Come deve essere una newsletter per causare l’effetto wow nei suoi destinatari? Approfondiamo la questione del design e vediamo esempi virtuosi da cui trarre qualche trucco da applicare subito ai template delle tue newsletter.

Le newsletter non nascono con una finalità direttamente commerciale: sono comunicazioni periodiche che permettono a un brand di restare in contatto con la propria base di contatti, raccontando le ultime novità, presentando prodotti o servizi appena lanciati e proponendo offerte speciali riservate agli iscritti.

La natura delle newsletter è informativa e, soprattutto, relazionale. Non è comunque sbagliato considerarle anche strumenti strategici che possono aiutare un’azienda ad aumentare le proprie conversioni

Le newsletter funzionano (chi le legge trascorre l’80% in più di tempo sul sito), ma solo se fatte bene. 

Come scegliere il design delle tue newsletter

Che tipo di layout catturerà l’attenzione del tuo pubblico? Meglio una grafica minimalista o puntare sull’effetto wow? Solo testo? Solo immagini? Non c’è una regola universale di email design, un solo stile valido o un unico modo per attirare l’attenzione dei lettori e condurli alla chiamata all’azione. 

La scelta del design di una newsletter dipende da molti fattori, tra questi:

  • il suo contenuto: il bollettino di notizie del tuo brand contiene prevalentemente testo, la selezione dei prodotti del mese del tuo e-commerce invece soprattutto immagini. Nel primo caso, le parole devono risaltare sul resto: un design minimalista è il più funzionale. Nel secondo esempio, invece, i riflettori devono essere puntati sulle immagini dei prodotti per invitare i lettori ad approfondirne le caratteristiche sul sito: il design ideale di questo secondo tipo di contenuto è visivamente accattivante e fa leva sui sensi.
  • cosa si aspetta il pubblico: perché le persone si sono iscritte alla tua newsletter? Hai promesso loro offerte esclusive? O di raccontargli i segreti del tuo business? Devi avere chiaro questo punto per scegliere il design giusto per le tue newsletter.

Ricorda: la miglior newsletter è quella che soddisfa le richieste dei lettori. Chiediti sempre cosa indurrebbe il tuo pubblico a leggere la tua newsletter e, cosa ancora più importante, cosa può convincerli a tornare a leggerti.

Come creare un template per una newsletter

I template sono modelli di email che ti permettono di mantenere la brand consistency, o coerenza di brand, in tutte le comunicazioni che invii alla tua mailing list. Il layout rimane sempre lo stesso e questo aiuta i destinatari a identificarti fin dal primo momento come mittente.

Lo sviluppo dei template per le campagne email si fa con i linguaggi di programmazione. Con HTML e CSS puoi progettare un framework per le tue email basato in tabelle, personalizzare l’header e aggiungere immagini, testi, GIF, call to action, link, etc.

Con un editor di Email Marketing è semplicissimo creare un template, salvarlo e riutilizzarlo ogni volta che invii la tua nuova newsletter. Questo ti permetterà di risparmiare tempo, che potrai dedicare alla scelta dei contenuti e al copy dell’email.

Newsletter: alcuni esempi a cui ispirarsi

1. Airbnb

Analizziamo la newsletter di Airbnb: ha un layout a colonna singola, l’immagine di sfondo dell’header è, come tipico nel mondo Travel, una foto evocativa che, oltre a far immaginare un viaggio, crea un’empatia a livello umano grazie alla presenza della ragazza, la protagonista di questo messaggio.

Il design della mail è pulito e organizzato, soprattutto per la scelta di un testo nero su sfondo bianco. I blocchi sono ben separati, ognuno ha un titolo in grassetto e una descrizione semplice ed efficace che punta a soddisfare una diversa esigenza del lettore – aggiornare gli elenchi dei risultati, cambiare le impostazioni di ricerca, approfondire le norme di igiene delle case del network di Airbnb. Le CTA sono esplicite e chiare, contengono solo 2, massimo 3 parole.

Le immagini contenute in questa newsletter sono luminose e ci restituiscono l’idea di casa e di famiglia, valori portanti di Airbnb. La palette di colori della newsletter è in linea con quelli del brand (dai un’occhiata al vestito della ragazza nella prima immagine: è color corallo, como il logo di Airbnb). Il risultato di questa scelta è una sensazione di coerenza e un’immediata riconoscibilità del mittente dell’email. Da notare l’uso di indicatori direzionali, come le linee delle lenzuola che dall’header guidano il lettore a leggere il testo che segue.

Il template è ottimizzato per i dispositivi mobile, in linea con gli ultimi trend.

