8 min.

Per ottenere più iscritti alla tua newsletter in poco tempo, segui la strategia spiegata passo passo in questo articolo.

In questo post voglio mostrarti una strategia funzionale che puoi implementare in tempi rapidi per ottenere più iscritti alla tua newsletter.

Infatti, ho seguito e raffinato questo processo negli anni per ottenere 35.000 iscritti ad una delle mie newsletter.

Quindi se vuoi capire come migliorare le conversioni dal tuo sito ed ottenere iscritti che ameranno ricevere la tua newsletter, questa guida passo passo fa per te.

Buona lettura!

1. Offri una ragione forte per iscriversi alla tua newsletter

Quante volte hai visto un form di iscrizione simile a questo?

E quante volte ti sei iscritto ad una newsletter con un form così?

Gran poche, suppongo…

Il problema con questi form generici è che non offrono nessun vero incentivo all’iscrizione.

Se non diamo nulla in cambio, l’utente non ci premierà con il suo indirizzo email e, soprattutto, con il permesso di contattarlo.

Il primo passo per ottenere iscritti alla tua newsletter è quindi il seguente: devi offrire una ragione forte per l’iscrizione.

Il 42,3% degli statunitensi si iscrive ad una newsletter (fonte: Fluent) per ottenere sconti ed offerte, ma come vedrai in questo articolo, offrire un prodotto a prezzo più basso non è l’unica strategia da usare, soprattutto quando non vuoi ridurre il tuo margine solo per creare un database di indirizzi email!

In alternativa, potresti offrire info-prodotti che risolvono i problemi dei tuoi potenziali clienti.

Ad esempio, puoi fornire una guida esclusiva per gli iscritti alla tua newsletter, come l’ebook presente su Nomadi Digitali:

In alternativa puoi offrire un caso di studio che racconti come la tua azienda ha risolto uno specifico problema di un cliente:

Potresti anche offrire un mini corso gratuito inviato via email nell’arco di un paio di settimane, come fa Double Your Freelancing:

La tua offerta varierà a seconda di quello che vendi, ma prova a pensare:

Cosa potrebbe essere interessante regalare ai miei potenziali clienti?

Non deve essere nulla di complicato, ad esempio io offro la versione pdf di uno dei miei articoli:

Qualsiasi sia la tua offerta, che sia un file pdf o una serie di email, ti consiglio di investire un po’ di tempo per renderla più professionale possibile dal punto di vista visivo.

Ovviamente potresti offrire un semplice file doc senza alcun tipo di stile, ma in questi casi l’abito fa il monaco.

Una presentazione con una bella grafica ed immagini ad alta qualità fa la differenza, quindi se non sei un designer esperto ti consiglio di farti aiutare da un professionista per rendere il tuo info-prodotto più professionale.

Quando la tua risorsa è pronta, puoi passare al punto due!

2. Scopri quali sono i contenuti migliori del tuo blog (o creane di nuovi)

Quello che andremo a fare è semplice: useremo i contenuti del tuo blog per generare iscritti alla tua newsletter!

Il bello di questa strategia è che è replicabile: ogni volta che crei nuovi contenuti, puoi ottenere nuovi iscritti.

Se non hai ancora creato contenuti sul tuo sito, devi definire una content strategy funzionale che ti permetta di capire cosa scrivere sul tuo blog e portare traffico al tuo sito. Si divide in cinque fasi:

Ma se hai già pubblicato contenuti in passato, sei avvantaggiato.

Faremo infatti leva sulle pagine che ti stanno portando più traffico per generare più iscritti.

Come prima cosa apri Google Analytics e clicca su Comportamento → Contenuti del sito → Tutte le pagine:

In questa pagina, vedrai una lista delle pagine del tuo sito che stanno generando più traffico.

Prendi nota degli articoli più popolari.

Come vedi dallo screenshot qui sopra, la pagina più visitata di uno dei miei siti è un articolo sulla pubblicità video.

