Strategie di Email Marketing per affrontare gli slow months delle vendite

18 Marzo 2021Tempo lettura: 4 min.

Si parla sempre di come sfruttare al meglio le occasioni più redditizie dell’anno, tra Black Friday, festività natalizie e saldi stagionali. Ma cosa si può fare per continuare a vendere anche nei mesi di stallo? Ecco 5 pratici consigli!

Black Friday, Cyber Monday, Natale, Capodanno, Epifania e saldi invernali: da novembre a febbraio inizia il tour de force delle aziende per aggiudicarsi il primo posto nelle preferenze di acquisto dei consumatori e sfruttare al massimo quelli che sono considerati ormai da anni i mesi più redditizi dell’anno. Non a caso, lo scorso anno le vendite online legate a questo periodo cruciale hanno raggiunto il record di 789 miliardi di dollari solo nel mercato americano, circa il 30% dei profitti complessivi del 2020

Terminata questa sfiancante corsa, per aziende e consumatori è tempo di riprendere fiato e tornare a un andamento più lento. Tuttavia, per non vanificare i risultati ottenuti ed evitare il rischio di intorpidimento, è importante sfruttare anche questo periodo di quiete e trarre il meglio persino dai mesi di stallo. Ecco, quindi, 5 strategie di Email Marketing che puoi mettere in pratica per mantenere costanti le vendite nei cosiddetti slow months.

1. Sfrutta occasioni e festività non tradizionali con campagne email a tema

Le festività natalizie e le ricorrenze come Black Friday e saldi stagionali rappresentano un’ottima occasione di vendita perché danno alle aziende un valido motivo per inviare campagne email e SMS a tema e, dall’altro lato, danno ai destinatari una ragione per aprire i messaggi che riempiono le loro inbox, ben consapevoli di trovare al loro interno codici sconto e promozioni limitate nel tempo. Il senso di urgenza e il fascino dell’occasione imperdibile, non dimentichiamocelo, sono aspetti che fanno leva sui bias cognitivi che guidano gran parte delle nostre scelte d’acquisto, come abbiamo già spiegato in questo articolo.  

Un primo consiglio per incrementare le vendite anche nei restanti mesi dell’anno, quindi, è quello di individuare e sfruttare festività non tradizionali, giornate mondiali e occasioni meno conosciute che possono adattarsi alla tua tipologia di business. Costruisci campagne email a tema e promuovi iniziative e sconti per aumentare l’interesse e la reattività dei tuoi contatti e facilitare le conversioni. 

Esempio

Se sei un’azienda del settore Food & Beverage, puoi sfruttare ricorrenze meno tradizionali come le giornate mondiali a tema cibo (ormai molto frequenti e talmente varie da potersi adattare a qualsiasi business) per promuovere menù particolari, progettare email dal design accattivante e coerente con l’occasione, offrire codici sconto o lanciare delle iniziative, come in questo caso: 

chipotle-avocado-day-email

Per sfruttare certe occasioni non devi per forza aspettare la ricorrenza che si adatta perfettamente al tuo business: l’importante è creare un’associazione intelligente e trovare una connessione non troppo forzata con i tuoi prodotti, dando libero sfogo alla creatività. 

Raymour & Flanigan, pur essendo un brand di arredamento, nella seguente campagna sfrutta la giornata mondiale del caffè per promuovere gli ambienti interni della casa arredati con i loro mobili in cui poter gustare al meglio la famosa bevanda: 

raymour&flanigan-coffee-day

In questo secondo esempio, Baggu incentiva la vendita delle sue borse sfruttando come occasione non tradizionale il mese dedicato alla terra e all’ambiente, con una campagna orientata non solo all’incremento degli acquisti, ma anche al rafforzamento della reputazione del brand, facendo leva sulle scelte etiche dell’azienda e sull’iniziativa di destinare parte dei ricavi a una nobile causa. 

baggu-earth-month-email

Le giornate mondiali dedicate a un particolare tema sono solo un esempio. Le feste della mamma e del papà, San Patrizio, Pasqua, il pride month, Halloween, San Valentino: la lista di occasioni da sfruttare con campagne email a tema e promozioni ad hoc è lunga e trovare la ricorrenza che meglio si adatta al tuo business e ai tuoi scopi è senz’altro facile. 

dunkin-donuts-mother's-day
st-patrick-day-email-pulp-press

2. Campagne di re-engagement

Se i mesi più redditizi e frenetici sono l’occasione d’oro per focalizzarsi sui potenziali clienti attirandoli con offerte e sconti, i cosiddetti slow months sono perfetti per spostare il focus sugli utenti inattivi del database. 

Approfitta dello stallo per fare il punto sui livelli di engagement del tuo database e analizza le statistiche relative ai tassi di coinvolgimento dei tuoi utenti per identificare quelli inattivi da risvegliare. 

Con la piattaforma MailUp, grazie alle nuove funzionalità dell’area Statistiche e ai nuovi Report di Engagement, puoi esaminare la composizione del tuo database in termini di engagement attraverso i due grafici Fotografia engagement destinatari e Engagement dei destinatari in un periodo selezionato.

Con questi strumenti puoi rilevare il grado di coinvolgimento della tua audience e individuare facilmente gli utenti poco attivi e inattivi del database. 

