Mini guida all’utilizzo delle grafiche nelle landing page

10 Dicembre 2020Tempo lettura: 6 min.

Proprio come il linguaggio del corpo è il riflesso della personalità, le landing page riflettono l’identità di un marchio e contribuiscono ad affermare l’utilità dei tuoi prodotti e servizi.

Le pagine di destinazione sono come il luogo di un appuntamento tra il brand e l’utente: una cornice affascinante invoglia a rivedersi, mentre un panorama noioso potrebbe scoraggiare nuovi incontri. 

Se vuoi assicurarti che le tue pagine rientrino nella prima categoria e creare landing page che convertono  è fondamentale curarne l’aspetto grafico. 

Ecco alcuni suggerimenti su come utilizzare in modo efficace gli elementi visivi delle landing pages , accompagnati da alcuni esempi pratici.

Un layout ordinato

Il primo passo per realizzare una pagina di destinazione visivamente accattivante è mantenerla ordinata e priva di elementi di distrazione. Inserisci solo le informazioni essenziali e non sovraccaricare la tua pagina con grafiche irrilevanti. È sempre meglio, inoltre,  eliminare la barra di navigazione in modo che i visitatori non siano tentati dal visitare altre pagine. 

Immagini allettanti con riferimenti visivi

Le immagini sono più potenti delle parole: l’80% delle persone presta maggiore attenzione al messaggio se quest’ultimo è supportato da un elemento grafico. Dai un’occhiata alla pagina di destinazione di ALL PAW SPA, tramite la quale è possibile fissare un appuntamento presso la loro struttura. Il messaggio è corredato dall’adorabile foto di un cane, che ne arricchisce il testo e consente di ottenere maggiori conversioni. 

all paw spa example

GIF e fantasia

Se un’immagine statica non ti soddisfa prova a usare una GIF, creando in tal modo un’esperienza visiva più simile a un video che a una foto. Secondo Giphy oltre 500 milioni di utenti attivi trascorrono quasi 11 milioni di ore a visualizzare GIF sulla sua piattaforma. Tali cifre riflettono la grande popolarità delle GIF, elementi che puoi sfruttare in modo originale non solo nelle tue email, ma anche nelle tue pagine di atterraggio. 

Se ti occupi di eCommerce marketing puoi utilizzare le GIF per mettere in vetrina l’amplissima gamma di prodotti disponibili nel tuo negozio online. Le aziende proprietarie di SaaS possono, invece, utilizzare immagini animate per mostrare come si utilizza un particolare prodotto o servizio. 

Prendiamo l’esempio di Nordstrom, che ha sapientemente incorporato una GIF nella pagina di destinazione della propria piattaforma di shopping natalizio. 

nordstorm example

L’importante è assicurarsi che la dimensione della GIF non sia troppo grande onde evitare di rallentare il caricamento della pagina di destinazione. Se la tua scelta ricade su una GIF, mantieni la dimensione del file al di sotto di 1 MB. 

Sfondi e contrasti cromatici

Per attirare l’attenzione sulla sezione più importante di una pagina di destinazione è necessario utilizzare dei contrasti cromatici. La giusta combinazione di colori sullo sfondo permette di far risaltare l’intestazione della pagina e il pulsante di CTA, invogliando il visitatore a intraprendere l’azione successiva.

Nel caso di J.Hilburn, ad esempio, la CTA localizzato sullo sfondo dei prodotti è stato colorato di bianco in modo da renderlo facilmente visibile e cliccabile. 

hilburn landing page example

Spazi bianchi in quantità

Gli spazi bianchi consentono all’utente di rilassare la vista e di concentrarsi sul messaggio principale. Un loro utilizzo mirato conferisce alla pagina di destinazione un aspetto professionale, rafforzando allo stesso tempo la credibilità del brand. Essi servono, inoltre, a rispettare il principio dell’essenzialità e dell’ordine che abbiamo inserito come prima regola di questa mini guida. Ricorda sempre: less is more

duolingo landing page example

Video nelle pagine di destinazione: un aiuto prezioso

I video nelle pagine di destinazione aumentano la conversione dell’86%. Tuttavia, è bene assicurarsi che il contenuto sia sufficientemente pertinente e che trasmetta il messaggio in modo puntuale. Per aiutarti nella progettazione del layout della tua landing page e massimizzare le conversioni, puoi applicare la regola della piramide rovesciata:

regola della piramide rovesciata

Poiché il 90% dei clienti preferisce i video rispetto ad altre forme di contenuti, incorporandoli nelle pagine di destinazione avrai maggiori probabilità di successo. Strumenti come Hippo Video e Vidyard ti consentono di valorizzare il comparto grafico del tuo sito e di aggiungere video personalizzati nelle pagine di destinazione. In tal modo puoi offrire al visitatore un senso di esclusività, aumentando la probabilità di ottenere conversioni.

Puoi anche aggiungere testimonianze video coinvolgendo la tua community come prova sociale per incrementare la fidelizzazione dell’utente. 

Il potere delle illustrazioni

Il 95% dei consumatori nel settore B2B ha dichiarato di preferire contenuti brevi e altamente incisivi in termini grafici. Piuttosto che impostare un servizio fotografico o una campagna video, è una buona idea utilizzare illustrazioni statiche o animate per esprimere il tuo punto di vista.

