Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
7 min.
  • 34

Le GIF animate sono sempre più spesso scelte dai marketer per dar vita alle comunicazioni email. Ma come usarle in modo divertente, utile e diverso dal solito? Ecco 15 idee (più un bonus) da sperimentare subito.

Le vediamo sempre più spesso nella inbox, a dare un tocco di vitalità e allegria ai messaggi email. Eppure le GIF animate non sono solo decorative: possono servire a diversi scopi, dall’illustrazione delle funzionalità di un prodotto allo storytelling sulla sua origine, fino a descrivere il funzionamento di un software o a mimare una sfilata.

Servono, in sostanza, a dare alle email quella dimensione di movimento che siamo sempre più abituati a cercare sul web. I dati suggeriscono che, entro la fine del 2017, la fruizione di video rappresenterà il 74% del totale del traffico online: è facile allora intuire perché su un mezzo come l’email, che ha ancora difficoltà a ospitare video veri e propri (ne parliamo in questo ebook), le GIF animate rappresentino un’eccellente alternativa.

Il bello delle GIF animate è sono facili da inserire nelle email: funzionano infatti come qualunque altra tipologia di immagine. Richiedono qualche sforzo in più in fase creativa, ma una volta pronto, il file può essere caricato nell’email normalmente, come se fosse un jpeg.

Scopri in un tutorial come inserire le GIF nelle email >

In questo post abbiamo raccolto 15 ispirazioni eccellenti (più un bonus) per utilizzare le GIF animate nelle email in modo creativo, originale e – perché no – pratico ai fini del “racconto” del prodotto.

1. Raccontare il prodotto

È il mantra del marketing di oggi: raccontare storie sul prodotto, fare storytelling, donare una dimensione in più rispetto alla “vetrina” con descrizione e prezzo. Ecco che le GIF animate possono venire utilmente in aiuto. Toms le utilizza per mostrare le parti che costituiscono un’apparentemente semplice mocassino, raggiungendo più scopi allo stesso tempo.

Innanzitutto, la GIF animata dona al messaggio un movimento nuovo, che rende interessante un’immagine altrimenti piatta. In secondo luogo, il brand sottolinea efficacemente la propria vocazione artigianale, utilizzando la terminologia di un calzolaio e facendo fare una sorta di giro nel “backstage” della bottega. Tutto grazie a una semplice GIF animata.

Toms

2. Fare una dimostrazione di un software

Per le aziende di software (come MailUp, d’altronde), illustrare il prodotto può essere spesso una sfida. Grazie alle GIF animate, è possibile “raccontare” visivamente una nuova funzionalità, renderla immediatamente comprensibile all’utente e alleggerire l’email di interi paragrafi di testo descrittivo. Una sorta di video tutorial più efficace di mille illustrazioni o parole.

Dimostrazione software

3. Mimare una sfilata

I brand di moda, spesso, faticano nel rendere nelle email le sfaccettature del modo in cui un capo può essere vestito, portato, interpretato. Tutto risolvibile con una semplice GIF animata, che consente di mostrare ogni angolazione e dettaglio di ciascun capo – proprio come fa BHLDN.

GIF animate BHLDN

4. Mostrare una carrellata di prodotti

Soluzione salvaspazio garantita: una carrellata di prodotti mostrata tramite la GIF animata. Effetto movimentato, tempo di permanenza sull’immagine allungato, propensione al clic in crescita. Questo utilizzo delle GIF animate è perfetto per lanciare una nuova collezione o presentare una categoria di ricca di prodotti.

Stitchfix

5. Dare enfasi a una promozione

Sconti, sconti, sconti! Come assicurarsi che il messaggio non vada perso tra gli altri elementi grafici dell’email? Utilizzando l’equivalente digitale del neon intermittente dei negozi offline: una GIF animata colorata e impossibile da ignorare. L’elemento di movimento cattura l’attenzione, rendendo efficace anche un testo di dimensioni contenute.

Teavana

6. Giocare con le parole

Una GIF animata è estremamente efficace anche per dare una diversa dignità a una semplice email testuale, che risulterebbe altrimenti banale o piatta. Basta un gioco come questo di seguito di Yoox, oppure un effetto di animazioni di parole che si compongono, o che cambiano colore. Spazio all’immaginazione!

Yoox

7. Mostrare il funzionamento del prodotto

Lo dicevamo prima: se un’immagine vale mille parole, un’immagine in movimento ne vale diecimila. Come far capire in modo immediato ed efficace il funzionamento di un filtro per il tè? Creando un tutorial esplicativo nel formato di una GIF animata!

Teavana Brew

8. Sostituire un video

Inserire i video nelle email è possibile, ma rischioso e complesso. Una soluzione assai più sicura e semplice è creare una preview del video in formato GIF, in modo da dare un’idea dei primi fotogrammi e rimandare poi, tramite clic sul player, al video vero e proprio su una pagina esterna. Se la qualità della GIF animata è adeguata, la differenza con un vero video è minima.