Ho quindi deciso di offrire del materiale da scaricare direttamente dentro il mio articolo:

Questo singolo box azzurro sta generando un centinaio di iscritti alla mia newsletter ogni mese!

Come vedi, tu puoi fare altrettanto se includi un form di iscrizione nelle pagine migliori del tuo sito.

Ricapitolando:

Nello step uno di questo articolo, hai definito la tua offerta.

Nello step due, hai analizzato quali pagine portano più traffico al tuo sito.

E nel prossimo step vedremo come massimizzare le conversioni dalle migliori pagine del tuo sito.

3. Ottimizza i tuoi post per massimizzare gli iscritti alla tua newsletter

Sebbene ci siano diverse tecniche per aiutare le conversioni dei visitatori del tuo sito, ci concentreremo su alcune strategie veloci e pratiche che puoi implementare subito.

Ovviamente ci sono molteplici tecniche di ottimizzazione dei tuoi form.

Potresti fare un A/B test con testi differenti, o testare colore e grandezza dei font, le immagini di sfondo, ecc…

Ma tutto questo perde leggermente di importanza se hai un materiale interessante ed utile da offrire in cambio per l’iscrizione alla newsletter (abbiamo definito il materiale al punto 1 di questo articolo).

Detto questo, ecco le tre posizioni in cui devi posizionare il tuo form all’interno del tuo articolo per massimizzare le iscrizioni alla tua mailing list.

Prima posizione: dopo l’introduzione del tuo articolo

La prima posizione è quasi in cima alla pagina.

Dopo aver introdotto il tuo articolo e spiegato perchè è importante grazie all’introduzione, puoi aggiungere il tuo primo form per l’iscrizione alla newsletter.

Ecco come ho fatto io per uno dei miei siti:

Come vedi, c’è una netta divisione tra l’introduzione e l’indice: il box di iscrizione alla newsletter è ben visibile nel mezzo.

Posizione due: dopo la conclusione

Alla fine dell’articolo puoi includere un altro form. E’ utile per tutte quelle persone che hanno letto il tuo articolo fino alla fine e vogliono saperne di più.

Ecco un articolo scritto per un mio cliente di San Francisco:

Subito dopo la conclusione, c’è un’immagine. Cliccandola, si aprirà il form per l’iscrizione alla newsletter.

Posizione tre: in un popup

Argomento spinoso: i popup.

So che molti li trovano fastidiosi, io incluso!

Quello che mi disturba è vedere un popup già aperto quando entro in un sito che non conosco, mi sembra stia urlando “Iscriviti!!!”.

Di conseguenza consiglio di creare dei popup che si aprano solo quando il visitatore sta per lasciare il tuo sito (in inglese, “exit intent”), o di impostare il tuo popup con un ritardo nell’apertura di almeno 20 o 30 secondi.

Questo sistema è più elegante, e non annoia i visitatori del tuo sito.

Se usi MailUp, ti basterà andare su “Iscrizioni” e selezionare “Form di Iscrizione Popup” per creare un form con ritardo nell’apertura.

Oppure se preferisci utilizzare programmi esterni per creare il popup, ce ne sono diversi che puoi testare.

Consiglio Sumo o Optinmonster, giusto per citarne un paio di famosi e funzionali.

Qui di seguito, puoi vedere in azione un popup di Optinmonster, che si è aperto solo quando ho spostato il mouse fuori dalla finestra che contiene il sito, visto che volevo chiudere la pagina.

Ricapitolando, queste sono le tre posizioni che fanno in modo di visualizzare la tua offerta a più persone possibili:

Come inviare la tua email

Una nota finale riguardante l’invio della tua offerta.

Personalmente, non credo ci sia bisogno di creare automazioni complicate.

Visto che hai definito una offerta funzionale, puoi semplicemente includerla nella email di benvenuto che viene inviata subito dopo l’iscrizione alla tua newsletter.

Se sei un utente MailUp, per modificare la tua email di benvenuto ti basterà andare su “Iscrizioni” e cliccare su “Email di benvenuto”.

