Non perderti una notizia!

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Sì, voglio ricevere aggiornamenti sulla formazione e sugli eventi di MailUp.
Ricevi aggiornamenti
su Messenger
2 min.

Analizzati i dati del 2016 dell’Email Marketing, oggi presentiamo le evidenze emerse nell’Osservatorio Statistico 2017 sotto una forma diversa: quella di un’infografica comoda da leggere e bella da condividere.

L’Email Marketing in Italia, nel 2016, è andato bene. Anzi, più che bene. I tassi di apertura e di clic sono cresciuti rispettivamente del +35,7% e del +36,9% totali, confermando il trend positivo registrato già l’anno precedente. Ben lontano dall’essere un canale “morto”, come diversi amano ciclicamente profetizzare, l’email si rivela ancora oggi uno strumento estremamente efficace nel raggiungere i destinatari nel modo migliore.

In questa infografica – scaricabile e condivisibile da questa paginariassumiamo le evidenze emerse nelle pagine dell’Osservatorio. Ecco i dati più interessanti che vale la pena tenere a mente:

  • Cresce il peso delle newsletter sul totale degli invii, con una contrazione delle DEM commerciali.
  • Il tasso di recapito medio si mantiene sul livello eccellente del 2015, con picchi del 99%.
  • Il tasso di clic cresce in rapporto al maggior utilizzo di modelli mobile responsive, che consentono quindi una fruizione ottimale anche sugli schermi più piccoli.
  • Molto alta la percentuale di aziende che sfruttano il potenziale dei campi dinamici per personalizzare il contenuto delle email – in media il 77% delle imprese.
  • In aumento il numero di imprese che utilizzano la Marketing Automation per migliorare il presidio dei diversi touch point con il cliente. Il dato (9%) ha ancora ampio margine di miglioramento, complice anche la giovane età di questa tecnologia.
  • Ancora troppo basso il tasso di adozione degli A/B test – in media 6,8% – che risente di una lunga serie di pregiudizi legati a questa straordinaria funzionalità: che fare A/B test sia complesso, lungo e oneroso. Niente di più falso.
  • Bene invece la penetrazione dell’utilizzo dei form di autoprofilazione, fondamentali per profilare correttamente il database.

Email Marketing Statistics 2017

In conclusione

L’Osservatorio Statistico è il documento di riferimento essenziale per i marketer che vogliono avere un benchmark preciso per le proprie attività di Email Marketing. L’intero Osservatorio è scaricabile qui, mentre l’infografica Osservatorio 2017 è pronta per essere condivisa da questo link.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Email mobile responsive: teoria e pratica

Il 49% degli utenti apre le email sullo smartphone: è il momento di rendere le tue email mobile responsive al 100%. Scopriamo come farlo, quali ...

Continua a leggere

Email check-up: addio a tutti quei piccoli, fatali errori tecnici

Con uno sguardo al check-up puoi conoscere lo “stato di salute” dell’email e sapere dove e come mettere mano per sanare eventuali criticità. Il tutto ...

Continua a leggere

Tutto sulle email di San Valentino, dalle creatività alle strategie

Come massimizzare le occasioni aperte dalla festa degli innamorati, con 6 generi di creatività e 6 strategie per incrementare le conversioni. Con San Valentino dietro ...

Continua a leggere

In viaggio lungo il Traveller Journey: il nuovo white paper dedicato al Turismo

Un percorso tra i touchpoint e le strategie per attrarre, conquistare e fidelizzare gli ospiti prima, durante e dopo il soggiorno. Il tutto corredato da ...

Continua a leggere

Email & Eventi: 5 idee per portare più iscritti e dare il boost al tuo evento

Organizzare un evento può essere un'attività complessa e ricca di variabili. Se l'obiettivo è fare sold-out, non puoi prescindere da una campagna email evento che ...

Continua a leggere

5 spunti per migliorare il CTR delle email

Come migliorare il CTR, una delle metriche più importanti dell’Email Marketing? In questo post non individueremo regole universali, buone per tutti, ma considereremo alcune preziose ...

Continua a leggere