Le ultime novità di BEE, per un design ancora più ottimizzato

25 Febbraio 2021Tempo lettura: 6 min.

Dai nuovi set di GIF, emoji e sticker animati fino ai tag title automatici e al letter spacing. Scopriamo quali sono le ultime novità dell’editor BEE per un design ancora più ottimizzato e a prova di conversione.

Il lavoro di aggiornamento e perfezionamento delle funzionalità di BEE, l’editor drag & drop integrato alla piattaforma MailUp, continua. L’obiettivo è sempre quello di garantire un design ancora più accessibile, personalizzabile ed efficace. 

Le ultime novità questa volta si concentrano su tre fronti:

  • gli elementi grafici, con nuovi set di GIF e sticker animati per permettere di creare email ancora più dinamiche e creative
  • l’oggetto, con nuove emoji per renderlo ancora più efficace e adatto a qualsiasi esigenza
  • i titoli, con l’introduzione della funzione di letter spacing e la possibilità di inserire in modo automatico i title tag H1, H2 e H3, per garantire maggiore flessibilità e accessibilità al design di email e landing page.  

Vediamo nel dettaglio come utilizzare ognuna di queste novità e quali sono i loro vantaggi.

Dai vita alle tue campagne con i nuovi set di GIF e sticker

GIF e sticker animati sono elementi che rendono indubbiamente più accattivante e originale una campagna email e sempre più spesso le aziende li utilizzano per contraddistinguersi nelle inbox. 

Nel 2019 il 61% dei marketer ha dichiarato di utilizzare abitualmente questi elementi animati nelle loro campagne per facilitare aperture, clic e conversioni e alcuni casi studio hanno evidenziato come l’utilizzo delle GIF abbia aumentato le aperture del 6% e incrementato i tassi di clic fino al 42%. 

Per rendere i tuoi messaggi ancora più dinamici e creativi, l’editor BEE si è arricchito di un nuovo set di GIF e sticker animati, ampliando sempre di più la gamma di elementi grafici con cui poter sperimentare. 

Come inserire GIF e sticker nelle tue email

Con l’editor BEE aggiungere questi elementi animati alle tue email è semplice e veloce e non richiede particolari competenze. Ti basterà trascinare il blocco di contenuto di sticker e GIF nel template del tuo messaggio e posizionarlo dove preferisci. 

blocco di contenuto gif e sticker

Cliccando su “Aggiungi gif” o “Aggiungi sticker” potrai cercare nella vasta galleria a disposizione le GIF e gli sticker che più si prestano al contenuto del messaggio e alle tue esigenze creative. 

aggiungi e seleziona GIF

seleziona sticker animato

Segui il tutorial completo per utilizzare le GIF nel modo giusto!

Una volta completato l’inserimento, potrai regolare la dimensione degli elementi visivi selezionati, step fondamentale per evitare che GIF e sticker sovradimensionati possano rivelarsi troppo lenti da animare o appesantire la tua email, con conseguenti rischi di deliverability.

regola dimensione immagini

Non esiste una regola fissa per le dimensioni di un file, in generale cerca di mantenere la tua GIF sotto i 100 KB.

I vantaggi

Negli ultimi anni le aziende stanno esplorando le numerose potenzialità di questi elementi grafici, sperimentando e introducendo usi sempre più diversi e creativi. Oltre ad essere elementi decorativi che aumentano l’originalità e danno movimento alle email, GIF e sticker animati possono servire, infatti, a molti altri scopi:

  • illustrare visivamente e in modo più immediato le funzionalità di un prodotto
GIF Dell dimostrazione prodotto
  • accompagnare lo storytelling sull’origine del prodotto, per aumentare l’efficacia del racconto
GIF storytelling di prodotto
  • sostituire e mimare l’effetto di un video 
GIF per sostituire un video
  • rappresentare visivamente gli step per utilizzare un’applicazione o un prodotto, come una sorta di tutorial in versione animata
GIF tutorial funzionamento App
  • mostrare una carrellata di prodotti, i loro possibili abbinamenti o le varianti di colore e fantasia
GIF carrellata prodotti

Scopri i tanti altri modi per utilizzare le GIF in modo divertente, utile e diverso dal solito

Aumenta l’efficacia dell’oggetto con le nuove emoji

Un altro modo per svecchiare i tuoi messaggi, spiccare nelle inbox e facilitare le aperture è utilizzare le emoji, elementi visivi che sono diventati ormai parte integrante del nostro modo di comunicare. 

Le neuroscienze hanno confermato che l’incidenza di questi simboli nelle nostre forme di comunicazione quotidiana è dovuta alla loro capacità di generare più empatia rispetto alla semplice parola scritta. In ambito marketing questo porta a considerarli elementi chiave per l’efficacia di una strategia di comunicazione. Il loro impiego, infatti, cresce ogni anno del 775%, posizionandosi davanti ad altri elementi molto utilizzati come i campi dinamici (secondo quanto evidenziato dalla nostra edizione dell’Osservatorio dedicata agli oggetti delle email).  

Visto il loro successo, l’aggiornamento del set di emoji a disposizione sulle diverse applicazioni di messaggistica è costante e, per non essere da meno, anche l’editor BEE ha introdotto nuovi simboli con cui arricchire e ottimizzare l’oggetto delle email. 

