Personalizzare le email andando oltre il “Ciao [Nome]”

05 Novembre 2020Tempo lettura: 6 min.

Le email personalizzate hanno tassi di conversione maggiori, ma non accontentarti di usare il campo dinamico Ciao [nome]. Scopri le altre opzioni a tua disposizione.

Inviare email personalizzate è un modo perfetto per stabilire con i propri contatti un rapporto uno a uno ed evitare un approccio massivo che in genere non piace agli utenti. 

Tra un’azienda che ti chiama per nome quando ti scrive via email, ad esempio Ciao Marco, e una che si rivolge a te senza alcuna intimità chi preferiresti? Può sembrare una banalità ma Axle ci dice che email con oggetti personalizzati ottengono il 50% in più di aperture

Personalizzare l’oggetto email è solo il primo approccio di una strategia che sfrutta i dati noti sull’utente, richiesti in fase di iscrizione o successivamente, per migliorare i contenuti inviati via email.

Alla base di questo metodo c’è la segmentazione del database e la possibilità di creare contenuti dinamici, ovvero di modificare il testo e le immagini di un’email per offrire messaggi diversi a diversi gruppi di persone.

I campi dinamici

La personalizzazione delle email passa per i campi dinamici, elementi variabili che possono essere modificati in base alle caratteristiche personali di ogni destinatario

Quello del campo dinamico (anche detto tag dinamico) è un elemento di personalizzazione delle email che solo  una piattaforma di Email Marketing professionale può permetterti di utilizzare,  sfruttando le informazioni di cui si dispone  sugli utenti delle proprie liste. 

I campi dinamici sono, infatti, degli elementi di un messaggio codificati (ad esempio [nome]) che la piattaforma di Email Marketing riconosce e sostituisce automaticamente al momento dell’invio con i dati corretti dei contatti presenti nel database. 

L’uso più comune di questa pratica è quello che permette di inserire il nome del destinatario in un’email, esordendo con un “Ciao Marco!” o “Ciao Cristina”

Il nome del destinatario è il campo dinamico che cambia in funzione del dato anagrafico fornito dal contatto al momento della sua iscrizione nel database. La piattaforma di invio non deve far altro che inserire l’informazione sul contatto nel campo tra parentesi quadre [nome]. Facile, vero?

email di esempio campo dinamico ciao

Il nome è solo uno dei tanti modi di utilizzo dei campi dinamici, che possono essere utilizzati sfruttando una grande varietà di altri dati. Se si pensa al mondo dei servizi, l’utilizzo di tag dinamici va oltre una questione formale ed è, anzi, funzionale a una serie di obiettivi pratici, come notificare al cliente una modifica di orario di una visita o l’avvenuta spedizione di un ordine (con relativi numeri di prenotazione, codici di acquisto o date di ritiro del prodotto) oppure per inviare al cliente un promemoria sulla data, la sede e l’orario di un appuntamento.

esempio email personalizzata notifica ordine

I campi dinamici possono essere utilzzati non solo nel corpo del messaggio ma anche nell’oggetto, con l’obiettivo di scrivere una subject line efficace e d’impatto, e nell’SMS Marketing, per personalizzare i messaggi di testo da inviare ai tuoi contatti, sulla base delle loro attività, interessi e dati anagrafici.

E la notizia migliore è che i consumatori rispondono positivamente a questo tipo di personalizzazione. Secondo AdAge, l‘80% dei consumatori è più propenso a comprare da un’azienda che offre un’esperienza personalizzata. 

La personalizzazione avanzata delle email

La verità è che puoi personalizzare le tue email molto meglio di “Ciao [nome]”. Ad esempio, puoi segmentare dinamicamente i tuoi messaggi in base a ciò che gli utenti stanno facendo sul sito web della tua azienda in tempo reale e attivare campagne di marketing con messaggi personalizzati in base alla loro attività.

Questo tipo di personalizzazione può coinvolgere in modo più profondo gli utenti e generare tassi di conversione più elevati. Secondo The Drum le aziende che utilizzano una tecnologia di personalizzazione che riconosce l’intento comportamentale degli utenti possono ottenere un aumento del 15% dei loro profitti.

Conoscere gli utenti

La personalizzazione delle email funziona quando disponi di dati validi sugli utenti. Tra i dati che puoi utilizzare ci sono:

  • il browser da cui navigano
  • il dispositivo che stanno usando (desktop o mobile).