Dai un’occhiata alla pagina di destinazione di district0x, che utilizza illustrazioni animate per spiegare i propri servizi al visitatore. 

district0x landing page example

Uno schema a zig-zag

Analizzando le mappe di calore gli esperti hanno verificato che le informazioni presentate su una pagina di destinazione utilizzando uno  schema a zig-zag sono in grado di generare conversioni migliori. 

Sulla pagina di destinazione di Evernote le informazioni principali sono posizionate seguendo la traccia di una Z. In questo modo il visitatore può scorrere la pagina con più facilità e usufruire del contenuto che gli interessa con maggiore immediatezza. 

schema a z evernote landing page example

Grafici, dati e cifre

Dati e cifre possono essere noiosi da leggere quando presentati sotto forma di paragrafi. Il tuo potenziale cliente potrebbe addirittura ignorarli completamente. Pertanto, il modo migliore per rappresentare visivamente i dati è utilizzare grafici accattivanti. 

Dai un’occhiata alla pagina di destinazione di SurveyMonkey. Quando un utente iscritto posa l’occhio sulla pagina, capisce subito che questo strumento gli permetterà di incrementare le vendite del 60%. 

I colori giusti

Scegliere la giusta gamma cromatica per trasmettere il tuo messaggio è fondamentale per aumentare le conversioni. Colori appropriati al business della tua azienda possono rafforzare il tuo discorso e colpire maggiormente l’immaginario dell’utente. 

Ospedali, organizzazioni non profit e marchi di abbigliamento minimalisti possono, ad esempio, ottenere un buon tasso di conversione utilizzando il colore bianco, poiché sinonimo di purezza e asetticità.  Il giallo e il rosso, invece, creano un’atmosfera allegra, ragion per cui è l’abbinamento preferito dalla maggior parte dei fast food McDonald’s e Burger King ne sono la dimostrazione).
Vuoi trasmettere un senso di pace, calma e verità? Il viola è la soluzione giusta, soprattutto per studi legali e uffici di consulenza. 
Marchi di lusso come Apple, invece, hanno scelto l’abbinamento cromatico bianco e nero in quanto contribuisce a dare l’idea di  ricchezza edesclusività dei loro prodotti. 

Creatività

Vuoi rendere più accattivante la tua pagina di destinazione? Spremiti le meningi e libera la fantasia! 

Prova a raccontare una storia invece di limitarti a una banale presentazione commerciale corredata da immagini statiche. 

Facciamo un paio di esempi al riguardo:

  • Stop Aging Now ha portato lo shopping vacanziero a un nuovo livello, incorporando una GIF nelle email per reindirizzare gli utenti alla pagina di destinazione dell’azienda.
gif nelle email stop aging now example
  • Moo, dal canto suo, ha inserito nei propri messaggi l’animazione di un tostapane con la CTA “tira la leva”. Cliccando sulla CTA, l’utente iscritto viene reindirizzato alla pagina di destinazione che lo accoglierà con un toast recante l’offerta di sconto.
moo gif nelle email example
moo landing page example

Sfrutta il potenziale di MailUp per creare Landing Page efficaci

MailUp offre uno strumento di creazione e gestione delle tue landing page facile e intuitivo. 

Grazie all’integrazione dell’editor drag & drop BEE nella piattaforma, in pochi passaggi potrai realizzare delle landing page che convertono come quelle che ti abbiamo mostrato in questo articolo. 

Questa funzionalità di MailUp ti dà la possibilità di:

  • creare pagine di atterraggio personalizzabili e in linea con lo stile della tua azienda
  • rendere le pagine responsive e facilmente navigabili, con la possibilità di aggiungere Call To Action pensate specificatamente per mobile
  • monitorare i clic aggiungendo un codice di tracciamento di web analytics

Questa funzionalità si è da poco arricchita di nuovi strumenti che ottimizzano e rendono ancora più efficaci le tue pagine di atterraggio, migliorandone il design con la possibilità di inserire nuovi elementi.

Queste sono alcune delle novità introdotte:

  • blocco HTML ottimizzato, per migliorare la compatibilità con i contenuti incorporati, come i sondaggi esterni
  • un layout di riga a 6 colonne, per sfruttare larghezze maggiori
  • un menu da poter inserire dove vuoi, con opzioni di invio email, SMS o chiamata e di inserimento di link esterni o interni
  • l’espansione della larghezza delle pagine fino a 1440 px 

Scopri cosa puoi fare con MailUp e tutto il potenziale della piattaforma per creare una landing page perfetta: richiedi una prova gratuita e utilizza tutte le funzioni di creazione senza impegno

In conclusione

La pagina di destinazione è il tuo generatore di conversioni. Se ti occupi di marketing e sei alla ricerca di ulteriori approfondimenti per migliorare l’appeal visivo della tua pagina di destinazione, l’infografica creata da Email Uplers “Visuals in Landing Pages – A deep dive” può esserti di grande aiuto. 

Se, invece, sei alle prime armi e non sai da dove partire per creare una landing page, affidati alla piattaforma MailUp: chiedi un preventivo e fatti guidare dai consigli del nostro team di esperti. 

Questo articolo è stato scritto da

Kevin George

Kevin George

Contributor

Kevin George è un esperto di email marketing con oltre 10 anni di esperienza nel settore. È appassionato di scrittura e collabora regolarmente con Hubspot , Salesforce, Marketo, SEMrush, ecc. Inoltre, Kevin lavora come Head of Marketing presso EmailMonks, aiutando le aziende con la conversione di email da PSD a HTML e con la progettazione e la codifica di modelli email. Puoi leggere altri suoi articoli sul suo blog di email marketing.

Articoli correlati