacia provata. Lasciaci un commento per farci sapere come strutturerai la tua strategia.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Email & Automation per il Retail: il white paper dedicato ai negozi

Ti presentiamo il nuovo contenuto verticale ritagliato sulle esigenze (presenti e future) degli store fisici: un percorso formativo tra strumenti e spunti strategici per portare ...

Continua a leggere

4 errori fatali nella gestione delle immagini (e come risolverli)

Le email sono come iceberg: spesso concentriamo tutte le energie nel creare gli elementi principali (come CTA, testi, oggetto, qualità delle immagini) e dimentichiamo di ...

Continua a leggere

Tutorial: come personalizzare le immagini delle email per ciascun utente

Personalizzare le comunicazioni, oggi, significa anche utilizzare contenuti dinamici. Basta dare un occhio alla propria casella inbox per rendersi conto di quanti messaggi riceviamo ogni ...

Continua a leggere

Gmail taglia i messaggi? 4 modi per evitarlo

Progettare una campagna via email perfetta è impegnativo: bisogna curare molti elementi, dal contenuto visivo al testo, fino all’oggetto e all’invito ad agire. Nel corso della meticolosa ...

Continua a leggere

HTML e CSS: guida introduttiva

Non serve essere programmatori per creare email che funzionino... ma qualche nozione aiuta. Oggi entriamo nell'universo di HTML e CSS, svelandone le caratteristiche base per ...

Continua a leggere

“Compra ora” o “Scopri di più”? Come fare A/B test sulla call-to-action

I bottoni sono da sempre usati dall’uomo per interagire con il mondo fisico. Nella vita di tutti i giorni schiacciamo bottoni per accendere il pc, ...

Continua a leggere