4 (Bonus) – Ottieni più iscritti da altre pagine del tuo sito

Questo step finale è opzionale, ma se vuoi massimizzare gli iscritti alla tua newsletter ti consiglio di leggerlo!

Infatti andremo ad includere il tuo form in altre pagine che ti permetteranno di acquisire ulteriori iscritti.

Includi un form di iscrizione nella tua About page

Nella maggior parte dei siti, la pagina “chi siamo” è una delle più visitate. Quindi puoi includere un form per iscriversi alla tua newsletter direttamente da questa pagina.

Dopotutto, se qualcuno vuole capire chi sei, quale modo per farlo se non tramite l’iscrizione alla tua newsletter?

Io ho incluso un form di iscrizione a metà della mia pagina “Chi sono”:

Includi un form nella home del tuo blog

I visitatori che arrivano alla pagina /blog del tuo sito stanno probabilmente cercando qualche altro contenuto da leggere.

La homepage del tuo blog è quindi perfetta per ospitare un form di iscrizione alla tua newsletter!

Ecco come ho incluso il form di iscrizione nella home del mio blog.

In conclusione

Spero questa guida ti sia piaciuta, e soprattutto che ti sia utile per ottenere più iscritti alla tua newsletter, se possibile fin da oggi!

Come hai visto, ci sono quattro semplici passaggi:

  1. Offri una ragione per invitare i visitatori ad iscriversi;
  2. Individua i contenuti migliori del tuo blog (o creane di nuovi);
  3. Ottimizza i tuoi post per includere i form di iscrizione alla newsletter;
  4. Ottimizza altre pagine del tuo sito.

Questo è il metodo più funzionale per ottenere più iscritti alla tua newsletter.

Fanne buon uso!

Se sei arrivato fin qui, potrebbe interessarti anche:

Cos’è la customer data quality: perché l’efficacia di una strategia passa dall’affidabilità dei dati
Disiscrizione dei destinatari: le 6 fondamentali best practice
I lead magnet: cosa sono, come sono fatti e alcuni tool necessari
Come creare il flusso di onboarding per il canale email: dall’iscrizione al benvenuto
La gestione dei disiscritti: come creare il tuo flusso con Database Building

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Cos’è la customer data quality: perché l’efficacia di una strategia passa dall’affidabilità dei dati

Inviare non basta. A fare la differenza è la qualità del dato e l’uso che se ne fa. Ti spieghiamo in cosa consiste la customer ...

Continua a leggere

Infografica Email Marketing 2020: tutti i dati e i trend da conoscere

Dall’Osservatorio Statistico 2020 abbiamo ricavato i numeri, le perfomance e gli andamenti fondamentali, facilmente consultabili in un’infografica da scaricare e condividere. Se ti fossi perso l’edizione ...

Continua a leggere

Cresce il phishing nelle settimane dell’emergenza: best practice e autenticazioni per difendersi

Perché aumentano i tentativi di abuso? Perché i destinatari sono più vulnerabili. Vediamo gli accorgimenti che le aziende possono prendere e i vantaggi dei sistemi ...

Continua a leggere

12 esempi di email transazionali per aumentare vendite e retention

Per incrementare valore e fidelizzazione dei clienti, inizia ottimizzando le aree che già prevedono un certo grado di engagement. Le email transazionali, ad esempio. Secondo Epsilon, ...

Continua a leggere

Marketing Automation: 5 luoghi comuni su cui è meglio riflettere

Fa risparmiare tempo; risolve i problemi dei team marketing; si applica solo al canale email; e così via. Facciamo chiarezza su cinque grandi banalizzazioni attorno ...

Continua a leggere

Email Blacklist: breve guida per capire cos’è e come starne alla larga

Dalle spam trap alle segnalazioni dei tuoi stessi contatti. Facciamo luce tra i luoghi oscuri delle liste nere e vediamo quali azioni e strumenti ti ...

Continua a leggere