Il canale email conoscerà un’ulteriore espansione nei prossimi anni. Restando al di qua di scenari avveniristici, vediamo le attività imprescindibili per fare Email Marketing nell’anno solare 2019.

Cos’è l’Email Marketing oggi? O meglio, quali sono i must di una strategia nel 2019?

L’Email Marketing ha troppo potenziale per limitarsi a una concezione basic (creazione e invio). Per darti un’idea, ecco qualche numero impressionante:

  • 3,7 miliardi di utenti di posta elettronica a livello globale nel 2017, con una stima di incremento fino a 4,3 miliardi per il 2022 (Statista 2018)
  • Nel 2017 sono stati inviati e ricevuti 269 miliardi di email ogni giorno. Si stima che nel 2022 aumenteranno a 333 miliardi (Statista 2018)
  • L’81% delle aziende vede l’email come il principale canale di acquisizione di clienti (Emarsys 2018)
  • Il 59% dei marketer è convinto che l’email sia il canale che porti il ​​maggior ROI (Business Wire).

L’email conoscerà dunque un’ulteriore espansione nei prossimi anni. Per questo insistiamo nel dire che, grazie a pochi e semplici accorgimenti, è possibile esplorare per intero il potenziale dell’Email Marketing.

Vediamo allora cosa e come dovrebbe essere l’Email Marketing nel 2019. Non si tratta di scenari avveniristici o utopici, ma di quelle attività che dovrebbero essere la prassi per un’azienda nell’anno solare in corso.

Cosa si intende per Email Marketing nel 2019

Prima di vedere da vicino i must have – tra strumenti e funzioni -, facciamo una panoramica sulle parole chiave per il 2019. Come detto, niente di avveniristico, ma scenari concreti di immediata applicazione per le aziende:

  • Mobile
    Nel 2018, secondo Email Client Market Share Trends di Litmus, le aperture da mobile ammontavano al 46% del totale. Per questo le email devono sempre – e diciamo sempre – essere responsive, ottimizzate per visualizzazioni da smartphone e tablet.
  • Personalizzazione e segmentazione
    L’esatto contrario di invio massivo: personalizzare e segmentare significa inviare email in linea con caratteristiche, esigenze e comportamento di ogni singolo destinatario, per dare vita a relazioni one to one, nettamente più performanti delle relazioni one to all.
  • Cross-canalità
    Si intende la capacità di un’azienda di facilitare il contatto con clienti e prospect, comunicando con differenti canali tra loro connessi. L’obiettivo? Offrire una customer journey confortevole, senza fratture.
  • Automation
    Un aspetto che si innesta con la personalizzazione e la segmentazione, dal momento che l’automation si nutre dei dati dei clienti, personalizzando la comunicazione e di conseguenza aumentando engagement, soddisfazione e fidelizzazione.
Il nuovo funnel del marketing
Il nuovo funnel del marketing
Il funnel tradizionale è lineare: i potenziali clienti entrano nella parte superiore, viaggiano fino a diventare clienti paganti. Ora il Digital Marketing ha creato più punti di contatto: i lead possono ora entrare praticamente in qualsiasi fase del funnel.
  • Artificial Intelligence
    Salesforce Research’s State of Marketing prevede che il numero di fonti dei dati passi dai 10 del 2017 ai 15 del 2019: un aumento del 50% in soli due anni. L’Intelligenza Artificiale (AI) serve proprio a questo: razionalizzare i dati e restituire alle aziende tendenze e correlazioni.
  • Data privacy
    Nel 2018, come saprai, è entrato in vigore il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). La nuova normativa porta con sé implicazioni non solo legali, ma anche strategiche, che vanno a modificare in profondità il modo di gestire i dati da parte dei brand.

Come fare Email Marketing nel 2019

Vediamo allora i requisiti fondamentali per una strategia oggi, nell’anno solare 2019.

Valorizza i dati personali e allinea il trattamento al GDPR

Nessuno può scordarsi queste quattro lettere, essendo state l’assillo di molte aziende per oltre un anno. In realtà il GDPR – il Regolamento generale sulla protezione dei dati, operativo dal 25 maggio 2018 – non è semplicemente una normativa a cui le aziende devono avvicinarsi con l’obiettivo di prevenire i rischi di sanzione: è un testo di legge da affrontare in modo propositivo, per valorizzare i dati, massimizzare il valore delle informazioni, lo sviluppo del loro potenziale.

Per avere chiaro come fare Email Marketing nel 2019 occorre conoscere gli aspetti fondamentali della materia. In una panoramica, ecco i temi imprescindibili:

  1. Cosa sono i dati personali e il trattamento
  2. I principi del trattamento
  3. La privacy by design e la privacy by default
  4. La trasparenza nel trattamento dei dati personali
  5. I diritti degli interessati
  6. Accountability e ruoli del trattamento
  7. La sicurezza e l’obbligo di notificare le violazioni
  8. L’ambito di applicazione territoriale
  9. Le sanzioni

Approfondirli qui uno per uno è pressoché impossibile. Quello che possiamo fare è consigliarti il corso online Dati personali: istruzioni per l’uso, a cura dell’Avvocato Marco Maglio, che toccherà tutti i gli aspetti pratici che ogni azienda deve fare propri per essere 100% GDPR compliant e per valorizzare i dati personali di clienti e prospect.

