6 min.

Abbiamo ridisegnato l’area funzionale di MailUp che ti aiuta a capire quale versione dell’email otterrà migliori performance: nuovo design, nuove funzioni e una procedura guidata che ti accompagna passo passo alla configurazione dell’A/B test.

Nell’Email Marketing c’è uno strumento che riesce a dirti quale oggetto, header o immagine riscuote maggiore attrattiva sul tuo destinatario: è l’A/B test, quella funzione con cui mettere a confronto due o più varianti di uno stesso messaggio e capire quale otterrà migliori performance.

Negli ultimi mesi abbiamo focalizzato la nostra ricerca proprio su questa area funzionale di MailUp, e oggi siamo felici di presentarti i risultati insieme ad altre migliorie della piattaforma. Con ordine, andiamo ad analizzarle.

L’abc dell’A/B testing, più semplice e immediato

Con la nuova area della piattaforma non ci sono più scuse per evitare di fare gli A/B test. Su questo strumento è fiorita una letteratura, a cui noi abbiamo partecipato attivamente con un ebook dedicato e un ciclo di blog post. Per questo, dopo una lunga analisi, abbiamo dato vita a un vero e proprio makeover della sezione, che ha riguardato il redesign dell’interfaccia e la riscrittura del codice. A queste novità, che vedremo tra poco, abbiamo integrato altre funzioni rilevanti. Da oggi puoi:

  • Coinvolgere nel test un segmento di destinatari che va dal 5% al 100% del database (prima la soglia si fermava al 30%); inoltre, quando si seleziona il 100%, non viene decretato un messaggio vincente. Le statistiche per questi test vengono utilizzate per eseguire test multivariati
  • Applicare tag al  messaggio vincitore durante la configurazione, per una migliore classificazione e utilizzo statistico
  • Selezionare  messaggi che sono già in coda di invio per effettuare un A/B test
  • Mettere in pausa un A/B test con un semplice clic su un bottone.

Come cambia l’A/B testing con la nuova sezione

Alla luce delle problematiche emerse, abbiamo così deciso di creare una procedura guidata che accompagni, passo passo, gli utenti alla configurazione di un test.

STEP 1: Impostazioni

In questa prima sezione trovi gli elementi fondamentali da scegliere per configurare un nuovo A/B test:

  • Nome del test
  • Le varianti dell’email – puoi sceglierne fino a 5 – con le relative informazioni e anteprime
  • Uno slider per selezionare l’estensione del segmento di destinatari da coinvolgere nel test
  • Un ultimo box da cui selezionare il criterio di scelta del messaggio vincente e gli eventuali tag.

Come cambia l’A/B testing

STEP 2 – 3: Scegli mittente e Scegli destinatari

Già esistenti nella versione precedente, questi passaggi ora sono integrati nella procedura guidata, migliorando sensibilmente la user experience.

STEP 4: Accoda e pianifica

La sezione di Accoda e pianifica

Una barra di avanzamento traccia le due operazioni fondamentali:

  • Accodamento di tutti i destinatari
  • Distribuzione casuale delle varianti del messaggio ai gruppi di test.

Come detto prima, la sezione Accoda e pianifica è stata ottimizzata per svolgere le operazioni fino a quattro volte più velocemente.

Una volta completato il caricamento, la piattaforma mostra un’anteprima chiara ed esaustiva di come è stato configurato l’A/B test. Se è stato impostato un criterio automatico di vittoria, è in questa sezione che puoi programmare l’invio.

Novità anche per l’elenco degli A/B test

L’elenco degli A/B test è stato migliorato, provvisto di un campo di ricerca avanzata, dei dettagli fondamentali e dello status di ciascun test. Le possibili operazioni (Azioni) sono ora coerenti con lo stato di ogni test.

Ogni modifica dell’A/B test viene gestita da qui (in passato alcune azioni erano disponibili anche in Stato invio, generando confusione). A proposito dello Stato invio, cliccando su Gestisci A/B test da un messaggio coinvolto in un test, ora sarai reindirizzato alla pagina Dettagli del test di cui fa parte.

Visualizzare i risultati del test

I risultati ora sono molto più facili da consultare, e includono anche un’anteprima per tutti i messaggi. I report aggregati per ogni A/B test sono ancora disponibili.

A seconda dello stato in cui si trova l’A/B test, è possibile riprogrammare il test o l’invio del messaggio vincitore, così come mettere in pausa o riprendere l’intero A/B test.

Il checkup: un dottore ancora più vicino alle tue campagne

Una delle principali attività che una piattaforma professionale di Email Marketing deve saper svolgere è aiutare gli utenti a rispondere a una domanda semplice quanto fondamentale: il messaggio è pronto per essere spedito? Vuol dire avere la garanzia di evitare problematiche che possono influire negativamente sulla deliverability e, in modo complementare, assicurare alle campagne migliori performance.

