7 min.

Ammettiamolo: è una gran seccatura aprire la nostra casella di posta elettronica e trovarla piena di migliaia di pubblicità indesiderate! Infatti, la maggior parte delle persone probabilmente ne aprirà solo un paio all’apparenza interessanti prima di cestinare le altre (e ancora meno saranno quelle lette per intero!)

Non fraintendetemi, le campagne email rimangono uno dei più potenti strumenti di marketing in assoluto, in grado di raggiungere direttamente i clienti e di sfruttare il comportamento dei dati.

Tuttavia, con l’avvento dei social media e l’aumento della velocità di connessione, i contenuti composti da solo testo stanno diventando rapidamente obsoleti, soprattutto in ambito marketing.

Hanno perso il loro fascino nel frenetico mondo di oggi, semplicemente.

Ma cosa si può fare? Chiedi a qualsiasi agenzia video degna di questo nome e ti diranno che la risposta sta nel combinare l’efficacia e la portata delle email con l’appeal e il livello di coinvolgimento dei contenuti video.

Ma invece di prendere questi consigli come oro colato, penso che sia utile dare un’occhiata più da vicino e capire perché si tratta di una combinazione estremamente efficace a livello di marketing.

Che ne dici?

Quindi… perché i video?

I clienti che stai cercando di attirare non hanno né il tempo né la voglia di leggere tutta la tiritera di marketing ogni volta che aprono la loro casella di posta. Non come facevano una volta, almeno.

A peggiorare le cose, non devono occuparsi solo della tua email!

Le loro caselle di posta sono invase da ogni tipo di pubblicità, newsletter e proposte all’apparenza legittime che nascondono truffe alla nigeriana! La tua campagna deve fare i conti con tutto questo per attirare l’attenzione degli utenti.

E anche se/quando aprono la tua email, il suo contenuto deve rimanere impresso per distinguersi dalle decine di altre che vengono aperte.

In questo contesto, è abbastanza chiaro che la maggior parte delle campagne email può trarre vantaggio dai metodi per distinguersi dalla massa e lasciare un’impressione duratura sul loro pubblico di destinazione: nulla riesce a ottenere risultati migliori rispetto ai contenuti video.

In effetti, la combinazione è così efficace che la maggior parte dei responsabili marketing di tutto il mondo la considera come uno dei migliori ROI disponibili sul mercato, con alcuni studi che registrano incrementi fino al 73%

Inoltre, secondo MarTech Advisor, il solo utilizzo di video nelle email può aumentare il click-through rate fino a un sorprendente 300% e la sola aggiunta della parolaVideo” all’oggetto di un’email può aumentare la percentuale di apertura del 20% circa.

Ora, al di là delle statistiche e dei numeri, video di marketing ben fatti, come animazioni whiteboard e testimonianze, possono fare molto per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.

Sono in grado infatti di rendere le interazioni tra i tuoi potenziali clienti e il tuo marchio più efficienti, efficaci e coinvolgenti.

Come realizzare una perfetta campagna di marketing  email con video

Come qualsiasi altro strumento di marketing, è opportuno utilizzare con intelligenza i video nelle email per ottenere il massimo vantaggio.

Quindi, prima di lanciarti direttamente in una campagna di email con video e capirlo mentre procedi, ci sono alcuni aspetti che dovresti tenere a mente fin dall’inizio.

Usa un’immagine in miniatura

Sarebbe più semplice inserire un video incorporato nell’email, giusto? Il problema è che, a seconda del dispositivo, non tutti i provider di posta elettronica lo consentono. Gmail, il principale fornitore di servizi di posta elettronica, è uno di loro.

Quindi, usando una miniatura attraente, rimandando alla fonte del video e imitando un lettore video, spingerai automaticamente gli utenti a fare clic e a guardare il tuo video.

È anche strategicamente conveniente: se indirizzi gli utenti a guardarlo sul tuo sito Web, puoi raccogliere dati utili sul comportamento degli utenti. Che si tratti di verificare quanti secondi di video hanno visto o se lo hanno condiviso, troverai informazioni utili per le campagne future.