2. BrainPickings by Maria Popova

BrainPickings è una delle newsletter più interessanti in circolazione. Ogni domenica mattina gli abbonati ricevono un digest settimanale con i migliori articoli pubblicati su creatività, psicologia, arte, scienza, design e filosofia. È interessante analizzarla perché mostra come gestire una newsletter densissima di contenuti. Ciò che la fa funzionare è una struttura ben equilibrata tra testo e immagini: per abbassare il carico cognitivo richiesto al lettore, Maria non lesina in contenuti visual: foto, disegni e immagini a colori di alta qualità.

I colori del brand sono giallo, bianco e nero, che ritroviamo nell’immagine dell’header, nell’icona che presenta il progetto e lungo tutta l’email, ad esempio nelle virgolette che aprono le citazioni e nel blocco di richiesta di una donazione. Questa scelta assicura coerenza in tutto il messaggio e appigli visuali necessari, vista la lunghezza della newsletter.

I testi sono pulitissimi: oltre al nero, ritroviamo solo il rosso nei titoli e nei link.

4. TheSkimm

Ecco un esempio di newsletter che non promuove prodotti ma fornisce informazioni: TheSkimm racconta ogni giorno ai suoi abbonati cosa accade nel mondo. Ha più di 7 milioni di iscritti e un tasso di apertura di circa il 50%.

La prima cosa che notiamo è che si tratta di un template a colonna singola semplice e pulito, dove le uniche immagini presenti sono il logo del brand, le icone social e il pulsante per condividere la newsletter. I colori usati sono quelli del brand – il verde e il nero – e uno sfondo bianco enfatizza il contrasto tra sfondo e testo, facendo risaltare quest’ultimo.

La scelta del design di questa newsletter ha molto a che vedere con il suo pubblico, in maggioranza donne millennials, e con l’esigenza di rendere le parole potenti come le immagini.

Anche se il lettore di TheSkimm è preparato all’idea di affrontare una newsletter testuale corposa, l’email designer si è sforzato al massimo per alleggerirne il peso e lo sforzo cognitivo del destinatario: i paragrafi sono brevi e gli spazi bianchi danno un respiro durante la lettura. Il grassetto mette in luce i punti più importanti, offrendo al cervello dell’utente appigli visivi.

Il copy è vivace e strizza l’occhio alla cultura pop per mantenere il lettore attento e stuzzicarlo, in modo che abbia sempre voglia di leggere la newsletter di TheSkimm. 

Conclusioni

Ogni newsletter dovrebbe nascere con un obiettivo da raggiungere: fare brand awareness, rafforzare il senso di community, portare le persone sul sito per acquistare. 

La magia di un buon designer è quella di creare una newsletter in cui ogni elemento, dal layout ai contenuti, è funzionale a raggiungere quello scopo

Quando progetti i template delle tue newsletter non pensare solo a essere in linea con gli ultimi trend grafici, ma rispetta le promesse che hai fatto ai tuoi contatti e offri loro un’esperienza memorabile.

Hai bisogno di aiuto per progettare le tue email? L’editor BEE di MailUp offre template responsive adatti a tutte le esigenze, che puoi personalizzare in base al tuo settore e al tuo pubblico. Richiedi una prova gratuita di MailUp e comincia subito a progettare le tue newsletter.

Ti è piaciuto questo articolo? Ne abbiamo molti altri in serbo per te.

Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità di email e SMS marketing.

Leggi anche

Comprare mailing list: tutte le conseguenze di questa tattica

Se hai iniziato da poco a fare Email Marketing o è da un po’ che ci provi ma ancora non hai ingranato, potresti star valutando ...

Continua a leggere

Migliora la deliverability con l’autenticazione email

Come abbiamo già visto, la deliverability è strettamente legata al concetto di reputazione. Oggi parliamo di autenticazione delle email, che possiamo considerare il lato più ...

Continua a leggere

E-commerce: l’ebook che ti aiuta a vendere online con email e SMS

Scopri come vendere online con email e SMS partendo dalla convergenza dei dati sul tuo e-commerce e utilizzando le informazioni sui clienti per creare flussi ...

Continua a leggere

L’evoluzione della personalizzazione nelle email: il caso Iperal

Perché si parla così tanto di omnicanalità e customer centric method? Continuiamo a leggere articoli focalizzati su omnichannel, single customer view e personalization con evidenze ...

Continua a leggere

Il ruolo del mittente in una strategia di Email Marketing

Il 48,16% di tutte le email inviate nel mondo è contrassegnato come posta spazzatura dai filtri antispam dei provider. Evita che i tuoi messaggi subiscano ...

Continua a leggere

Come la reputazione del dominio del mittente influisce sulla deliverability

Un’email commerciale su cinque non raggiunge la posta in arrivo del destinatario (Return Path). Una tra le principali cause è la reputazione del mittente. Vediamo ...

Continua a leggere