Nel 2018 Facebook rimane uno dei canali principali per fare marketing ma, come tutto nel mondo digital, si modifica regolarmente e ogni tanto completamente. All’inizio di quest’anno Facebook ha cambiato l’algoritmo del suo Newsfeed, decidendo di dare priorità ai post dei parenti e amici (il sistema considera i profili con cui un utente contatta più spesso), a quelli che provocano discussioni e conversazioni e alle pubblicazioni delle pagine che un utente ha scelto di vedere per primi (See First nelle preferenze del NewsFeed).

In queste condizioni fare marketing su Facebook diventa proprio una sfida. In questo articolo ti racconto cosa fare e cosa evitare per raggiungere gli obiettivi della tua strategia di marketing e rendere la presenza del tuo brand su Facebook più efficace.

Content is King

Il miglior contenuto su Facebook è quello che coinvolge e stimola la comunicazione. Non esiste una formula unica per scrivere un contenuto di successo ma ci sono alcuni trucchi che possono aiutarti ad aumentare l’efficacia dei tuoi post:

  • Pubblica i post nell’orario migliore. Analizza quando il tuo pubblico è online per ottimizzare il tuo orario di pubblicazione.
  • Studia la tua Audience. Traccia le performance dei tuoi post e scopri cosa piace di più al tuo target e qual è il contenuto vincente per il tuo piano editoriale. Dell’importanza dell’analitica parlerò a breve.
  • Sfrutta i temi attuali e i trend. Scopri quali sono gli argomenti che infiammano gli utenti usando servizi come Google Trends, i Trending Topic sui social o segui i calendar degli eventi per il tuo settore (anche quelli locali, se per te sono rilevanti).
  • Usa le domande come call to action per incoraggiare gli utenti a lasciare commenti sotto una tua pubblicazione.
  • Varia i tuoi contenuti. La prevedibilità dei tuoi post può danneggiare la tua strategia: prova diversi tipi di contenuto, alterna gli argomenti e i formati delle tue pubblicazioni per non annoiare il tuo pubblico

Video

Il formato video è interessante non solo perché Facebook tende a priorizzarlo, ma anche perché, tra i vari tipi di contenuto che puoi pubblicare sulla tua pagina, è quello più amato dagli utenti (guarda la ricerca condotta da SEMrush). I video appaiono più in alto nel newsfeed rispetto ai post di solo testo o alle immagini.

Eccoti una piccola guida per l’ottimizzazione dei video per Facebook:

  • Carica i video direttamente su Facebook perché i post con i link di YouTube perdono in visibilità (Facebook dà priorità ai video caricati sulla sua piattaforma)
  • Formato ideale: Facebook raccomanda di usare MP4 e MOV, una lista completa dei formati consigliati la puoi trovare
  • Facebook consiglia di caricare video con durata di massimo 15 secondi, con un contenuto attraente e di alta qualità. Il pubblico su Facebook apprezza anche i testi longread quando sono scritti veramente bene (se il tema è attuale è facile che generi conversioni): perché la stessa regola non può funzionare anche per il video?
  • Carica i video con i sottotitoli (circa l’85% dei video viene visualizzato senza il suono) e non dimenticare di aggiungere un titolo e una piccola descrizione per far sì che le persone capiscano subito il soggetto del video.

Il video streaming è un altro tipo di contenuto che piace tanto a Facebook e che può farti ottenere una buona reach organica. Quando crei una Live su Facebook, a tutti i tuoi amici e seguaci arriva la notifica dell’inizio di un nuovo streaming, in questo modo tutti possono seguirti e commentare in diretta il tuo video.

Comunica con i tuoi follower

Stimola gli utenti a commentare i post e incentiva la discussione sotto le tue pubblicazioni. Facebook dà la più alta posizione ai post che hanno molti commenti. Quello che ti posso consigliare è usare CTA, ad esempio:

  • E tu, cosa ne pensi? Fammi sapere nei commenti!
  • Condividi le best practices nei commenti sotto il post!
  • Quali tips usi nel tuo lavoro quotidiano?

Un altro trucco efficace è rispondere alle domande con un commento separato senza usare il tread, così la tua risposta ha più visibilità.

Analizza la tua Audience

L’analitica è la chiave di una strategia di Facebook marketing vincente! Devi studiare la tua audience e tracciare regolarmente le performance dei tuoi post per capire cosa piace al tuo target e ottimizzare la tua strategia, cambiando il tuo piano editoriale se è necessario. Per analizzare la tua Audience puoi usare Facebook Insights, lo strumento all’interno della piattaforma, o ricorrere all’aiuto degli strumenti di analitica come SproutSocial, Buffer o Social Media Tracker di SEMrush.

Crea un gruppo di Facebook

Creare un gruppo per la pagina Facebook del tuo brand è un’ottima opportunità per creare una community che supporti e stimoli l’interesse dei clienti già acquisiti e di quelli che potrebbero diventarlo (clienti potenziali). Quali sono i principali vantaggi di Facebook Groups per il business?

  • E’ più facile gestire la comunicazione tra i partecipanti del gruppo e creare un rapporto tra le persone e il brand perché il gruppo è uno spazio più circoscritto ed è possibile parlare in modo più privato e personale. Lo scopo principale dei gruppi Facebook è condividere interessi comuni.
  • Per analizzare l’attività nel gruppo puoi usare Groups Insights (uno strumento analogo a Facebook Insights)
  • Hai la possibilità di creare un gruppo sia privato che pubblico
  • Puoi creare i sondaggi, condividere documenti ed anche vendere nel tuo Facebook group!
  • I partecipanti dei gruppi ricevono le notifiche dei nuovi post pubblicati nel gruppo

E non dimenticare di collegare la tua pagina Facebook al gruppo.