Una volta stabilito il segmento di utenti da riattivare, puoi iniziare a creare la tua campagna di re-engagement. Parti da un oggetto efficace per stimolare la curiosità degli utenti e incentivare le aperture. Formule come “Ci manchi”, “Vorremmo riconnetterci con te”, “Che fine hai fatto?” o “ È passato un po’ di tempo” sono alcuni esempi di oggetti che spesso vengono utilizzati per questo tipo di campagne per riprendere una conversazione. Fai attenzione a non utilizzare formule dal tono accusatorio o che possano risultare come una recriminazione nei confronti dell’utente. L’obiettivo è far sentire importanti i tuoi contatti e far capire loro quanto contano per te. 

Le tue campagne di riattivazione dovrebbero, inoltre, offrire qualcosa all’utente, da codici sconto a informazioni su nuovi prodotti e servizi o ancora a una carrellata di prodotti che potrebbero interessare sulla base degli acquisti passati.  

re-engagement-email-example

Questi sono solo alcuni dei consigli per realizzare campagne di riattivazione efficaci! Leggi il volume di MailUp Data Strategie di re-engagement per saperne di più! 

banner strategie di re-engagement

3. Email di remind per il riacquisto di un prodotto

Sfrutta gli acquisti ricorrenti dei tuoi clienti per inviare delle email di remind e incentivare un nuovo acquisto quando il prodotto o servizio in questione sta per terminare o è in procinto di scadere. 

Che si tratti di un servizio in abbonamento in scadenza o di un prodotto che l’utente acquista con una certa frequenza, monitorando lo storico degli ordini dei tuoi contatti potrai accedere facilmente a queste informazioni e costruire campagne personalizzate che ricordino all’utente di effettuare un nuovo acquisto, magari aggiungendo uno sconto ad hoc per facilitare la conversione.

sephora-restock-email-example

Puoi impostare una campagna basata su una serie di email, inviando un primo messaggio quando il termine del prodotto o servizio si avvicina e un secondo messaggio quando il momento è ormai vicino. Puoi prevedere, inoltre, un terzo e ultimo invio quando è trascorso un po’ di tempo e l’utente non ha ancora effettuato il suo ordine.

4. Punta sul referral marketing

Quale occasione migliore di un periodo di stallo per attivare campagne di referral marketing? Circa il 2,3% di tutte le vendite proviene da questo tipo di strategia  e le probabilità di effettuare un acquisto sono 4 volte superiori quando questo è stato consigliato da un amico. 

Cos’è il referral marketing?

Si tratta di una strategia di vendita basata sulle segnalazioni o raccomandazioni di clienti che, conoscendo l’azienda, suggeriscono a terze persone di rivolgersi ad essa ed acquistarne i prodotti o servizi. Solitamente, programmi e iniziative di questo tipo fanno leva su una forma di ricompensa vantaggiosa sia per il cliente abituale che per la terza persona che viene coinvolta.

Le raccomandazioni sono il fattore primario che si cela dietro a circa la metà delle decisioni di acquisto dei consumatori secondo McKinsey. Far leva su questo tipo di strategia, quindi, è un ottimo modo per cercare di aumentare le vendite anche negli slow months, con campagne email come queste:

saje-referral-marketing-email
maude-referral-email-give-some-get-some

5. A volte non serve vendere qualcosa: crea valore e punta su brand reputation e brand loyalty

I mesi in cui non c’è nessun lancio di prodotto e nessuna iniziativa da promuovere all’orizzonte possono rappresentare l’occasione perfetta per inviare tutte quelle campagne email su cui non ci si può focalizzare nei periodi più intensi dell’anno, ovvero quei messaggi che non prevedono una vendita diretta tradizionale, ma che sono altrettanto utili e strategici per incrementare i profitti in un modo indiretto e meno esplicito. Facendo leva sulla brand reputation e su qualità e valore, si può rafforzare il legame di fiducia con gli utenti e facilitare, anche senza vendere, le conversioni. 

Messaggi incentrati su mission e valori del brand, campagne di natura informativa che mostrano il dietro le quinte dei tuoi processi produttivi oppure email che presentano i collaboratori, la cultura aziendale e l’ambiente lavorativo sono solo alcuni esempi di contenuti che non riguardano una vendita diretta, ma che certamente creano valore e migliorano la tua reputazione, incrementando di conseguenza la fiducia del pubblico nei tuoi confronti e, quindi, le probabilità che le future decisioni di acquisto ricadano su di te. 

jacobsen-salt-show-love-to-bees
lush-our-values-in-our-products

Conclusioni

L’Email Marketing non è fatto solo di campagne email per vendere prodotti nei mesi strategici dell’anno. Tra campagne di riattivazione, email di remind e messaggi sui valori e sull’etica aziendale ci sono numerose strategie da mettere in atto terminati i periodi più redditizi dell’anno. In questo articolo ti abbiamo dato alcune idee: non ti resta che sperimentarle e integrarle con i consigli del team di esperti MailUp! Richiedi una consulenza e fatti aiutare dai nostri specialisti per raggiungere facilmente i tuoi obiettivi. 

Questo articolo è stato scritto da

Paola Bergamini

Paola Bergamini

Sono nata nel 1993 a Como e sono evasa dai confini della provincia per studiare a Milano, dove mi sono laureata in filosofia seguendo una passione personale. Da sempre affascinata al mondo del digital e della comunicazione, amo scrivere e arricchirmi leggendo. Come Content Editor di MailUp, mi tengo aggiornata sul mondo dell'Email e del Digital Marketing per divulgarne trend, teorie e strumenti.

Articoli correlati