Guarda il corso online sul GDPR

Crea customer journey personalizzate

Nel capitolo precedente accennavamo alla capacità dell’intelligenza artificiale di razionalizzare i dati per restituire tendenze e strategie. Servirsi dell’AI non è utopia, è qualcosa a portata di mano di tutte le aziende.

Una parola che forse può fare meno paura è Marketing Predittivo, cioè un insieme di strategie di marketing che, grazie alla raccolta di dati e informazioni sul comportamento e le abitudini dei clienti, consente alle aziende di anticipare e prevedere le loro esigenze future. Il che si traduce in customer journey personalizzate e di alto rendimento, con incrementi di fatturato che vanno dal 10 al 15%.

Per fare Marketing Predittivo basta affidarsi a un’integrazione come quella tra MailUp e Datatrics, che non richiede specifiche competenze tecniche o statistiche. L’integrazione aggrega i dati di fonti interne (CRM, Email, Social Network, E-commerce, Web Analytics, etc.) ed esterne (dati demografici, condizioni meteorologiche, intensità del traffico, etc.) con cui costruire profili di clienti a 360 gradi.

Grazie all’algoritmo di Intelligenza di Datatrics è possibile prevedere gli interessi dei clienti che interagiscono con il sito internet, le email e le campagne su Google, Facebook, Display Adv e altri canali, in modo da creare customer journey dedicate e stimolare l’acquisto.

Marketing Predittivo

Coltiva il contatto automatizzando le attività di nurturing

I lead possono diventare freddi se raggiunti ​​con un piano di invii aggressivo. Il consiglio è di non spingere sempre sul pedale della vendita, ma cadenzare le tue email con contenuti di utilità per la tua audience.

Ad esempio, puoi inviare newsletter periodiche contenenti post del blog o l’ultimo ebook. Insomma, utilizza l’Email Marketing anche come canale per costruire relazioni solide.

Gli strumenti fondamentali in questo caso sono i moduli personalizzati, con cui puoi creare email e newsletter in pochi clic, semplicemente:

  • Richiamando il contenuto esterno da una sorgente
  • Inserendolo nel corpo del messaggio
  • Rifinendo nel dettaglio il layout.

Ecco un esempio di email che può essere creata, in automatico, con i moduli di personalizzazione:

In questo modo le aziende possono utilizzare l’email per fare nurturing, coltivare il rapporto, riducendo al minimo l’investimento di tempo.

Crea target sempre più segmentati

Cosa vuol dire segmentazione? Perché dovresti scomporre il tuo database in cluster ristretti? Per aumentare la rilevanza delle tue email, che – te l’assicuriamo – condurrà a un miglioramento delle principali metriche: tassi di apertura, di clic e conversione.

Anche in questo caso, non vi è nulla di complesso o che richieda competenze particolari. Lo strumento chiave è il filtro, con cui è possibile individuare – all’interno di un database anche molto esteso – la più ristretta nicchia di destinatari per cui la campagna è di sicura rilevanza.

Il filtro si imposta scegliendo tra una varietà di condizioni, a loro volta configurabili sulla base dei dati, delle informazioni sui destinatari presenti nel database. I filtri sono di quattro tipi: anagrafico, per attività, geografico, per dispositivo.

Scopri nel dettaglio come funzionano i filtri

Personalizza le email con il contenuto giusto per ciascun destinatario

Contigua all’attività di segmentazione è quella di personalizzazione. Cosa si intende di preciso con personalizzazione? La possibilità di inviare email che si compongono automaticamente con i contenuti più in linea per ciascun destinatario.

Per farlo sono due i tool a disposizione delle aziende:

  • Visualizzazione condizionale
    Consente di applicare regole di visualizzazione a righe e intere parti dell’email, che verranno riempite automaticamente con i contenuti più adatti a ciascun destinatario. In pratica Visualizzazione condizionale permette di recapitare email con immagini e testi in linea con caratteristiche, preferenze ed esigenze di ogni singolo destinatario. Ecco un esempio di email, che differenzia i contenuti automaticamente in base al fatto che il destinatario sia donna o uomo:
Un'email con applicata Visualizzazione condizionale
  • Motore di personalizzazione
    E se invece volessi inviare comunicazioni ai tuoi destinatari con contenuti sempre aggiornati e personalizzati, senza doverli recuperare manualmente dal sito o dal blog? In questo caso la funzione fondamentale è il Motore di personalizzazione, che consente – tramite l’utilizzo del linguaggio di markup Liquid – la creazione di email con contenuti recuperati in real-time da un sito o da una pagina esterna (come ad esempio un sito o un blog o un negozio online) e personalizzabili per ciascun destinatario.