Sfrutta Facebook Ads

Alcuni dei tuoi post hanno già ottenuto una buona reach organica? Molto probabilmente puoi superare i risultati già raggiunti se dai loro un spinta con Facebook Ads! Il bello di promuoversi su Facebook è che ogni gruppo demografico è costituito da migliaia di utenti, quindi targetizzando bene la tua campagna puoi sicuramente intercettare i tuoi clienti potenziali. Come fare pubblicità su Facebook è un tema molto ampio e merita un post separato però eccoti alcuni consigli che possano semplificare il tuo lavoro con Facebook Ads:

  • Decidi quale problema degli utenti vuoi risolvere e quale obiettivo di marketing persegui.
  • Crea le Audience personalizzate usando le liste dei clienti che ti aiutano a trovare su Facebook gli utenti che giá conoscono il tuo brand.
  • Sfrutta Facebook Pixel! Pixel raccoglie i dati del comportamento dell’utente che ha guardato il tuo annuncio. I dati raccolti da Pixel possano aiutarti ad ottimizzare la tua campagna pubblicitaria e anche a fare retargeting – mostrare cioè la tua pubblicità a quelli che hanno già visitato il tuo sito.

Non usare i titoli clickbait e fake news

I titoli clickbait sono quelli sensazionalistici che invitano a cliccare un link con la promessa di un contenuto “forte”. Promessa che non viene però mai mantenuta nel contenuto linkato e che per questo può essere una scelta molto rischiosa: gli utenti che cliccano, una volta scoperto l’inganno, prendono le distanze da quei brand o siti che sfruttano questi raggiri per collezionare clic.

Eccoti alcuni esempi di titoli clickbait:

  • Tu non crederai mai come funzionano questi tips su Facebook marketing!
  • Questo post cambierà la tua vita!
  • Un sito ha ottenuto 50 mila seguaci su Instagram in una settimana usando solo questo segreto!

Ovviamente questi post sono considerati dal sistema come spam e per questo appaiono molto più raramente nel newsfeed.

Poco tempo fa anche Facebook si è unito alla battaglia contro le Fake News: bot e profili falsi sono stati cancellati ed è stato creato un sistema di segnali per riportare notizie incerte. Facebook dichiara che i post classificati come Fake News sono mostrati più in basso nei newsfeed degli utenti. Come tutti i metodi “black” il clickbaiting e le fake news, anche se promettono grandi risultati, non ti porteranno al successo.

Spero che il post ti abbia fornito alcune idee e spunti interessanti per promuovere il tuo brand su Facebook al meglio. Ricapitolando:

  1. Offri al tuo pubblico solo contenuti unici e di alta qualità
  2. Sfrutta il formato video, che resta il più popolare
  3. Mantieni e stimola la comunicazione tra i follower
  4. Studia la tua Audience con gli strumenti di analitica
  5. Usa un gruppo per costruire una community intorno al tuo brand
  6. Fa’ pubblicità con Facebook Ads
  7. Di’ di no ai titoli clickbait e alle fake new

L’ultima cosa che ti posso consigliare, e che è sempre attuale, è di seguire gli aggiornamenti di Facebook per reagire per tempo ai cambiamenti e sfruttare le nuove opportunità prima dei tuoi competitor. Facebook è uno dei sistemi che si modifica più spesso e ama cambiare le regole del gioco senza preavviso, quindi è proprio necessario, se usi Facebook per fare marketing, essere preparato e reagire prontamente.

Anche tu usi Facebook come canale di vendita per sfruttare il rapporto relazionale che si crea tra brand e follower? Hai ottenuto buoni risultati? Raccontami la tua esperienza.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Che risultati portano SEO ed Email Marketing insieme?

Le strategie di marketing digitale sono meccanismi complessi che dovrebbero contenere vari elementi e avere un obiettivo chiaro. L'obiettivo primario è naturalmente quello di attrarre nuovi ...

Continua a leggere

Come si calcola l’efficacia del Digital Marketing?

Ogni azione di marketing - specialmente sui canali digitali - deve essere guidata dalle metriche in grado di determinarne il successo. Vediamone 5 fondamentali. A una ...

Continua a leggere

Tutto quello che puoi fare con Messaging Apps, in un nuovo ebook

Ti presentiamo l’ultima uscita della nostra collana: un percorso tra i perché e i come raggiungere i tuoi clienti e prospect via Facebook Messenger e ...

Continua a leggere

Marketing Conversazionale o tradizionale? 8 vantaggi del nuovo approccio

A pochi giorni dal lancio del canale Messaging Apps su MailUp, scopriamo i vantaggi che il marketing conversazionale comporta per le aziende - nel concreto.  Negli ...

Continua a leggere

Che cos’è il marketing inbound e come farlo

Esploriamo a fondo il mondo dell’Inbound Marketing: le origini, le differenze con le tecniche outbound, gli strumenti di cui si avvale e la sua applicazione ...

Continua a leggere

La SEO per aziende di piccole e medie dimensioni

Una buona strategia SEO è fondamentale non solo per le grandi aziende, ma anche per le PMI. Insieme a SEMrush, oggi, vediamo come strutturarla partendo ...

Continua a leggere