Puoi anche usare GIF e Cinegraph come miniature per renderlo più attraente. Dai alla tua email un aspetto più giocoso e accattivante.

Breve e conciso

Per mantenere il cliente interessato e trasmettere interamente il tuo messaggio, i video di marketing devono trasmettere un concetto chiaro nel modo più semplice e diretto possibile.

Come regola generale, due minuti o meno dovrebbero essere più che sufficienti per coprire interi argomenti senza perdere il coinvolgimento dello spettatore.

Aggiungi alcune righe

Solo perché video ed email stanno bene insieme non significa che devi lasciare il tuo video lì senza alcun contesto!

Il mio consiglio è quello di scrivere qualche riga nell’email per accompagnare il video. In questo modo, non sembrerà spam e darà ai clienti un’anteprima di ciò che stanno per guardare.

È essenziale che questo breve testo esprima un messaggio completo, nel caso in cui il cliente apra l’email ma non riproduca il video, aumentando le prestazioni della campagna in entrambi i casi.

La controversia della riproduzione automatica

La modalità di riproduzione automatica potrebbe essere una spiacevole sorpresa per alcuni, ma in verità è ciò che gli utenti si aspettano quando fanno clic su un CTA per essere indirizzati alla pagina.

Qualcosa di semplice come dover fare clic due volte potrebbe essere frustrante e potrebbe potenzialmente portare all’abbandono da parte di alcuni utenti. Una possibile via di mezzo è abilitare la riproduzione automatica ma senza audio per evitare di essere invasivi.

Test A/B sistematico

Il feedback è sempre ben accetto in qualsiasi campagna di marketing. Ogni caso è diverso, così come ogni pubblico, quindi ti consiglio di misurare, analizzare e provare costantemente diverse alternative su scale più piccole per scoprire cosa funziona meglio prima di lanciare ufficialmente la tua strategia: tutto questo prende il nome di test A/B!

Invito all’azione

Indipendentemente dalla fase del percorso dell’acquirente, la tua campagna è mirata, punti a far sì che il tuo video li stimoli ad agire con un invito all’azione, indirizzandoli ulteriormente nel tuo funnel.

Nell’email marketing con video, i CTA possono comportare la visita del sito del marchio, la condivisione dei contenuti sui social media o persino l’acquisto di un prodotto online. Viene spesso incluso alla fine del video, ma può anche trovarsi in qualche forma nel corpo dell’email.

Per quanto riguarda la creazione di CTA efficaci per la tua campagna, puoi prendere una pagina dal playbook di Neil Patel, in cui spiega che i CTA devono riflettere i vantaggi per il cliente affinché gli effetti possano essere ottimizzati. Ciò significa che frasi come “Acquista ora” o “Scegli i nostri servizi” hanno una finalità di lucro troppo esplicita e pertanto non sono così coinvolgenti come, ad esempio, “Fai crescere la tua attività“.

Inoltre, Patel suggerisce di generare un senso di fretta quando incoraggi i clienti ad agire. Includere parole come “oggi” e “ora” può accelerare il loro processo decisionale, a beneficio degli effetti della campagna.

Prenditi il tuo tempo e personalizza il CTA che impiegherai sia sul tuo video che sul testo della tua email: non te ne pentirai!

Non scendere a compromessi sulla qualità

I contenuti video possono dare nuova vita alle campagne email: i suoi effetti positivi sono numerosi. Se vuoi godere di tutti i vantaggi, devi fare un bel lavoro.

Un video di bassa qualità molto probabilmente farà passare un messaggio sbagliato sul tuo marchio e le interazioni con potenziali clienti inizieranno nel modo sbagliato. In questi casi, qualcosa che doveva farti risparmiare denaro finisce per avere l’effetto contrario, con conseguente spreco di risorse e impegno nella campagna!

Ancor più che se non avessi risparmiato nel reparto qualità.

Quando si parla di video marketing, la presentazione e la finitura di qualità sono fondamentali, quindi trova un’agenzia qualificata che può creare il video di cui hai bisogno con un budget che puoi gestire, ma non pensare di riuscire a cavartela con prodotti scadenti. I clienti lo sanno bene.

