Abbiamo selezionato le email che brillano per efficacia e creatività declinata alla festa del 31 ottobre: una medaglia per ogni elemento della campagna, dall’oggetto all’immagine, fino all’animazione.

Email e Halloween sono una combo dal grande potenziale. Se le risorse del canale email le conosciamo bene, ancora molte aziende sono diffidenti sulle opportunità aperte dalla festa dei morti.

Magari il giro di affari non può essere paragonato a ricorrenze più centrali come il Natale, eppure Halloween vede i volumi di spesa aumentare di anno in anno, rappresentando un picco per i mesi autunnali.

» Nel 2017 sette milioni e mezzo di italiani sono stati presi dal delirio Halloween
» Il Codacons stimava per il 2018 una spesa superiore ai 300 milioni di euro
» In Italia la spesa media per persona coinvolta nelle celebrazioni di Ognissanti è di 26 euro (fonte: ricerca Confesercenti in collaborazione con SWG)
» Il 68% degli adulti prevede di festeggiare Halloween
» 36 milioni di bambini prendono parte alle celebrazioni di Halloween solo negli Stati Uniti ogni anno

È chiaro come Halloween sia un’opportunità da cogliere, in un contesto – quello dell’Email Marketing – che è diventato un vero e proprio terreno di competizione creativa.

Da qualche anno atterrano nelle nostre inbox email che sono piccoli gioielli di creatività, alternandosi ad altre più convenzionali nel giocare con zucche, cimiteri, zombie e pleniluni.

In questo post abbiamo voluto mettere insieme i migliori esemplari di campagne di Halloween, assegnando un premio, una medaglia, per ogni categoria, corrispondente a un diverso livello ed elemento di un’email: grafica, oggetto, call to action e altro ancora. L’obiettivo? Offrirti alcuni spunti di creatività e composizione a cui ispirare le tue campagne per Halloween, ormai dietro l’angolo.

🥇 Call to action

Partiamo dalla personalizzazione di un elemento solo apparentemente impossibile da allineare ad Halloween: la call to action. Come intonarla a zombie e streghe? C’è chi ci è riuscito, con un guizzo creativo: Noun Project, che vince a mani basse, incastonando nell’email un semplice quanto efficacissimo BOO!.

Non è una novità giocare con la call to action: molti brand lo fanno, con l’obiettivo di andare oltre il semplice invito all’azione e innescare una dinamica giocosa con il destinatario.

Tra un comando, un ordine (clicca qui) e un po’ di ironia (BOO!) c’è di mezzo il mare, un approccio, una relazione tra brand e cliente radicalmente diversa e molto più efficace.

🥇 GIF animata

L’inserimento di un’animazione nell’email rappresenta un vero tratto distintivo: le animazioni donano alle campagne un grado di rilevanza, di impatto visivo superiore a qualsiasi altra creatività statica.

Halloween, così come le altre ricorrenze dell’anno, sono i momenti giusti per sperimentare un nuovo approccio, più dinamico, con le email. I risultati possono essere buoni, meno buoni, oppure straordinari, come il seguente:

La GIF è opera di Tattly, che per lo scorso Halloween ha realizzato una campagna apprezzabile per diversi aspetti: la GIF ovviamente, ma anche la combinazione cromatica complessiva (i colori pastello che rimandano ai disegni dei bambini), la scelta delle immagini e i copy intonati all’occasione. Ecco l’email:

🥇 Foto stock

Perché mai un premio alla stock foto? Perché sapersi arrangiare con poche risorse è un grande merito.

Sei con l’acqua alla gola e devi assemblare un’email di Halloween a stretto giro di posta? Attingerai sicuramente da uno dei tanti motori di ricerca di immagini gratuite. E anche qui, saper scegliere bene non è cosa scontata.

Peet’s Coffee, a nostro parere, vince la medaglia stock photo, premio umile ma non meno importante (probabilmente per la stragrande maggioranza delle aziende):

Peet sceglie una foto che gioca con un motivo ultraconvenzionale di Halloween, la zucca, ma attraverso un’immagine realistica, che rimanda al cinema e che si abbina perfettamente alle immagini dei prodotti e al copy: tutto è giocato sul calore e il conforto di caffè e biscotti, dolci ripari dall’inverno e da fantasmi vari ed eventuali. Una foto gratuita, pescata magari in pochi secondi, ma che – oltre a fare il proprio lavoro – valorizza la comunicazione.

Piccolo suggerimento: quando hai bisogno di un’immagine gratuita per la tua email, ricorda che nell’editor BEE integrato a MailUp trovi uno strumento di ricerca con cui puoi trovare foto gratuite con un paio di clic, attingendo da Unsplash, Pexels e Pixaboy. Puoi persino personalizzarli secondo le tue necessità.