Per utilizzarli, ti basterà andare nella scheda di Riepilogo del messaggio e cliccare sul simbolo dell’emoji accanto al box riservato all’oggetto. 

nuovo set di emoji BEE

Così facendo potrai inserire le nuove emoji direttamente nell’oggetto del tuo nuovo messaggio, facendo attenzione a rispettare le 7 regole fondamentali per una subject line a prova di apertura

Favorire le aperture, creare empatia e altri vantaggi

Perché dovresti utilizzare le emoji? Le risposte a questa domanda sono molteplici:

  • aumentano l’efficacia dell’oggetto, permettendo di esprimere il suo contenuto in modo immediato e con un maggiore grado di espressività
  • fanno registrare maggiori tassi di clic, secondo quanto rilevato dal nostro studio sugli oggetti delle campagne email
  • aumentano le aperture uniche. Secondo Experian, il 56% dei brand che hanno utilizzato le emoji nella subject line ha ottenuto un aumento delle aperture uniche
  • generano maggiori tassi di reattività, in quanto trasmettono in maniera più immediata ed empatica un’emozione 
L'emoji nell'oggetto delle email
  • permettono di risparmiare spazio, traducendo parole e significati in un’icona e condensando il messaggio 

Scopri 4 modi per utilizzare le emoji nell’oggetto

Ottimizza la gerarchia e il design dei tuoi contenuti con le funzionalità title tag e letter spacing

Cosa sono i title tag

In generale il tag title, anche chiamato titolo delle pagine o titolo HTML, è il titolo cliccabile di una pagina Web che appare nei risultati sulla SERP.

Fonte: Semrush

All’interno di una pagina web o di un’email, l’utilizzo dei tag title serve a ottimizzare l’organizzazione dei contenuti dando loro una gerarchia ben precisa (H1 per il titolo principale, H2 e H3 per paragrafi e sottoparagrafi). 

gerarchia contenuti email

Solitamente, per impostare il titolo di una pagina, si utilizza il tag <title> nell’HTML del testo. La maggior parte dei sistemi di gestione dei contenuti, però, mette a disposizione dei moduli per impostare automaticamente i tag title. Tra le ultime funzionalità di BEE di questi mesi, troviamo proprio la possibilità di inserire automaticamente nelle email e nelle landing page i tag title, senza bisogno di intervenire sull’HTML del testo. 

Come inserire un title tag con BEE

Per utilizzare questa nuova funzionalità, ti basterà aggiungere il blocco di contenuto dedicato al titolo, posizionarlo nel corpo del messaggio e selezionare il tipo di tag title che vuoi inserire (H1, H2 o H3). 

blocco di contenuto titolo
title tag BEE

Perché i title tag sono importanti: una questione di accessibilità e SEO

I tag title segnalano agli utenti e ai motori di ricerca l’argomento della pagina web e indicano a questi ultimi quanto è pertinente una determinata pagina web per la query di un utente. Il loro inserimento e la loro ottimizzazione all’interno di una landing page sono importanti in ambito SEO in quanto incidono sul posizionamento della pagina.

All’interno di un’email, invece, l’inserimento di una gerarchia di titoli e contenuti permette ai tuoi messaggi di adeguarsi agli standard di accessibilità web, facilitando la lettura del messaggio. 

Con accessibilità delle email si intende la progettazione delle email finalizzata a garantire a tutti i destinatari – incluse le persone con disabilità (la cecità, ad esempio) o che fanno uso di tecnologie assistive (come gli screen reader) – la piena fruizione del messaggio e di tutti i suoi contenuti. 

Affinché sia accessibile, quindi, un messaggio deve adeguarsi a una serie di linee guida (le Web Content Accessibility Guidelines – WCAG) che devono essere seguite da tutti gli sviluppatori di contenuti per il web. All’interno di queste guidelines, in costante aggiornamento, troviamo l’utilizzo dei title tag per organizzare il testo e renderlo fruibile dal maggior numero di utenti.  

Gioca con il design dei tuoi contenuti con il letter spacing

Oltre ai title tag automatici, BEE si arricchisce di un’altra funzionalità per ottimizzare il design dei tuoi contenuti. Con il letter spacing, infatti, da oggi potrai distanziare i caratteri che compongono i tuoi titoli, blocchi di testo e pulsanti come più preferisci, per garantire maggiore flessibilità al design di email e landing page. 

Per utilizzare questa funzionalità, basta cliccare sul contenuto di testo che intendi modificare e aumentare il distanziamento dei caratteri, come nell’esempio seguente:

letter spacing BEE

Come i title tag, anche questa funzionalità incide sull’accessibilità di email e pagine di atterraggio, poiché permette di rendere più leggibile qualsiasi contenuto di testo. 

Il secondo vantaggio del letter spacing è quello di consentire alle aziende di rendere il design più coerente e compatibile con le linee guida tipografiche del brand. 

Dalla teoria alla pratica 

Come di consueto ti invitiamo a provare con mano le novità dell’editor BEE e della piattaforma MailUp, nella speranza che le ultime funzionalità ti permettano di sperimentare ancora di più con la tua creatività e di creare email e landing page sempre più efficaci. 

Questo articolo è stato scritto da

Paola Bergamini

Paola Bergamini

Sono nata nel 1993 a Como e sono evasa dai confini della provincia per studiare a Milano, dove mi sono laureata in filosofia seguendo una passione personale. Da sempre affascinata al mondo del digital e della comunicazione, amo scrivere e arricchirmi leggendo. Come Content Editor di MailUp, mi tengo aggiornata sul mondo dell'Email e del Digital Marketing per divulgarne trend, teorie e strumenti.

Articoli correlati