Questi dati sono importanti a livello di strategia di Email Marketing perché ti dicono a cosa prestare attenzione. Ad esempio, se i tuoi contatti aprono le tue email soprattutto da mobile, dovrai assicurarti che i tuoi messaggi siano mobile friendly

Riconoscere i clienti

Disporre di informazioni sugli utenti ti permette anche di identificare ognuno di loro attraverso l’indirizzo email o il numero di telefono. Con un CRM avanzato, puoi unificare tutti i dati sugli utenti e creare per ciascuno un ID cliente che contenga tutte le informazioni disponibili su quella persona. Questo ti permetterà di inviare sempre comunicazioni personalizzate che intercetteranno l’utente con un approccio one to one, molto più efficace di un approccio generico.

Con questi dati in mano, puoi quindi eseguire una segmentazione più specifica dei tuoi clienti in base ai loro comportamenti su piattaforme e canali e inviare offerte di prodotti in linea con i loro interessi.

La personalizzazione avanzata delle email supera i semplici dati demografici del tipo età e località, utilizzando informazioni come: su cosa ha fatto clic l’utente, quali prodotti ha visualizzato, quali ha messo nel carrello e molto altro ancora.

Sfruttare la Marketing Automation in real-time

L’automazione è un ottimo alleato di chi fa Email Marketing perché ci sono azioni meccaniche che possono essere predisposte e impostate per attivarsi quando si verifica una data condizione (trigger). 

La Marketing Automation permette di risparmiare tempo e targettizzare meglio i contenuti inviati via email, aumentando le possibilità di conversione.

Disponendo di dati sul comportamento degli utenti, puoi fare molto di più che creare un flusso automatico per dare il benvenuto agli utenti o fare gli auguri di buon compleanno. 

Potresti ad esempio usare i campi dinamici e la Marketing Automation per attivare e inviare email con offerte dedicate in base alle azioni specifiche degli acquirenti o al punto in cui si trovano del loro customer journey

Qualche esempio: un utente ha visualizzato diversi articoli della tua sezione di vestiti per bambini. Questo ti dice che l’interesse è alto e che con un’azione mirata puoi dare a quel potenziale cliente la spinta di cui ha bisogno per decidere di comprare sul tuo e-commerce. 

Una mail automatica con la selezione delle novità del mese o il reminder di un articolo abbandonato nel carrello, provvisti di uno sconto o dell’invio gratuito, potrebbero convincere l’utente a completare l’acquisto.

Usare i campi dinamici con MailUp

La piattaforma di MailUp ti permette di inserire fino a 39 campi anagrafici, che puoi personalizzare assegnando ad ognuno un nome specifico o rendendolo dinamico (cambierà a seconda del valore che quel campo assume per ogni singolo destinatario).

Per impostare un campo dinamico con la piattaforma MailUp ti bastano poche semplici mosse: 

  • utilizza l’editor BEE per modificare il messaggio da inviare e colloca il puntatore del mouse nel punto del testo in cui vuoi inserire il campo dinamico
  • seleziona la voce Campi dinamici nella barra degli strumenti (come nella schermata)
  • seleziona il campo dinamico tra quelli che hai creato sulla piattaforma in base ai dati dei contatti del tuo database
schermata di impostazione campi dinamici

Se non disponi dei dati che attivano il tag dinamico per tutti i contatti del tuo database puoi utilizzare un valore predefinito, evitando il rischio di inviare una comunicazione con un tag disattivato. Per impostare il valore predefinito in un’email ti basta aprire il messaggio su cui stai lavorando, cliccare su Opzioni Avanzate e selezionare la voce Valori predefiniti campi dinamici.

campi dinamici valori predefiniti mail

Nel caso in cui volessi impostare dei valori predefiniti non a livello di singola email ma di piattaforma, dovrai:

  • Entrare in Configurazioni > Gestione piattaforma > Campi anagrafici
  • Cliccare su Azioni
  • In corrispondenza del campo a cui si vuole impostare il valore predefinito, selezionare Modifica. Apparirà la schermata sottostante da compilare:

Conclusioni

Personalizzare le tue azioni di marketing è una grande idea, ma non accontentarti di usare nelle tue email il campo dinamico Ciao [nome]. 

Puoi infatti relazionarti con i tuoi contatti a un livello più profondo, usando informazioni sui loro comportamenti online. Se i contenuti che veicoli via email attingono a questo, la personalizzazione sarà molto più efficace. 

Il risultato sarà una vittoria per entrambe le parti: i clienti troveranno prodotti davvero in linea con le loro necessità e tu avrai maggiori probabilità di fidelizzare i tuoi contatti.

Questo articolo è stato scritto da

Valentina Pacitti

Valentina Pacitti

Content Strategist

Mi occupo di Digital marketing dal 2013, con un’attenzione particolare ai contenuti e alle strategie di posizionamento organico. Come Copywriter e specialista in contenuti per il web aiuto le aziende a farsi trovare online e a esprimere tutto il loro valore attraverso i testi.

Articoli correlati