🥇 Oggetto

L’e-commerce di arredamento Buru-Buru cavalca un altro tema ben presente nell’immaginario di Halloween: la famiglia Addams. Morticia fa la parte dell’influencer che seleziona per la sua audience un ventaglio di offerte speciali.

Tutto è intonato all’estetica macabra degli Addams, in una scala di colori che vanno dal nero al grigio al viola.

Un’ottima campagna, ma che noi abbiamo voluto premiare per l’oggetto, che recita così:

“Nella casa della Famiglia Addams: il fascino noir e le scelte home decor per la notte di Halloween”

Questo oggetto innesca una dinamica scherzosa e ironica nella inbox, quando il destinatario non ha ancora aperto l’email: un mascheramento dell’email completo, organico, a partire dall’oggetto, e che rafforza l’efficacia complessiva della campagna.

🥇 Combo grafica-immagini realistiche

Di cosa parliamo? Di una tendenza di Email Design che sta prendendo sempre più piede. Come abbiamo scritto in questo recente post, illustrazioni e computer grafica catturano l’attenzione, spingono l’osservatore a soffermarsi, come davanti a un quadro. Ma alle illustrazioni vediamo affiancate sempre più spesso immagini realistiche, fotografiche.

Si tratta di una combo dal grande potenziale, e a cui abbiamo voluto dedicare una categoria dei nostri prestigiosissimi award. Ecco l’email che ha vinto la medaglia nella triangolazione immagini-computer grafica-Halloween:

Ecco perché ci piace questa email:

  • Il design è pulito, a colonna singola, modulare
  • Il copy è semplice, chiaro, stringato, distribuito su più piani di lettura
  • La call to action è bulletproof e di un colore che valorizza immagine e sfondo
  • Lo sfondo HTML si abbina perfettamente all’immagine
  • Infine l’immagine, che accavalla grafica e fotografia, insinuando in maniera sottile e ironica il motivo dei morti.

🥇 Strategia

Chiudiamo con un award più ampio, che non ha il focus su un aspetto in particolare dell’email, ma guarda alla campagna nel suo complesso: dall’idea all’obiettivo, fino alla realizzazione concreta.

A vincerlo è un’email di Yoox, che ha creato un vero e proprio evento online legato alla notte di Halloween. Si tratta di una drip campaign attivata una settimana prima del 31 ottobre, per comunicare una serie di sconti speciali. Con quale espediente grafico? Un tappeto rosso che gioca tra senso di esclusività e delitto premeditato, tra inquietudine ed evento glam. 

Per concludere

Halloween è senza dubbio un’ottima occasione per coltivare la relazione con i propri destinatari, giocando su temi scherzosi, ricchi di spunti creativi e leggeri.

Chiudiamo con un consiglio di ordine pratico: quello di richiedere una prova della piattaforma MailUp, se ancora non avessi provato il nostro editor BEE: ti accorgerai di quanto è semplice e al tempo stesso potente questo tool di Email Design. Halloween è un’ottima occasione per metterlo alla prova.

Prova MailUp

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Quali sono i vantaggi di una campagna di Email Marketing?

Nero su bianco, con il massimo dell’oggettività possibile, abbiamo individuato i vantaggi offerti alle aziende da una strategia di Email Marketing. Se stai leggendo questo post, ...

Continua a leggere

Database Building: i 5 comandamenti per i form di iscrizione

Per convertire gli utenti in nuovi destinatari non basta il semplice “rimaniamo in contatto”. Ecco 5 principi guida per la creazione del tuo form: dalla ...

Continua a leggere

Come massimizzare la deliverability delle email in vista di Natale e dei picchi stagionali

Non manca molto alle convulse settimane di dicembre. Vediamo alcuni accorgimenti per ottimizzare il recapito e non disperdere nemmeno un potenziale acquisto. Non è ancora tempo ...

Continua a leggere

Email & HTML: il nuovo ebook con i 10 errori da non commettere

Nell’ultima uscita della nostra collana abbiamo tracciato gli errori da matita rossa nella creazione dell’email: da quelli strettamente connessi al codice HTML a quelli sul ...

Continua a leggere

Direct Email Marketing: cos’è e alcuni esempi

Facciamo chiarezza su questa tipologia di email dal taglio spiccatamente commerciale, capendo come lanciarla grazie a un set di esempi da cui trarre ispirazione. L’email è ...

Continua a leggere

Quanto costa una campagna di Email Marketing?

Tra costi-tecnologia e costi-uomo, cerchiamo di capire quanto costa una campagna di Email Marketing e, se è vero quanto si dice, che è il canale ...

Continua a leggere