Visualizzazione condizionale e Motore di personalizzazione sono entrambe disponibili nella piattaforma MailUp, ma attivabili su richiesta.

Punta sui contenuti interattivi e animati

Il mondo dei contenuti animati e interattivi nell’email è insospettabilmente ampio. Alla base c’è il concetto di gamification, cioè aggiungere all’email degli elementi ludici che spingono il destinatario all’azione.

Tutto quello su cui si può cliccare aumenta l’interesse del destinatario. Ecco un bell’esempio:

Per esplorare invece il fenomeno dei contenuti animati ti consigliamo l’ebook Le email prendono vita: animazioni ed elementi dinamici, un percorso di apprendimento tra quegli elementi in grado di dare un impulso dinamico alle email, incrementando aperture e conversioni.

Scarica l'ebook "Animazioni nelle email"

Come inviare Email Marketing nel 2019

In Email Marketing tutto quello che ha a che fare con l’invio rientra sotto l’etichetta di Deliverability, cioè la capacità delle email di raggiungere la casella di posta in arrivo dei destinatari.

Sembra qualcosa di scontato ma non lo è: anche un solo punto percentuale in più nel tasso di recapito consente di migliorare i risultati della campagna. Questo perché dalla deliverability dipendono, a scalare, tutte le altre metriche di Email Marketing:

⬇️ Tasso di recapito
⬇️ Tasso di aperture
⬇️ Tasso di clic
🎯 Tasso di conversione

Per ottenere il miglior tasso di deliverability le strade sono due:

  1. Affidarsi a una piattaforma di invio che rispetta tutti gli standard di deliverability
  2. Affidarsi al un team di specialisti, grazie a un’ampia gamma di configurazioni avanzate e consulenze su misura.

È tutto. Nella speranza di essere stati utili, l’invito è a metterti alla prova allineandoti a come noi, qui a MailUp, vediamo l’Email Marketing nel 2019: puoi farlo richiedendo da ora una prova gratuita della piattaforma di 30 giorni. Buon Email Marketing!

Prova MailUp

Note

(1) Il regolamento generale sulla protezione dei dati, meglio noto con la sigla GDPR, è un regolamento dell’Unione europea in materia di trattamento dei dati personali e di privacy, operativo a partire dal 25 maggio 2018. Con il GDPR la Commissione europea si propone come obiettivi quello di rafforzare la protezione dei dati personali di cittadini dell’Unione europea e dei residenti nell’Unione europea, sia all’interno che all’esterno dei confini dell’Unione europea (UE), restituendo ai cittadini il controllo dei propri dati personali, semplificando il contesto normativo che riguarda gli affari internazionali, unificando e rendendo omogenea la normativa privacy dentro l’UE. Torna su

(2) Con Customer Journey si intende l’itinerario che il cliente percorre quando instaura una relazione con un’azienda nel tempo e nei diversi punti di contatto (touchpoint), siano essi offline che online. Torna su

(3) Con Deliverability si intentende la capacità delle email di raggiungere la casella di posta in arrivo dei destinatari, senza essere ostacolata da filtri e blocchi impostati da provider, sistemi antispam e singoli utenti. Torna su

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Halloween awards: le migliori 6 campagne da cui trarre ispirazione

Abbiamo selezionato le email che brillano per efficacia e creatività declinata alla festa del 31 ottobre: una medaglia per ogni elemento della campagna, dall’oggetto all’immagine, ...

Continua a leggere

Quanto costa una campagna di Email Marketing?

Tra costi-tecnologia e costi-uomo, cerchiamo di capire quanto costa una campagna di Email Marketing e, se è vero quanto si dice, che è il canale ...

Continua a leggere

Email Marketing Automation: che cos’è e tutte le funzioni per farlo

Scopriamo in cosa consiste la Marketing Automation applicata al canale email, i vantaggi che porta alle aziende e le funzioni che consentono di convertire le ...

Continua a leggere

Email Marketing Manager: chi è e cosa fa

Scopriamo le skill e alcuni dati interessanti su questo profilo strategico per le aziende, tracciando insieme un’ideale job description, tra requisiti necessari e competenze per ...

Continua a leggere

Retention Email Marketing: 7 tecniche per abbattere il churn rate

La retention non è una strategia da impugnare solo all’accensione della spia “churn rate”, ma un’attività da condurre con continuità: ecco 7 campagne email con ...

Continua a leggere

L’ambiente sempre più al centro: +32% le campagne a tema “green“

Nel nostro ultimo studio abbiamo analizzato la ricorrenza delle tematiche ambientali nei messaggi inviati tra 2018 e 2019. Cosa è emerso? Un’attenzione in costante crescita ...

Continua a leggere