8 min.

Da oggi puoi creare un filtro concatenando differenti condizioni, per definire segmenti di destinatari con il massimo della precisione. Il risultato? Più flessibilità, miglior engagement e maggiori conversioni delle email.

Da mesi, nello sviluppo della piattaforma MailUp, lavoriamo sugli strumenti per la personalizzazione delle campagne. Avevamo iniziato con i nuovi workflow, proseguendo poi con i moduli personalizzati.

Oggi annunciamo un altro grande passo avanti: i filtri avanzati, con cui le aziende possono mettere a punto regole di segmentazione con il massimo della precisione e inviare email sempre più profilate e rilevanti.

I nuovi filtri sono così avanzati che – all’interno di un database di, mettiamo, 10.000 contatti – consentono di individuare anche la più ristretta nicchia di destinatari per cui la campagna è di sicura rilevanza, escludendo tutti gli altri, a cui il messaggio non risulterebbe di particolare interesse.

In termini di performance, in cosa si traduce la segmentazione? In maggior engagement dei destinatari, poi riscontrabile nelle principali metriche: tassi di apertura, di clic e conversione.

Oggi, con questo post – il primo di un ciclo dedicato agli strumenti di segmentazione – ti accompagniamo alla scoperta dei nuovi filtri avanzati. Ma partiamo un po’ più da lontano.

Cosa sono i filtri?

Necessaria una breve premessa, rivolta soprattutto ai beginner.

Il filtro di MailUp è quella funzione che consente di suddividere i destinatari in segmenti, in base a una varietà di condizioni. Queste condizioni sono impostabili grazie ai dati, alle informazioni sui destinatari presenti nel database. Sono quattro gli insiemi di dati, e corrispondono a quattro tipi di filtri configurabili:

  • Filtro anagrafico, basato sui dati salvati nel profilo di ciascun destinatario
  • Filtro per attività, basato sulle azioni che il destinatario ha o non ha fatto (il suo comportamento, in altre parole)
  • Filtro geografico, basato sul luogo dove si trova il destinatario quando apre le tue email
  • Filtro per dispositivo, che segmenta in base al device utilizzato dal destinatario per aprire e interagire con i tuoi messaggi.

Quali erano le esigenze delle aziende?

Nella costante ricerca di feedback dai nostri clienti, sono emerse alcune esigenze. In particolare:

  • La possibilità di creare filtri combinando diverse condizioni
  • La possibilità di creare una copia del filtro
  • La possibilità di creare sottoinsiemi di condizioni e gerarchie
  • Rendere più agili e intuitive le operazioni anche alle aziende che per la prima volta si affacciano a questi strumenti di Email Marketing.

Fine delle premesse. Entriamo nel vivo.

Cosa puoi fare con i nuovi filtri avanzati

Crea e concatena fino a 20 condizioni diverse

Da oggi puoi mettere a punto una concatenazione di condizioni, così da creare un filtro che selezioni nella maniera più precisa e accurata una porzione di destinatari.

Nella pratica significa che puoi ricavare dal tuo database un segmento di destinatari che rappresenta alla perfezione il target della tua prossima campagna.

Se vai in piattaforma, nella sezione Filtri (Destinatari > Filtri > Nuovo filtro) troverai il bottone Aggiungi condizione.

Grazie a questa funzione puoi applicare al filtro un ulteriore comando di ricerca, così da effettuare un’ulteriore segmentazione sulla precedente.

La nuova condizione si applica alla prima in due modi:

  • Includendo (bottone E ANCHE) i destinatari selezionati con la nuova condizione
  • Escludendo (bottone OPPURE) i destinatari selezionati con la nuova condizione.

Il grado di segmentazione può essere elevatissimo; è possibile aggiungere e concatenare fino a un massimo di 20 condizioni.

Un esempio? Un oculista potrebbe creare un filtro che prevede la seguente concatenazione di condizioni:

  1. Prima condizione: Includi solo i destinatari di sesso femminile
  2. Seconda condizione: Includi solo i destinatari che compiono gli anni il gg/mm
  3. Terza condizione: Includi tutti i destinatari con gli occhi verdi.
Un filtro con tre condizioni concatenate
Un filtro con tre condizioni concatenate

Si tratta solo di un esempio, ma rende bene l’idea di come i nuovi filtri consentano di effettuare operazioni di segmentazione avanzatissime, lavorando sui dettagli.

Inoltre è possibile creare sottoinsiemi e gerarchie di condizioni. Ad esempio:

[Condizione 1 OPPURE Condizione 2] E ANCHE Condizione 3

Dove la Condizione 3 si applica al risultato dell’insieme dato da Condizione 1 e Condizione 2

Ottieni l’anteprima del segmento creato

Hai ideato la tua campagna, hai creato il filtro con tutte le condizioni al proprio posto, ma vuoi dare uno sguardo veloce alla numerosità di quel segmento o verificare se all’interno c’è un determinato contatto?