Se la funzione Collaboration permette di stabilire se il messaggio è pronto per l’invio dopo averlo condiviso all’interno del proprio team, la funzione di check-up invece si concentra nel determinare lo stato di salute del messaggio. In sintesi, ecco le principali novità.

Il check-up del messaggio, direttamente nel Riepilogo

Il checkup del messaggio

Nella pagina di Riepilogo di un messaggio troverai il nuovo box del Check-up direttamente sotto l’immagine di anteprima dell’email. In caso di problematiche, il check-up evidenzierà il livello di gravità: basterà allora un clic su quella voce per essere reindirizzati alla pagina estesa di check-up, in cui conoscere i dettagli e capire come intervenire per sanare le problematiche.

La nuova pagina di check-up

Tutti le voci di eventuali criticità sono state raggruppate in un’unica pagina, ordinate per gravità e accompagnate da spiegazioni più esaustive sul genere di problema e sulle azioni da intraprendere.

La nuova pagina di checkup

 

Nell’esempio qui sopra, due potenziali problemi riguardano l’assenza di un link di disiscrizione e dei link di tracciamento; nella sezione Miglioramenti vengono invece forniti alcuni consigli (per esempio di aggiungere un sommario, utile a incrementare i tassi di apertura).

Le notifiche del checkup

Nel caso il messaggio presenti problematiche e criticità, una finestra apparirà al momento del salvataggio o dell’invio.

Gli alert del checkup

Questi alert possono essere modificati e configurati dall’utente, per essere anche disattivati (sia per il singolo messaggio sia per tutte le email).

Altri miglioramenti

Le novità non finiscono qui. Ecco altri miglioramenti sostanziali che troverai da oggi in piattaforma:

  • Puoi creare una copia dei moduli di iscrizione e di autoprofilazione creati con l’editor drag & drop
  • Abbiamo rivisto ilmenu a tendina per la selezione della lista, ora più grande e più chiaro, con incorporato all’interno un campo di ricerca immediata (disponibile solo se la piattaforma dispone di dieci o più liste)

  • La ricerca dei messaggi ora effettua ricerche solo per oggetto, note e ID. La ricerca full-text all’interno del contenuto è opzionale, rendendo così molto più veloci le ricerche standard

Il campo di ricerca dei messaggiSe quelle che ti abbiamo presentato oggi possono sembrarti piccole novità, ti accorgerai nella pratica di tutti i giorni come facciano la differenza – facilitando l’A/B testing o incentivandolo (nel caso ancora non te ne servissi per le tue campagne).

Se oltre agli A/B test fossi nuovo anche all’Email Marketing , il consiglio è di provare MailIUp: con la prova gratuita di 30 giorni avrai tutto il tempo per creare, testare, inviare le tue campagne e scoprire i benefici del canale email per la tua realtà.

Prova MailUp

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Nasce MailUp Premium, la soluzione che cresce al passo del tuo business

Combinando supporto tecnologico e consulenziale, Premium è l’edizione pensata per moltiplicare conversioni e ricavi di quelle aziende che hanno nel canale email un asset strategico. L’email ...

Continua a leggere

Nascono i MailUp Tips: piccole guide ai segreti della piattaforma, dal taglio pratico

Ottimizza il flusso di lavoro e migliora le tue campagne, grazie a consigli, dritte e mini-tutorial immediati, intuitivi e rapidamente convertibili in azione. La brevità è ...

Continua a leggere

Anche quest’anno MailUp è tra le Fast 500 di Deloitte

Grazie a una crescita di fatturato media del 241%, per il secondo anno consecutivo MailUp si posiziona tra le società tecnologiche a maggior sviluppo nell’area ...

Continua a leggere

Dati personali: istruzioni per l’uso. Il nuovo corso online di MailUp

L’Avvocato Marco Maglio ci porta nel GDPR con un approccio pratico, operativo, per indirizzare la tua azienda alla corretta attività di trattamento e valorizzazione dei ...

Continua a leggere

Segmenta le tue campagne nel dettaglio: in MailUp sono arrivati i Filtri avanzati

Da oggi puoi creare un filtro concatenando differenti condizioni, per definire segmenti di destinatari con il massimo della precisione. Il risultato? Più flessibilità, miglior engagement ...

Continua a leggere

Nuovo corso online: l’Email Marketing dalla A alla Z

Vorresti imparare tutto sull'Email Marketing, ma non sai da che parte cominciare? Inizia da qui: da una nuova Masterclass online in quattro moduli. Il mondo dell'Email ...

Continua a leggere