Liveintent

9. Rendere tangibile l’esperienza utente

Nuova app? Nuovo sito? Perché non far provare l’esperienza di navigazione attraverso una GIF animata? Lo fa ad esempio Zalando nell’email di lancio della nuova versione dell’applicazione mobile. Un modo semplice per dare un’idea tangibile del funzionamento e della UX, invitando al download.Zalando

10. Dare un tocco stagionale alle email

È inverno e vuoi dare un tocco natalizio a un’immagine che di natalizio non ha nulla? Basta una lieve nevicata creata con una GIF animata, e il gioco è fatto. Idem per altre festività o stagioni dell’anno: cuori per San Valentino, coriandoli per Carnevale, e così via.

11. Rendere memorabile anche un’email transazionale

Dell’importanza di una welcome series ben fatta abbiamo già discusso. Perché accontentarsi di una banale email che dica “Registrazione avvenuta con successo”, quando puoi cominciare a costruire un vero rapporto con l’utente? Noi adoriamo questa email di benvenuto di Harry’s, che sa senza dubbio come farsi ricordare. Qui la GIF animata non ha un valore descrittivo o pratico: serve a far sorridere e a imprimere il brand nella mente del lettore.

12. Mostrare le varianti colore di un prodotto

Risparmiare spazio e dare visibilità a tutte le varianti prodotto? Certo, con una gallery che alterna i colori dello stesso articolo! Un’idea semplice e di sicuro effetto visivo, grazie alla GIF animata.

Coccinelle

13. Rendere viva un’immagine statica

Certe volte una GIF animata è semplicemente l’idea migliore per donare una vitalità unica all’immagine più semplice. È quello che sceglie di fare Terrain, rendendo fresca e invitante la sua email dedicata agli accessori da giardino.

14. Accompagnare o dare rilevanza alla call-to-action

È uno dei pilastri nell’utilizzo delle GIF animate: è utile che accompagnino l’occhio e l’utente verso l’azione indicata dalla call-to-action. Bene quindi utilizzarle per sottolineare, cromaticamente o con il movimento, il punto clou dell’email, dove attirare tutta l’attenzione. Lo fa bene Birchbox, enfatizzando l’etichetta Gift Shop che costituisce il cuore del messaggio.

Birchbox GIF animate

15. Sottolineare l’urgenza con un conto alla rovescia

Inserire un conto alla rovescia nei messaggi email gioca con il FOMO (fear of missing out, o paura di perdersi qualcosa), una leva psicologica potentissima nel far chiudere un acquisto. In questo articolo abbiamo studiato come inserire un countdown vero e proprio, appoggiandoci a strumenti appositi disponibili sul web. Una comoda alternativa è creare un “finto” conto alla rovescia in una GIF animata, come fa Dalani nel suo messaggio pre-natalizio.

Dalani GIF animate

Bonus: Nessun motivo se non strappare un sorriso 🙂

E infine c’è il modo più divertente e fine a se stesso di utilizzare le GIF animate: semplicemente per far divertire, senza nessun altro scopo se non strappare un sorriso. L’effetto condivisione è assicurato: un’email come quella sotto, di Moo, è impossibile da ignorare 🙂

In conclusione

Esistono mille modi e mille contesti per utilizzare le GIF animate. Semplicissime da inserire in email, forniscono un assist ottimale per attirare l’attenzione e sopperire a necessità pratiche, come ad esempio:

  • Mostrare diverse varianti prodotto
  • Mimare l’effetto di un video
  • Dare urgenza tramite un conto alla rovescia
  • Far vivere l’esperienza del prodotto

E così via. Quindi largo alla creatività!

La guida all'Email Design

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

HTML e CSS: guida introduttiva

Non serve essere programmatori per creare email che funzionino... ma qualche nozione aiuta. Oggi entriamo nell'universo di HTML e CSS, svelandone le caratteristiche base per ...

Continua a leggere

“Compra ora” o “Scopri di più”? Come fare A/B test sulla call-to-action

I bottoni sono da sempre usati dall’uomo per interagire con il mondo fisico. Nella vita di tutti i giorni schiacciamo bottoni per accendere il pc, ...

Continua a leggere

5 principi chiave per far crescere una lista di contatti

Ampliare in modo costante e produttivo il numero di destinatari delle email è fondamentale. Oggi analizziamo i punti teorici fondamentali in grado di guidare le ...

Continua a leggere

8 email promozionali che convertono davvero

Come creare email promozionali che convertano davvero? Ecco 5 consigli da tenere a mente e 8 esempi di promozione da sperimentare subito. Veicolare una promozione per ...

Continua a leggere

Tutorial: come inserire link di ancoraggio nelle email

Aggiungere anchor link in HTML ai messaggi email ne facilita lo scorrimento e la navigazione. Oggi scopriamo come fare, grazie a un breve tutorial. Gli anchor link ...

Continua a leggere

Email deliverability: do’s e dont’s per garantire il recapito delle campagne

Quando un brand invia un’email al proprio cliente, che si tratti di una comunicazione di natura promozionale o transazionale, si dà per scontato che termini ...

Continua a leggere