Ora puoi farlo con un clic, direttamente nella pagina in cui stai creando il filtro: Basta cliccare su Calcola i destinatari.

La funzione di calcolo dei destinatari

In questo modo avrai sempre il pieno controllo sul segmento che stai creando tramite il filtro. Il nostro obiettivo, lo ripetiamo sempre, è accompagnare le funzioni avanzate con strumenti che rendano le operazioni agili, semplici e immediate.

Piccolo consiglio di utilizzo

Se ti accorgessi di aver inserito una condizione in AND invece che in OR, clicca sull’operatore logico per modificarlo. Poi clicca su Calcola i destinatari per verificarne il risultato

Condividi il filtro con tutte le liste

Semplicità e immediatezza, dicevamo. Ecco allora un’altra novità che semplifica notevolmente le operazioni ai marketer: la possibilità di condividere il filtro appena creato con tutte le altre liste presenti nella propria piattaforma MailUp.

La funzione di condivisione del filtro

Basta un clic per rendere disponibile e applicabile il filtro avanzato a tutte le altre tue liste di destinatari. Questo ti consentirà di creare dei filtri solo relativi a una lista e altri applicabili indistintamente a tutti gli ambienti

Ti stai chiedendo cos’è una lista?

È un insieme indipendente di messaggi, destinatari, impostazioni, statistiche che puoi usare per gestire una certa tipologia di invii (ad esempio la lista per i clienti fedeli, la lista per la newsletter, la lista per il mercato estero, ecc).

Crea una copia del filtro

Non meno importante è la possibilità di duplicare il filtro appena creato.

La funzione di duplicazione del filtro

Come avrai capito, ora è possibile creare filtri molto complessi (concatenando fino a 20 condizioni e sotto-condizioni). Immagina allora quanto è importante poter creare un filtro simile a quello creato (del tutto uguale ma, mettiamo, con una condizione diversa) senza dover ricominciare da zero eseguendo le stesse azioni.

Tutto più chiaro e semplice, anche per i beginner

L’abbiamo lasciato in fondo, ma si tratta di un aspetto trasversale a tutto ciò che abbiamo visto finora.

Insieme allo sviluppo delle funzioni, abbiamo infatti migliorato l’interfaccia della sezione Filtri, con l’obiettivo di rendere più chiara e accessibile ogni operazione di segmentazione.

Il redesign ha riguardato sia la grafica sia i testi, così da offrire un’interfaccia semplice e intuitiva. Come già detto, allo sviluppo delle funzioni accompagniamo sempre uno sviluppo della usability, della user experience, per mettere in mano alle aziende uno strumento sì potente, ma anche di immediato utilizzo.

Per concludere

Ti sei fatto un’idea del potenziale dei nuovi filtri? Come anticipato, con questo blog post inauguriamo un ciclo di pubblicazioni dedicate alle funzioni e attività di segmentazione: ti mostreremo alcuni casi d’uso ed entreremo sempre più in profondità nelle possibilità per il tuo business.

Se poi non hai ancora avuto modo di provare MailUp, i filtri e tutte le altre funzioni di Email Marketing, ti invitiamo a richiedere oggi stesso una prova gratuita della piattaforma: avrai 30 giorni di tempo per provare, creare, inviare e misurare i risultati.

Prova MailUp

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

MailUp Group premiata dalla Fast 500 di Deloitte, per il terzo anno consecutivo

Grazie a una crescita di fatturato media del 323%, MailUp Group -la holding di cui fa parte MailUp - si posiziona tra le società tecnologiche ...

Continua a leggere

Nuove funzioni nell’area Statistiche, per conoscere i tuoi destinatari e migliorare i risultati

Da oggi puoi scattare una fotografia dell’engagement del database e agire di conseguenza inviando campagne segmentate. Scopri questa e tutte le altre novità in piattaforma. Pochi ...

Continua a leggere

Il nostro contributo per superare le distanze

In questo momento di grande difficoltà vogliamo fare la nostra parte, offrendo soluzioni gratuite per fare rete, migliorare, formarsi. Restando a casa, ma senza restare ...

Continua a leggere

Nasce la nuova area Statistiche: un nuovo modo di analizzare e migliorare l’engagement

Ti presentiamo un sistema di reportistica completamente rinnovato. Non un semplice collettore di report, ma uno strumento attivo di analisi, con cui misurare l’andamento delle ...

Continua a leggere

Il meglio del nostro 2019

Riavvolgiamo il nastro, tra gioie e fatiche, progetti lanciati e traguardi raggiunti. Ecco la cronistoria (non esaustiva) di quello che abbiamo fatto per supportare le ...

Continua a leggere

Dalla mailing list ai segmenti: evoluzione del database e la nuova dashboard di MailUp

Una moderna strategia di Email Marketing si basa sulla diversificazione dei destinatari in base al tipo di comunicazione ai quali sono interessati. Scopriamo come funziona ...

Continua a leggere