Diversi tipi di video per diversi tipi di clienti

Una delle aree in cui l’email marketing con video eccelle è quella dell’aumento del coinvolgimento dei clienti. È proprio questo aspetto che lo ha reso una strategia di riferimento quando i marchi vogliono favorire la consapevolezza, le conversioni e il coinvolgimento globale.

Detto questo, come indicato prima, ogni campagna ha un pubblico diverso. Quindi, il tipo di video “ideale” dipende non solo dal tuo pubblico target ma dalla fase del percorso in cui si trova l’acquirente.

Se stai cercando di attirare nuovi potenziali clienti e vuoi aumentare la notorietà del marchio, gli annunci commerciali e le serie animate possono fare al caso tuo.

Poiché i video possono coinvolgere il pubblico e offrire sottili sfumature come nessun altro tipo di contenuto è in grado di raggiungere, è per te l’opportunità perfetta per costruire l’identità del marchio, lasciando un’impressione duratura su chi guarda.

Se stai cercando di far progredire un pubblico che è in fase di valutazione, i video esplicativi possono essere proprio lo strumento che serve alla tua campagna. Se, d’altro canto, ti concentri su quest’ultima fase e devi promuovere la fiducia dei consumatori, un video di testimonianze e storie aziendali può fare molto.

Infine, i contenuti video hanno dimostrato di essere incredibilmente efficaci quando si lanciano o si introducono nuovi prodotti o servizi a un nuovo pubblico. Per queste campagne, tutorial e contenuti esplicativi hanno dimostrato di essere uno strumento affidabile che fornisce risultati costanti. In effetti, guardare il video di un prodotto aumenta le probabilità di acquisto del 64%.

Riassumendo  

Diversi dati supportano e giustificano l’interesse, lo sforzo e l’investimento per l’aggiunta di contenuti video alle campagne di email marketing. Ormai è qualcosa di noto.

Tuttavia, quando si tratta di marketing, il “come” si implementa una strategia è di solito importante tanto quanto il fatto che la si stia implementando!

Mentre lavori allo sviluppo della prossima campagna email della tua azienda, usa le idee e i suggerimenti di cui abbiamo parlato oggi e trova il modo di implementarle. Potrebbe richiedere un po’ più di impegno e pianificazione, ma i risultati ripagheranno lo sforzo!

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Email Design: 4 consigli per la progettazione dell’header

Dalle best practice sul logo all'utilizzo del colore, fino al virtuosismo nel combinare coerenza e varietà. L’header è la prima cosa che il destinatario vede dell’email, ...

Continua a leggere

Le tendenze di Email Design per generare più vendite

Dalla grafica 3D al minimalismo, dall'iper-personalizzazione alla tipografia creativa. Con l'inizio di un altro decennio, i metodi che hai implementato fino ad ora probabilmente non avranno ...

Continua a leggere

Perché le immagini e gli elementi grafici sono essenziali nell’Email Marketing

L'email di marketing perfetta comprende molti elementi: un testo impeccabile, flussi coordinati, oggetti convincenti, contenuti di valore. Ma uno degli elementi più cruciali, probabilmente l'elemento ...

Continua a leggere

Email Marketing & Gen Z: consigli di Email Design e altre best practice

L'idea del classico divario generazionale sta lentamente passando in secondo piano. Con così tanti contenuti incentrati sul fatto che Baby Boomers o Millennials stiano rovinando ...

Continua a leggere

Strategie di ripartenza post Covid-19, tra hyper-personalization, automazione e data enrichment

Il virus ha segnato un prima e un dopo nel mondo retail e e-commerce. Vediamo i tool, le tecniche e le strategie con cui costruire ...

Continua a leggere

Timing and Pressure: il focus dedicato alle tempistiche di invio delle email e al loro impatto

Nasce la nuova collana MailUp Data! Oggi ti presentiamo la prima uscita con tutti i dati e i trend da conoscere sul timing e la ...

Continua a leggere